Fiore e mani sulla pancia
Ultimo aggiornamento: 23/11/2020

Il nostro metodo

19Prodotti analizzati

35Ore impiegate

25Studi valutati

124Commenti raccolti

Soffri di costipazione, diarrea, gonfiore addominale o disagio intestinale? I tuoi batteri intestinali potrebbero essere il problema! E non per i motivi che pensi. Il nostro intestino contiene un incredibile ecosistema microbico composto da oltre cento trilioni di batteri da un massimo di mille specie diverse (1). Questi batteri, insieme ad altri microrganismi, sono essenziali per la salute del nostro sistema digestivo e per il benessere generale.

Ma i batteri non dovrebbero farci male? Non sempre. I nostri corpi vivono in armonia con miliardi di batteri sulla nostra pelle, nel sistema respiratorio e altro (2). Ci aiutano a rimanere in salute e a combattere le infezioni da microrganismi dannosi. Probabilmente ti starai chiedendo, qual è la differenza tra batteri buoni e batteri cattivi? Cosa posso fare per aiutare i miei batteri alleati? Queste e molte altre domande riceveranno risposta in questo articolo, quindi continua a leggere!

Le cose più importanti in breve

  • La nostra dieta, la genetica e l’ambiente influenzano direttamente i nostri batteri intestinali.
  • Il microbiota intestinale aiuta a rilevare e combattere i batteri nocivi che possono alterare la nostra salute, avendo un’influenza diretta sul nostro sistema immunitario.
  • Il consumo di antibiotici e alcune patologie possono distruggere batteri essenziali per la nostra salute. È importante reintrodurli con l’alimentazione e/o gli integratori.

I migliori prodotti per i nostri batteri intestinali

Vuoi sostenere i tuoi batteri benefici, ma non sai quali prodotti scegliere per farlo? Non devi preoccuparti. Qui sotto puoi trovare la nostra selezione con i migliori prodotti sul mercato adatti a migliorare la tua salute intestinale e non solo. Vediamoli insieme!

Il probiotico vegano più popolare

Ogni capsula di questo integratore fornisce 30 miliardi di CFU (Colony Forming Unit) e 15 ceppi batterici tra cui Lactobacillus e Bifidobacteri in combinazione con zinco e inulina (quest’ultima come probiotico). Si consiglia di assumere 1 o 2 capsule al giorno durante i pasti o a stomaco vuoto.

Questo prodotto è stato valutato 4,4 su 5 stelle dagli acquirenti, che sottolineano il sollievo dai disagi intestinali e la regolarizzazione delle visite in bagno. Alcuni consumatori raccomandano di assumere le capsule con il cibo per evitare effetti avversi.

Il miglior probiotico privo di OGM

Questo probiotico contiene 40 miliardi di CFU con 15 ceppi batterici per dose, combinando Lactobacillus, Bifidobacterium e Streptococcus in capsule resistenti agli acidi gastrici. La dose raccomandata è di due capsule al giorno da assumere con abbondante acqua.

Valutato 4,5 su 5 stelle, questo probiotico libero da OGM (organismi geneticamente modificati) è acclamato per il suo ottimo rapporto qualità-prezzo e la sua efficacia nell’alleviare i disagi intestinali e persino migliorare l’aspetto della pelle.

Il miglior probiotico per intestini sensibili

A differenza della maggior parte dei probiotici, questo prodotto viene fornito in combinazione con la fecola di patate, un prebiotico adatto a persone con sindrome dell’intestino irritabile. È 100% vegano e contiene 16 varietà ad ampio spettro, tra cui Lactobacillus, Bifidobacterium e Streptococcus. La dose giornaliera di 2 capsule contiene 50 miliardi di CFU che possono essere assunti con il cibo o a stomaco vuoto.

Con una valutazione di 4.5 stelle su 5, è considerato un probiotico di alta qualità ed efficace, che allevia i sintomi gastrointestinali a un prezzo ragionevole.

Tutto quello che devi sapere sui batteri intestinali

Alcuni studi indicano che il nostro primo contatto con i batteri avviene per la prima volta subito dopo la nascita, ma studi più recenti hanno trovato batteri intestinali in neonati prematuri, il che potrebbe significare che entriamo in contatto con loro sin dall’utero.

Questi batteri si diversificano completamente dopo 2 o 3 anni. In cambio di una ‘casa’ e di nutrizione ricevuta dal nostro corpo, i nostri microscopici compagni ci offrono molteplici vantaggi.

Donna che sorride mangiando uno yogurt

Puoi trovare i probiotici negli alimenti fermentati come lo yogurt. (Fonte: Marctran: 100914463/ 123rf.com)

Quali sono i batteri intestinali?

Questi piccoli ospiti, chiamati anche microbiota intestinale o flora, sono microrganismi che, per la maggior parte, vivono in equilibrio con il nostro corpo. Questa interazione si chiama mutualismo, grazie al quale beneficiamo dei nostri batteri intestinali mentre loro traggono beneficio da noi.

I batteri intestinali più comuni nel nostro corpo sono:

  • E. Coli (nonostante la sua relazione con varie patologie, vive in armonia nel nostro intestino. Questo può cambiare in situazioni in cui viene alterato l’equilibrio della nostra flora intestinale)
  • Bacteroides
  • Bifidobacterium
  • Eubacterium
  • Clostridium
  • Lactobacillus
  • Fusobacterium

Cosa fanno i batteri intestinali?

Le funzioni dei nostri piccoli ospiti sono ancora sotto studio, ma ce ne sono molte che già conosciamo (2, 5). Qui sotto ti presentiamo le loro funzioni più importanti:

  • Prevengono la colonizzazione di microrganismi estranei.
  • Aiutano a digerire il cibo.
  • Producono vitamine B e K che il nostro corpo non è in grado di sintetizzare da solo.
  • Supportano lo sviluppo e l’equilibrio del sistema immunitario.
  • Diversi studi sono attualmente in corso per verificare la loro relazione con la riduzione del rischio di soffrire di alcuni tipi di cancro (colon, mammella e prostata).
  • La ricerca attuale suggerisce una correlazione dei batteri intestinali con il miglioramento di alcuni disturbi neurologici, metabolici e psichiatrici (3).

Cosa influenza l’equilibrio dei batteri intestinali?

I batteri intestinali sono in grado di adattarsi ai cambiamenti nel loro ecosistema mantenendo la nostra salute intestinale. Nonostante ciò, esistono alcune situazioni che possono alterare drasticamente l’ecosistema microbico (l’equilibrio è conosciuto come ‘eubiosi’. Di conseguenza i nostri batteri non sono in grado di adattarsi a tale cambiamento generando “disbiosi” (2).

Questa condizione è il risultato di varie alterazioni, come la drastica riduzione della popolazione naturale dei batteri intestinali, alterazioni del loro ambiente (come cambiamenti nel pH intestinale) e colonizzazione di batteri tossici, tra le altre problematiche.

  1. Patologie intestinali come carcinoma del colon, celiachia, malattia infiammatoria intestinale o infezioni da batteri estranei.
  2. Patologie extraintestinali come obesità, diabete e disturbi immunitari.
  3. Consumo prolungato di antibiotici.
  4. Diete povere di fibre e ricche di zuccheri, carboidrati raffinati e grassi saturi.
  5. Invecchiamento accompagnato da malnutrizione.
  6. Sedentarietà.
  7. Stress.
  8. Consumo di alcol, tabacco e droghe.

Dr. Federico Pérez de la RomanaDirettore dell’omonimo Istituto Pérez de la Romana

“Le ultime ricerche mostrano che i batteri sono di vitale importanza e mantenerli in equilibrio è decisivo per raggiungere la buona salute come obiettivo per sentirsi a proprio agio con il nostro corpo”.

Come evitare i batteri intestinali dannosi per la mia salute?

Non tutti i batteri che hanno accesso al nostro intestino sono positivi per il nostro corpo. Alcuni possono essere responsabili di diverse patologie come la diarrea, gonfiore addominale, disagio e molti altri sintomi spiacevoli. Ma come li differenziamo dai batteri “buoni”? Le seguenti funzionalità possono essere di grande aiuto:

  • Provenienza: i batteri che provengono da integratori e cibi fermentati vivono nei nostri corpi in simbiosi (17) e ci sono utili. I neonati acquisiscono batteri intestinali dal latte materno che rappresentano una grande barriera difensiva.
  • Scadenza degli alimenti: contrariamente a quanto sopra, quando consumiamo cibo in cattive condizioni, lavato o cucinato in modo improprio, possiamo acquisire batteri e altri microrganismi che possono farci ammalare.
  • Ambiente intestinale: un intestino sano è un ambiente perfetto per la crescita di un buon ecosistema microbico. Una dieta ricca di fibre e povera di zuccheri raffinati è un ottimo alleato per i nostri batteri.
  • Cattiva alimentazione: in caso contrario, le diete ricche di grassi trans e zuccheri raffinati compromettono l’equilibrio del nostro sistema digestivo. Questo riduce la popolazione di batteri sani e altera il pH intestinale, favorendo i microrganismi patogeni.

Probiotici e prebiotici, c’è una differenza?

Nonostante siano parole molto simili, i probiotici e i prebiotici sono decisamente diversi e dovresti conoscere perché entrambi sono essenziali. Qui di seguito te lo spieghiamo in dettaglio:

  • Probiotici: microrganismi vivi che assunti in quantità adeguate promuovono la salute intestinale ed extraintestinale. I più comuni sul mercato sono i Lactobacilli e i Bifidobatteri.
  • Prebiotici: molecole di grandi dimensioni che non vengono digerite dai nostri corpi, raggiungendo l’intestino in quantità sufficienti per servire da cibo per i batteri. Questi includono inulina, fecola di patate, galattooligosaccaridi presenti nel latte materno e molti altri.

Chi non dovrebbe usare i probiotici?

Nonostante i probiotici siano considerati uno degli integratori con minor effetti collaterali, alcune persone con determinate patologie dovrebbero evitare il loro uso:

  • Immunodepressi. Le persone con HIV – AIDS, coloro che hanno ricevuto trapianti o le persone con malattie autoimmuni (Lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide o sclerosi multipla) (22) dovrebbero essere rigorosamente monitorati per fare uso di probiotici.
  • Bambini e neonati. Sebbene ci siano probiotici indicati per i bambini, non devono mai essere somministrati senza consultare il pediatra.
  • Gruppi speciali. Nelle donne in gravidanza e negli anziani l’uso dei probiotici è quasi sempre raccomandato se necessario, ma dovrebbe essere fatto con particolare attenzione, poiché il loro sistema immunitario può essere facilmente compromesso (23).
Kombucha

Il tè Kombucha è un infuso fermentato a base di tè, zucchero, batteri e muffe. (Fonte: Manchinda: 127562913/ 123rf.com)

Quali alimenti aiutano i “miei” batteri intestinali?

Ad oggi è stata ampiamente riconosciuta l’importanza dei probiotici e dei prebiotici nella salute. Per questo motivo si trovano molti alimenti che contengono questi componenti e li possiamo trovare anche al supermercato.

Alimenti con probiotici

La fermentazione, oltre ad offrire aromi unici, genera una significativa riduzione del pH. Funziona come un metodo di conservazione, prevenendo lo sviluppo di microrganismi patogeni e promuovendo allo stesso tempo la crescita di batteri sani (16). Puoi trovare i probiotici in:

  • Yogurt
  • Coccolato fondente
  • Formaggio fresco
  • Kombucha (bevanda fermentata a base di batteri e lieviti)
  • Latticello
  • Melanzane sott’aceto
  • Pane a lievitazione naturale
  • Tempeh (cibo fermentato derivato dalla soia)
  • Miso (condimento comune nella cucina asiatica a base di funghi koji fermentati)
  • Cavolo fermentato (crauti)
  • Aceto di mele non pastorizzato

È importante differenziare la fermentazione dalla pastorizzazione, poiché quest’ultima elimina tutti i tipi di microrganismi viventi (patologici o benigni).

Alimenti con prebiotici

A differenza dei precedenti, questi non contengono culture vive, ma servono da cibo per i microorganismi che già ospitiamo. I più importanti sono:

  • Amidi resistenti: presenti nelle banane verdi e nella farina d’avena in forma immediata e in alimenti come patate, riso e pasta dopo un processo di raffreddamento di 6 o 7 ore.
  • Inulina: comune in aglio, cipolla, porro, asparagi, agave, grano e ananas.
  • Pectina: presente in carote, fagioli, uva, mele, prugne, more e mirtilli.
  • Oligofruttosaccaridi: possono essere trovati in cipolle, porri, aglio, carciofi, rape e asparagi.
  • Betaglucani: contenuti nel lievito di birra, orzo, avena e funghi.
  • Galattoligosaccaridi: presenti nel latte materno.

Criteri di acquisto

I probiotici non sono una soluzione universale per tutti i consumatori e alcuni potrebbero anche non funzionare correttamente. È importante sapere cosa dovresti cercare in un probiotico per ottenere il massimo dal tuo acquisto. Seguendo i successivi parametri otterrai le informazioni per sceglier il probiotico perfetto per te (3):

Resistenza dei ceppi batterici

Cerca prodotti che resistono all’umidità e alla temperatura dell’ambiente. Quelli che sono molto sensibili ai cambiamenti ambientali o che richiedono refrigerazione, possono facilmente perdere la loro efficacia (14).

Questa resistenza è conferita dall’incapsulamento dei probiotici e dalla loro combinazione con prebiotici come Inulina e Fosfo-oligosaccaridi (FOS) (18).

Batteri ingranditi

Il microbiota intestinale aiuta a rilevare e combattere i batteri nocivi che possono alterare la nostra salute, avendo un’influenza diretta sul nostro sistema immunitario. (Fonte: Geralt: 123081/ Pixabay.com)

Rivestimento di compresse o capsule

I probiotici sono in contatto con condizioni ambientali avverse che li influenzano dal momento della loro fabbricazione fino al loro arrivo nel sistema digestivo. Le alte temperature, l’umidità e il contatto con acidi gastrici e biliari possono ridurre la quantità di batteri vivi nei probiotici, compromettendone l’efficacia.

L’incapsulamento di integratori ha dimostrato di essere uno dei metodi più appropriati per proteggere i batteri vivi all’interno (25). Uno dei materiali più utili a questo scopo sono gli alginati con miscele di biopolimeri.

Unità formanti colonie (CFU)

È importante combinare questi due fattori con un prodotto contenente tra cento e un miliardo di unità formanti colonie (CFU). Questa è la quantità di batteri vivi o morti in un probiotico (14).

Di per sé, le CFU non ci assicurano l’efficacia del prodotto, poiché i microrganismi utili sono quelli che raggiungono vivi il tratto gastrointestinale (24).

Identificazione dei ceppi e delle loro funzioni in diverse situazioni

Considerando che alcuni batteri appartengano allo stesso genere e specie, i ceppi sono quelli che differenziano la loro azione terapeutica. Esempio:

Genere Bacillus
Specie coagulans
Ceppo GBI-30, 6086

Ci sono ceppi che si sono dimostrati efficaci nella prevenzione o nel trattamento di alcune malattie intestinali ed extraintestinali, tra cui abbiamo (10, 19, 20, 21):

Disturbo Ceppi raccomandati Effetto
Dolore addominale nella sindrome dell’intestino irritabile. Bacillus coagulans GBI-30, 6086
B. longum subsp. infantis 35624
Escherichia coli DSM17252
Miglioramento dei sintomi.
Gonfiore addominale nella sindrome dell’intestino irritabile. B. animalis subsp. lactis DN-173 010 Miglioramento dei sintomi.
Diarrea e/o costipazione nella sindrome dell’intestino irritabile. B. animalis subsp. lactis Bb12
B. animalis subsp. lactis HN019
Miglioramento dei sintomi.
Diarrea causata per antibiotici. L. paracasei subsp. paracasei DN-114 001 Miglioramento dei sintomi.
Condizioni respiratorie. Lactobacillus rhamnosus LGG
Bifidobacterium animalis ssp.
Gli studi suggeriscono che può prevenire le infezioni respiratorie. (19).
Diabete Mellito. L. salivarius UBLS 22 Gli studi suggeriscono che stabilizza i livelli di glucosio nel sangue e insulina. (20).
Allergie stagionali  Lactobacillus gasseri KS-13
Bifidobacterium bifidum G9-1
Bifidobacterium longum MM-2
L’uso di probiotici per migliorare i sintomi respiratori è stato studiato nelle allergie stagionali come la rinocongiuntivite. (21).

Conclusioni

Lo studio dei nostri batteri intestinali ha appena toccato la punta dell’iceberg. Oggi sappiamo che questi influenzano lo sviluppo e la funzione del sistema immunitario, influiscono sul nostro metabolismo e possono persino avere molta influenza la nostra salute mentale o intervenire sullo sviluppo di vari tumori.

Questa popolazione batterica può diminuire in alcune situazioni, come in presenza di malattie intestinali, malnutrizione, uso di antibiotici o invecchiamento. In queste situazioni è importante fare uno sforzo per sostenere la proliferazione e la diversificazione di questo ecosistema, portando salute e benessere nella nostra vita.

Lascia un commento o condividi queste informazioni per aiutere a ridurre le credenze negative sui batteri. Diamogli la popolarità che meritano!

(Fonte dell’immagine principale: Silviarita: 3186730/ 123rf.com)

Riferimenti (25)

1. Guarner F., Papel de la flora intestinal en la salud y en la enfermedad [Internet]. Nutrición Hospitalaria. 2007. [Consultado el 28 Abr 2020].
Fonte

2. Teresa A., Giuseppe D., Susana D., Manuel F. Microbiota [Internet]. Recomendaciones de la Sociedad Española de Enfermedades Infecciosas y Microbiología Clínica. 2016. [Consultado el 29 Abr 2020].
Fonte

3. Inés K., Mónica K., Ana C., Marianela A., María A., Vanesa A., Marisa A., Lilia C., Tamara C., Paola H., Silvia S., Martín V., Martín G. Microbiota Intestinal – Huésped ¿Nexo Salud-Enfermedad? [Internet] Actualización en Nutrición Vol. 15 Nº 2. 2014. [Consultado el 29 Abr 2020].
Fonte

4. Rafael C. Síndrome de intestino irritable [Internet]. Elsevier. 2010. [Consultado el 29 Abr 2020].
Fonte

5. Mario G., Fanny A., Composición y Funciones de la Flora Bacteriana Intestinal [Internet] Repertorio de Medicina y Cirugía. 2011. [Consultado el 28 Abr 2020].
Fonte

6. Moreno V. Flora bacteriana intestinal [Internet]. Anales de Pediatría. 2006. [Consultado el 29 Abr 2020].
Fonte

7. Neus E. Cómo elegir un buen probiótico [Internet]. Soycomocomo.es. 2017. [Consultado el 30 Abr 2020].
Fonte

8. Emma W., Intestinal bacteria and ageing [Internet]. Smith and Nephew Research Centre. 2007. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

9. Francisco F., y cols. Probióticos y prebióticos [Internet]. Guías Mundiales de la Organización Mundial de Gastroenterología. 2017. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

10. Hungin A. y Cols. Probiotics in the management of lower GI symptoms in clinical practice [Internet]. The European Society for Primary Care Gastroenterology. 2013. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

11. AEProbio. Clinical Guide to Probiotic Products Available in Canada [Internet]. Probioticchart.ca. 2020. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

12. AEProbio. Clinical Guide to Probiotic Products Available in USA [Internet]. Probioticchart.ca. 2020. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

13. Suma M., Anthony L. Low-FODMAP Diet for Treatment of Irritable Bowel Syndrome [Internet]. Gastroenterology and Hepatology The Independent Peer-Reviewed Journal. 2012. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Fonte

14. Antonieta G., Ramon B. Probióticos [Internet]. Elsevier. 2017. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Fonte

15. Eva C. Alimentos prebióticos y probióticos [Internet]. Elsevier. 2004. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Fonte

16. Natalia C., Francisco G., Raquel M., Sonia N., Teresa R., Juan R., Juan S. Microbiota Intestinal y Salud, Cuidando nuestras Bacterias [Internet]. Colegió Oficial de Enfermería de Cantabria. 2018. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Fonte

17. Luis Antonio L. Nutrición simbiótica: recuperar y mantener la salud a través de los alimentos fermentados [Internet]. Vivosano.org. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

18. Sneyder R. y Cols. Encapsulación de Alimentos Probióticos mediante Liofilización en Presencia de Prebióticos [Internet]. Información Tecnológica Vo. 27. 2016. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

19. Rigassio R. y Cols. Effect of Lactobacillus rhamnosus LGG® and Bifidobacterium animalis ssp. lactis BB-12® on health-related quality of life in college students affected by upper respiratory infections [Internet]. The British Journal of Nutrition. 2012. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

20. Rajesh V. Impact of probiotics on health-related quality of life in Type II diabetes mellitus: A randomized single-blind, placebo-controlled study [Internet]. College of Pharmacy, Mandya . 2019. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

21. Dennis W. y Cols. Probiotics (Lactobacillus gasseri KS-13, Bifidobacterium bifidum G9-1, and Bifidobacterium longum MM-2) improve rhinoconjunctivitis-specific quality of life in individuals with seasonal allergies: a double-blind, placebo-controlled, randomized trial [Internet]. Euro J of Clinical Nutrition. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

22. Montse V. Probióticos y salud [Internet]. Elsevier. 2015. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

23. Oscar B. Inocuidad, prevención y riesgos de los probióticos [Internet]. Revista chilena de pediatría. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

24. Office of Dietary Supplements. Probiotics [Internet]. National Institutes of Health, Office of Dietary Supplements. 2020. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

25. Rodríguez Y. y Cols Encapsulación de probióticos para aplicaciones alimenticias [Internet]. Revista Biosalud. 2016 [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo scientifico
Guarner F., Papel de la flora intestinal en la salud y en la enfermedad [Internet]. Nutrición Hospitalaria. 2007. [Consultado el 28 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Teresa A., Giuseppe D., Susana D., Manuel F. Microbiota [Internet]. Recomendaciones de la Sociedad Española de Enfermedades Infecciosas y Microbiología Clínica. 2016. [Consultado el 29 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Inés K., Mónica K., Ana C., Marianela A., María A., Vanesa A., Marisa A., Lilia C., Tamara C., Paola H., Silvia S., Martín V., Martín G. Microbiota Intestinal – Huésped ¿Nexo Salud-Enfermedad? [Internet] Actualización en Nutrición Vol. 15 Nº 2. 2014. [Consultado el 29 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Rafael C. Síndrome de intestino irritable [Internet]. Elsevier. 2010. [Consultado el 29 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Mario G., Fanny A., Composición y Funciones de la Flora Bacteriana Intestinal [Internet] Repertorio de Medicina y Cirugía. 2011. [Consultado el 28 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Moreno V. Flora bacteriana intestinal [Internet]. Anales de Pediatría. 2006. [Consultado el 29 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Neus E. Cómo elegir un buen probiótico [Internet]. Soycomocomo.es. 2017. [Consultado el 30 Abr 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Emma W., Intestinal bacteria and ageing [Internet]. Smith and Nephew Research Centre. 2007. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Guida Mondiale dell'Organizzazione Mondiale di Gastroenterologia
Francisco F., y cols. Probióticos y prebióticos [Internet]. Guías Mundiales de la Organización Mundial de Gastroenterología. 2017. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Hungin A. y Cols. Probiotics in the management of lower GI symptoms in clinical practice [Internet]. The European Society for Primary Care Gastroenterology. 2013. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
AEProbio. Clinical Guide to Probiotic Products Available in Canada [Internet]. Probioticchart.ca. 2020. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
AEProbio. Clinical Guide to Probiotic Products Available in USA [Internet]. Probioticchart.ca. 2020. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Suma M., Anthony L. Low-FODMAP Diet for Treatment of Irritable Bowel Syndrome [Internet]. Gastroenterology and Hepatology The Independent Peer-Reviewed Journal. 2012. [Consultado el 2 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Antonieta G., Ramon B. Probióticos [Internet]. Elsevier. 2017. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Eva C. Alimentos prebióticos y probióticos [Internet]. Elsevier. 2004. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo informativo
Natalia C., Francisco G., Raquel M., Sonia N., Teresa R., Juan R., Juan S. Microbiota Intestinal y Salud, Cuidando nuestras Bacterias [Internet]. Colegió Oficial de Enfermería de Cantabria. 2018. [Consultado el 3 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Luis Antonio L. Nutrición simbiótica: recuperar y mantener la salud a través de los alimentos fermentados [Internet]. Vivosano.org. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Sneyder R. y Cols. Encapsulación de Alimentos Probióticos mediante Liofilización en Presencia de Prebióticos [Internet]. Información Tecnológica Vo. 27. 2016. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo informativo
Rigassio R. y Cols. Effect of Lactobacillus rhamnosus LGG® and Bifidobacterium animalis ssp. lactis BB-12® on health-related quality of life in college students affected by upper respiratory infections [Internet]. The British Journal of Nutrition. 2012. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Rajesh V. Impact of probiotics on health-related quality of life in Type II diabetes mellitus: A randomized single-blind, placebo-controlled study [Internet]. College of Pharmacy, Mandya . 2019. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Dennis W. y Cols. Probiotics (Lactobacillus gasseri KS-13, Bifidobacterium bifidum G9-1, and Bifidobacterium longum MM-2) improve rhinoconjunctivitis-specific quality of life in individuals with seasonal allergies: a double-blind, placebo-controlled, randomized trial [Internet]. Euro J of Clinical Nutrition. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Montse V. Probióticos y salud [Internet]. Elsevier. 2015. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Oscar B. Inocuidad, prevención y riesgos de los probióticos [Internet]. Revista chilena de pediatría. 2017. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Office of Dietary Supplements. Probiotics [Internet]. National Institutes of Health, Office of Dietary Supplements. 2020. [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Rodríguez Y. y Cols Encapsulación de probióticos para aplicaciones alimenticias [Internet]. Revista Biosalud. 2016 [Consultado el 8 de Mayo del 2020].
Vai alla fonte