Ultimo aggiornamento: 27/07/2021

Il nostro metodo

17Prodotti analizzati

23Ore impiegate

16Studi valutati

91Commenti raccolti

Nessuno ignora che una dieta varia, ricca di frutta e verdura fresca, è la chiave per la salute del ferro. I benefici delle verdure di solito si traducono in un aumento delle molecole antiossidanti nel corpo, tenendo a bada l’invecchiamento precoce. Sarebbe possibile concentrare questi benefici in un integratore?

I bioflavonoidi contengono una vasta gamma di molecole antiossidanti che gli esperti considerano cardioprotettive, neuroprotettive, venotoniche e antiradicali liberi. Se vuoi sapere quali alimenti contengono queste meraviglie naturali e se è stato possibile concentrarle in forma di pillola, assicurati di leggere questo nuovo articolo – ti piacerà!

Il più importante

  • I bioflavonoidi sono molecole antiossidanti di origine vegetale.
  • Gli integratori di bioflavonoidi possono migliorare i sintomi delle vene varicose e delle emorroidi.
  • Quando acquistiamo un integratore di bioflavonoidi, dovremmo prestare attenzione alla nostra dieta, al tipo di flavonoide incluso nel prodotto, a come viene somministrato e alla data di scadenza.

Bioflavonoidi: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sui bioflavonoidi

Il termine “bioflavonoide” copre una vasta gamma di molecole antiossidanti di origine vegetale. I loro potenziali effetti cardioprotettivi li hanno portati all’attenzione di molti ricercatori, che li hanno trovati come una possibile soluzione ai sintomi più fastidiosi dell’insufficienza venosa.

Doctor con verduras

I bioflavonoidi hanno azioni antiossidanti.
(Fonte: Adamowicz: 93271232/ 123rf.com)

Cosa sono i bioflavonoidi?

I bioflavonoidi (o flavonoidi) sono molecole di origine vegetale. Sono il prodotto del metabolismo di diverse specie di piante, che danno loro il loro caratteristico sapore e colore. Questi composti forniscono anche a frutta e verdura una difesa contro le aggressioni batteriche, fungine e ambientali. I flavonoidi comprendono diverse sostanze, come (1):

  • Flavonoli: sono sintetizzati in risposta alla radiazione solare. Sono abbondanti in frutta e verdura.
  • Flavoni: il sedano, il prezzemolo e la buccia degli agrumi sono gli alimenti più ricchi di flavoni. La diosmina, conosciuta anche come venosmina, è un flavone ampiamente utilizzato per il trattamento della patologia venosa.
  • Flavanoni: Questi bioflavonoidi si trovano in alte concentrazioni nell’albedo, la “parte morbida” degli agrumi come l’arancia e il pompelmo. Si possono trovare anche in altra frutta e verdura fresca.
  • Isoflavoni: Queste molecole hanno una struttura simile a quella degli estrogeni femminili (ecco perché sono anche conosciuti come fitoestrogeni). Si trovano nella soia.
  • Antocianidine: Questi composti sono molto apprezzati indipendentemente per la loro funzione antiossidante. Si possono trovare nella frutta e nella verdura, specialmente nell’uva.
  • Flavanoli: Questi composti sono ulteriormente divisi in catechine, procianidine e proantocianidine. Queste molecole si oppongono all’azione dei radicali liberi e sono abbondanti in prodotti come il tè, il vino e il cioccolato.

La classificazione di cui sopra è semplificata. È possibile dividere le categorie di cui sopra in gruppi più ristretti basati sulla struttura molecolare di queste sostanze. Tuttavia, i flavonoidi sono uguali nelle loro funzioni. In generale, questi composti sono considerati antiossidanti e antinfiammatori in grado di mantenere la normale salute cardiovascolare (2).

Quindi, i bioflavonoidi possiedono funzioni antiossidanti, antinfiammatorie e anti-angiogeniche (impedendo la formazione di nuovi vasi sanguigni quando questo può essere dannoso). Per esempio, durante la crescita del tumore). La seguente tabella riassume i principali tipi (e sottotipi) di bioflavonoidi e le loro principali fonti alimentari (3):

Classe di bioflavonoidi Sottotipi principali Cibo
Antocianidine Cianidina. Malvidina Gelso. Lampone. Ciliegia. Mirtillo. Mela. Plum.
Flavanoli Gallocatechina. Epicalocatechina Tè. Vino. Chocolate.
Flavanoni Esperidina. Naringina Arancia. Pompelmo. Tangerine.
Flavoni Apigenina. Luteolina. Diosmetina Sedano. Prezzemolo.
Flavonols Quercetin. Citrin. Rutina Arancia. Pompelmo. Tangerine. Tè verde. Vino.
Isoflavoni Puerarina. Daidzein Soia. Tofu.

A cosa servono gli integratori di bioflavonoidi?

Una dieta varia, che include frutta e verdura fresca e anche piccole ‘trasgressioni’ come il cioccolato, ci fornirà un buon apporto di bioflavonoidi per proteggerci dall’infiammazione e dall’ossidazione. Anche se non è stata definita una dose giornaliera raccomandata (RDA) per i flavonoidi, le possibili conseguenze di una carenza nella dieta sono note:

  • Lividi dovuti alla fragilità capillare
  • Dolore alle estremità
  • Debolezza muscolare
  • Crampi muscolari alle gambe

Inoltre, l’aumento dell’infiammazione e dell’ossidazione potrebbe peggiorare la salute cardiovascolare e portare ad un invecchiamento accelerato. Le persone più a rischio di carenza di bioflavonoidi sono quelle che sono sotto stress, mangiano una dieta ricca di prodotti lavorati o hanno abitudini malsane come il fumo.

Gli esperti concordano sul fatto che l’assunzione di bioflavonoidi attraverso la dieta dovrebbe avere la priorità. Tuttavia, se non è possibile trasformare le nostre abitudini o se vogliamo una piccola ‘spinta’ mentre riformiamo la nostra dieta, possiamo usare un integratore. Quindi, il consumo di flavonoidi potrebbe fornire i seguenti benefici (3):

  • Neuroprotezione: è stato osservato che i bioflavonoidi possono prevenire la distruzione di alcuni enzimi necessari per la trasmissione degli impulsi cerebrali. Anche se questi dati sono stati ottenuti attraverso una sperimentazione in vitro (in provetta), possono indicare una possibile azione protettiva dei bioflavonoidi sulla normale funzione neuronale.
  • Antinfiammatorio: I bioflavonoidi ostacolano la produzione di molecole legate all’infiammazione. Queste molecole sono state utilizzate con successo in diversi studi clinici sull’uomo e hanno dimostrato di essere efficaci nell’alleviare il dolore causato da condizioni infiammatorie come la pancreatite cronica (4).
  • Azione antibatterica: le piante sintetizzano i bioflavonoidi per difendersi dagli attacchi di diversi patogeni. Queste molecole sembrano anche essere in grado di inibire la resistenza agli antibiotici di Escherichia coli e Staphylococcus aureus, due specie patogene responsabili di innumerevoli infezioni umane.
  • Cardioprotezione: I flavonoidi potrebbero combattere gli effetti deleteri del diabete, proteggere la struttura dei vasi sanguigni e ridurre la pressione sanguigna nelle persone obese.
  • Anti-ossidazione: I bioflavonoidi sono in grado di neutralizzare i radicali liberi, prodotti di scarto del metabolismo cellulare (e prodotti dell’inquinamento e dello stress) che sono stati collegati all’invecchiamento accelerato e a malattie come il cancro, anche se non può essere certo che questi prodotti prevengano l’insorgere di neoplasie (5).

Té

Verdure, frutta, vino e tè sono ricchi di bioflavonoidi.
(Fonte: Yelenayemchuk: 53694254/ 123rf.com)

Gli integratori di bioflavonoidi sono benefici per la circolazione?

I bioflavonoidi sono spesso utilizzati per trattare le complicazioni derivanti dall’insufficienza venosa e possono essere classificati come agenti venotonici. Secondo la Cochrane Library, il bioflavonoide rutina ha dimostrato di essere efficace nell’alleviare i seguenti sintomi di cattiva circolazione negli arti inferiori (6):

  • Edema (accumulo di liquidi)
  • Crampi alle gambe
  • Sensazione di pesantezza
  • Gonfiore
  • Parestesie (sensazioni strane e scomode)

Anche se la Cochrane Library conferma che gli integratori di rutina hanno un moderato potenziale venotonico, indica che sono necessari ulteriori studi per delineare più precisamente l’influenza di questo flavonoide sulla circolazione (per esempio classificando i pazienti in ordine di gravità dell’insufficienza venosa).

I bioflavonoidi sono stati proposti anche come possibile rimedio per le emorroidi. Queste dilatazioni venose possono influenzare gravemente la qualità della vita delle persone colpite, impedendo la corretta evacuazione dell’intestino, causando sanguinamento e disagio. Secondo la Cochrane Library, i bioflavonoidi sono moderatamente efficaci per il loro trattamento (7):

Bioflavonoidi studiati: quercetina, rutina, esperidina e diosmina.

Popolazioni studiate: uomini e donne di 30-50 anni. Uno studio ha incluso donne incinte. Alcuni studi includevano pazienti che si stavano riprendendo da un precedente intervento chirurgico alle emorroidi.

Effetti positivi:

  • Sollievo dal dolore
  • Diminuzione del bisogno di antidolorifici (Naproxen e Tramadol)
  • Diminuzione del sanguinamento da emorroidi non operate
  • Diminuzione del sanguinamento dopo la chirurgia delle emorroidi
  • Riduzione del prurito associato alle emorroidi
  • Migliore controllo delle perdite o delle fuoriuscite di contenuto intestinale
  • Sensazione soggettiva di miglioramento e benessere

Effetti avversi: Lieve disagio gastrointestinale In conclusione, i bioflavonoidi possono migliorare i sintomi dell’insufficienza venosa e delle emorroidi. Questi integratori non sostituiscono il trattamento medico e dovrebbero essere assunti solo con l’approvazione di un medico. Il Ministero della Salute non raccomanda l’uso di routine per più di 2-3 mesi.

Mujer comiendo verduras

I bioflavonoidi possono migliorare l’elasticità della pelle.
(Fonte: Maneerat: 87788874/ 123rf.com)

È possibile migliorare l’aspetto della pelle usando integratori di bioflavonoidi?

Ci sono ampie prove che l’inclusione di composti antiossidanti nella dieta (sotto forma di bioflavonoidi, vitamina E e vitamina A, tra gli altri) può migliorare l’aspetto della pelle, preservandone l’elasticità e prevenendo o addirittura invertendo parzialmente i danni causati dall’esposizione al sole (photoaging) (8, 9, 10).

In generale, gli studi che coinvolgono i bioflavonoidi li combinano con altre sostanze, quindi non è certo che l’effetto osservato sia interamente dovuto all’azione di questi antiossidanti. Tuttavia, abbiamo trovato quattro studi che utilizzano esclusivamente i flavonoidi. Abbiamo riassunto i loro risultati nella tabella qui sotto:

Paese, data Tipo di studio Bioflavonoidi Dose Risultati
Corea del Sud, 2018 Studio clinico (ratti) (11) Esperidina 100 mg/kg/giorno Riduzione della perdita di acqua della pelle Riduzione dell’infiammazione Protezione contro il fotoinvecchiamento
Corea del Sud, 2016 Studio clinico (40 adulti) (12) Routine Applicazione della crema Aumento della densità della pelle Riduzione delle rughe intorno agli occhi Aumento dell’elasticità della pelle
USA, 2011 Studio clinico (67 adulti anziani) (13) Bioflavonoidi dagli agrumi Variabile, non determinato Riduzione fino al 50% delle lesioni da porpora senile
Germania, 1999 Studio clinico (3 adulti) (14) Rutina + Vitamina C 50 mg/giorno (rutina) 500 mg/giorno (vit C) Scomparsa completa delle lesioni purpuriche

Abbiamo osservato che gli integratori di bioflavonoidi, applicati topicamente o ingeriti in forma di capsule, potrebbero potenzialmente migliorare il tono e l’elasticità della pelle. La loro influenza positiva sulle lesioni purpuriche (macchie violacee che appaiono come risultato dell’età o in connessione con altre malattie) è particolarmente promettente.

Va notato, tuttavia, che il fatto che questi studi siano stati effettuati su animali o su un numero limitato di soggetti umani, con dosi poco chiare o variabili, rende questi ambiziosi test meno affidabili. È possibile che presto saremo in grado di confermare il reale effetto di queste sostanze!

Come dovrebbero essere usati gli integratori di bioflavonoidi?

Nessun dosaggio raccomandato per l’integrazione di bioflavonoidi è stato definito, il che rende difficile sviluppare un piano di trattamento. Dopo aver esaminato la letteratura disponibile su questi antiossidanti, abbiamo creato un piano che puoi seguire, tenendo presente che le istruzioni del produttore e gli ordini del tuo medico avranno sempre la precedenza:

  • Dosaggio? Per minimizzare il rischio di effetti avversi, si raccomanda di utilizzare la dose efficace più bassa. Le dosi più comunemente usate vanno da 50-250 mg, con formulazioni di dosaggio più alte (fino a 1000 mg) disponibili ma associate a una maggiore prevalenza di effetti collaterali (14, 15).
  • Quando si può prendere? L’integratore può essere assunto come una singola dose giornaliera o diviso in due dosi. Se stai prendendo più di 50mg e il formato del tuo integratore lo permette, è meglio dividere la dose per evitare disturbi gastrointestinali.
  • Cibo? Non abbiamo trovato informazioni a favore o contro l’assunzione di cibo e integratori di bioflavonoidi insieme. Le persone con lo stomaco sensibile possono desiderare di prenderli durante i pasti per evitare disturbi allo stomaco.

Dopo uno o due mesi di trattamento, gli effetti positivi dell’integrazione (miglioramento dell’aspetto della pelle e miglioramento dei sintomi dell’insufficienza venosa e delle emorroidi) dovrebbero essere osservati. Attualmente, il Ministero della Salute non raccomanda l’assunzione continua di bioflavonoidi per più di due mesi, quindi sarà necessario fare delle “pause” (6).

L’integrazione di bioflavonoidi è sicura?

Molte persone si chiedono se i bioflavonoidi siano un integratore sicuro, temendo che questi elementi possano essere cattivi alleati della salute a medio e lungo termine. Dopo aver esaminato i dati disponibili, abbiamo concluso che gli integratori di flavonoidi sono articoli sicuri, a patto che siano utilizzati secondo le istruzioni del produttore (15):

  • Sovradosaggio: Non sono stati riportati effetti collaterali immediati dal consumo eccessivo di bioflavonoidi. Tuttavia, non si raccomanda di superare la dose raccomandata.
  • Gravidanza e allattamento: Anche se i bioflavonoidi sono stati utilizzati nelle donne in gravidanza per il trattamento delle emorroidi, l’integrazione con questi elementi non è raccomandata se non sotto la supervisione di un professionista sanitario.
  • Bambini sotto i 18 anni: i bioflavonoidi non dovrebbero essere integrati nei bambini sotto i18 anni. È stato trovato un possibile legame tra l’uso di integratori alimentari con bioflavonoidi e lo sviluppo della leucemia infantile (16).
  • Interazioni farmacologiche: Gli integratori di bioflavonoidi possono interagire con i farmaci anticoagulanti come il warfarin. Queste persone (e anche gli individui in trattamento cronico con antipertensivi, antidiabetici e chemioterapia) dovrebbero consultare un professionista della salute prima di iniziare l’integrazione.
  • Effetti collaterali: Gli effetti avversi legati all’assunzione di integratori di bioflavonoidi sono generalmente disturbi gastrointestinali (nausea, dolore e digestione pesante) che possono essere lievi o moderati, costringendo ad abbandonare l’integrazione in alcuni casi specifici (7).

Alcuni studi con sostanze venotoniche hanno scoperto che l’uso a lungo termine di questi composti può causare, in rari casi, una condizione chiamata agranulocitosi. Questa condizione, considerata grave, è caratterizzata da una diminuzione dei globuli bianchi che lascia il corpo indifeso contro le infezioni.

Questo grave effetto collaterale ha messo i bioflavonoidi sotto i riflettori e ha costretto il Ministero della Salute a limitare il loro uso continuato a un periodo inferiore a due mesi, a quel punto dovrebbero essere “riposati” e consultato un professionista se i sintomi che volevamo trattare non sono scomparsi (6).

Verduras y frutas

I diabetici possono beneficiare dell’uso dei bioflavonoidi.
(Fonte: Haurylik: 37375525/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Ci sono innumerevoli prodotti di integrazione che includono piccole quantità di bioflavonoidi nei loro ingredienti. Tuttavia, se sei interessato a un prodotto contenente una quantità potente e non adulterata di flavonoidi, ti consigliamo di fare il tuo acquisto tenendo a mente i seguenti criteri:

Restrizioni dietetiche

La maggior parte degli integratori di bioflavonoidi sono fatti con ingredienti di origine vegetale e sono adatti ai vegani. Se hai la celiachia, fai attenzione ai prodotti a base di grano, un ingrediente ampiamente utilizzato nella produzione di integratori di flavonoidi che, purtroppo, contengono glutine.

Mandarinas

Gli integratori di bioflavonoidi non dovrebbero essere presi per più di due mesi.
(Fonte: Thai: 97705353/ 123rf.com)

Sottoclassi e sinergia

I bioflavonoidi rutina, esperidina, diosmina e quercetina hanno dimostrato di essere i più efficaci nel migliorare la circolazione e il tono della pelle, quindi ti consigliamo di scegliere prodotti contenenti almeno una di queste molecole. Gli integratori a base di agrumi spesso contengono rutina e quercetina, rendendoli una scelta ottimale. Un’aggiunta comune agli integratori di bioflavonoidi è la vitamina C.

Molti produttori di integratori insistono che l’acido ascorbico e i flavonoidi agiscono sinergicamente, anche se non ci sono prove a sostegno di questa affermazione. Potresti scegliere questi elementi in combinazione se vuoi anche godere dei benefici della vitamina C.

Forma di somministrazione

La forma di dosaggio più comune per gli integratori di bioflavonoidi sono le capsule e le compresse. Tuttavia, puoi trovare questi preparati anche in forma di sciroppo se hai difficoltà a deglutire le compresse. Se sei un appassionato della cura della pelle, puoi anche usare i flavonoidi in forma di gel o crema.

Per anni, i bioflavonoidi sono stati considerati un tipo di vitamina (vitamina P) con effetti simili all’acido ascorbico o alla vitamina C. (Fonte: Rostislavsedlacek: 81939952/ 123rf.com)

Conservazione e durata di conservazione

Non raccomandiamo di utilizzare i bioflavonoidi oltre la loro data di scadenza, poiché queste molecole antiossidanti perderanno gradualmente la loro capacità antiradicali liberi. Conserva il tuo integratore di flavonoidi in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce e da temperature estreme, evitando il contatto con sostanze tossiche.

Agricoltura biologica

Sono stati trovati pesticidi in alcuni integratori di bioflavonoidi. Per questo motivo, ti consigliamo di scegliere marche che utilizzano ingredienti da agricoltura biologica, privi di sostanze dannose per la nostra salute. Se sei preoccupato per l’ambiente, scegli anche un integratore in confezione riciclabile che ti permette di consumare in modo responsabile.

Mujer con varices

I bioflavonoidi possono migliorare i sintomi dell’insufficienza venosa.
(Fonte: Zlikovec: 34729475/ 123rf.com)

Rapporto qualità-prezzo

Il prezzo degli integratori di bioflavonoidi fluttua drammaticamente, con articoli molto economici (sotto i dieci euro) e prodotti di fascia alta (oltre 30 euro). Se vuoi risparmiare, attieniti agli integratori che contengono una dose moderata di bioflavonoidi (50 mg) e nessun altro ingrediente.

Riassunto

Gli integratori di bioflavonoidi sono sottovalutati da molte persone, sostituendoli con sostanze più commerciali e appariscenti come il collagene o le vitamine. Paradossalmente, questi favolosi antiossidanti potrebbero migliorare la qualità della vita degli appassionati di integrazione che sanno come sfruttare al meglio il loro potenziale venoprotettivo. Sì, la tua pelle può apparire più liscia e sana dopo aver completato un corso di integrazione di bioflavonoidi.

Ma il vero beneficio potrebbe trovarsi più a valle, dove questi antiossidanti miglioreranno i sintomi delle vene varicose e delle emorroidi, portando un sollievo sintomatico che ripristinerà la qualità della tua vita. Non perdere i bioflavonoidi! Se ti è piaciuta la nostra guida agli integratori di bioflavonoidi, per favore lascia un commento e condividi questo articolo.

(Fonte dell’immagine: Monticello: 20483486/ 123rf.com)

Riferimenti (16)

1. Quiñones M, Miguel M, Aleixandre A. Los polifenoles, compuestos de origen natural con efectos saludables sobre el sistema cardiovascular. Nutr Hosp organo Of la Soc Espa??ola Nutr Parenter y Enter [Internet]. 2012 [cited 2019 Nov 10];27(1):76–89.
Fonte

2. Majumdar S, Srirangam R. Potential of the bioflavonoids in the prevention/treatment of ocular disorders. J Pharm Pharmacol [Internet]. 2010 Aug [cited 2019 Nov 10];62(8):951–65.
Fonte

3. Panche AN, Diwan AD, Chandra SR. Flavonoids: an overview. J Nutr Sci [Internet]. 2016 Dec 29 [cited 2019 Nov 10];5:e47.
Fonte

4. Ahmed Ali U, Jens S, Busch ORC, Keus F, van Goor H, Gooszen HG, et al. Antioxidants for pain in chronic pancreatitis. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2014 Aug 21 [cited 2019 Nov 13];2014(8).
Fonte

5. Jin H, Leng Q, Li C. Dietary flavonoid for preventing colorectal neoplasms. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2012 Aug 15 [cited 2019 Nov 13]
Fonte

6. Martinez-Zapata MJ, Vernooij RW, Uriona Tuma SM, Stein AT, Moreno RM, Vargas E, et al. Phlebotonics for venous insufficiency. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2016 Apr 6 [cited 2019 Nov 13];2016(4).
Fonte

7. Pereira N, Liolitsa D, Iype S, Croxford A, Yassin M, Peter L, et al. Phlebotonics for haemorrhoids [Internet]. Vol. 131, Sao Paulo Medical Journal. 2013 [cited 2019 Nov 13]. p. 286.
Fonte

8. Pérez-Sánchez A, Barrajón-Catalán E, Herranz-López M, Micol V. Nutraceuticals for Skin Care: A Comprehensive Review of Human Clinical Studies. Nutrients [Internet]. 2018 Mar 24 [cited 2019 Nov 13];10(4):403.
Fonte

9. Schagen SK, Zampeli VA, Makrantonaki E, Zouboulis CC. Discovering the link between nutrition and skin aging. Vol. 4, Dermato-Endocrinology. 2012.
Fonte

10. Szyszkowska B, Łepecka-Klusek C, Kozłowicz K, Jazienicka I, Krasowska D. The influence of selected ingredients of dietary supplements on skin condition. Adv Dermatology Allergol [Internet]. 2014 [cited 2019 Nov 13];3(3):174–81.
Fonte

11. Lee HJ, Im A-R, Kim S-M, Kang H-S, Lee JD, Chae S. The flavonoid hesperidin exerts anti-photoaging effect by downregulating matrix metalloproteinase (MMP)-9 expression via mitogen activated protein kinase (MAPK)-dependent signaling pathways. BMC Complement Altern Med [Internet]. 2018 Dec 30 [cited 2019 Nov 13];18(1):39.
Fonte

12. CHOI SJ, LEE S-N, KIM K, JOO DH, SHIN S, LEE J, et al. Biological effects of rutin on skin aging. Int J Mol Med [Internet]. 2016 Jul 1 [cited 2019 Nov 13];38(1):357–63.
Fonte

13. Berlin JM, Eisenberg DP, Berlin MB, Sarro RA, Leeman DR, Fein H. A randomized, placebo-controlled, double-blind study to evaluate the efficacy of a citrus bioflavanoid blend in the treatment of senile purpura. J Drugs Dermatol [Internet]. 2011 Jul [cited 2019 Nov 13];10(7):718–22.
Fonte

14. Reinhold U, Seiter S, Ugurel S, Tilgen W. Treatment of progressive pigmented purpura with oral bioflavonoids and ascorbic acid: An open pilot study in 3 patients. J Am Acad Dermatol [Internet]. 1999 Aug [cited 2019 Nov 13];41(2):207–8.
Fonte

15. Bioflavonoids Uses, Side Effects & Warnings - Drugs.com [Internet]. [cited 2019 Nov 13].
Fonte

16. Bioflavonoids and Childhood Leukemia [Internet]. [cited 2019 Nov 13].
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo informativo
Quiñones M, Miguel M, Aleixandre A. Los polifenoles, compuestos de origen natural con efectos saludables sobre el sistema cardiovascular. Nutr Hosp organo Of la Soc Espa??ola Nutr Parenter y Enter [Internet]. 2012 [cited 2019 Nov 10];27(1):76–89.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Majumdar S, Srirangam R. Potential of the bioflavonoids in the prevention/treatment of ocular disorders. J Pharm Pharmacol [Internet]. 2010 Aug [cited 2019 Nov 10];62(8):951–65.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Panche AN, Diwan AD, Chandra SR. Flavonoids: an overview. J Nutr Sci [Internet]. 2016 Dec 29 [cited 2019 Nov 10];5:e47.
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Ahmed Ali U, Jens S, Busch ORC, Keus F, van Goor H, Gooszen HG, et al. Antioxidants for pain in chronic pancreatitis. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2014 Aug 21 [cited 2019 Nov 13];2014(8).
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Jin H, Leng Q, Li C. Dietary flavonoid for preventing colorectal neoplasms. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2012 Aug 15 [cited 2019 Nov 13]
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Martinez-Zapata MJ, Vernooij RW, Uriona Tuma SM, Stein AT, Moreno RM, Vargas E, et al. Phlebotonics for venous insufficiency. Cochrane Database Syst Rev [Internet]. 2016 Apr 6 [cited 2019 Nov 13];2016(4).
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Pereira N, Liolitsa D, Iype S, Croxford A, Yassin M, Peter L, et al. Phlebotonics for haemorrhoids [Internet]. Vol. 131, Sao Paulo Medical Journal. 2013 [cited 2019 Nov 13]. p. 286.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Pérez-Sánchez A, Barrajón-Catalán E, Herranz-López M, Micol V. Nutraceuticals for Skin Care: A Comprehensive Review of Human Clinical Studies. Nutrients [Internet]. 2018 Mar 24 [cited 2019 Nov 13];10(4):403.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Schagen SK, Zampeli VA, Makrantonaki E, Zouboulis CC. Discovering the link between nutrition and skin aging. Vol. 4, Dermato-Endocrinology. 2012.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Szyszkowska B, Łepecka-Klusek C, Kozłowicz K, Jazienicka I, Krasowska D. The influence of selected ingredients of dietary supplements on skin condition. Adv Dermatology Allergol [Internet]. 2014 [cited 2019 Nov 13];3(3):174–81.
Vai alla fonte
Studio clinico (animali)
Lee HJ, Im A-R, Kim S-M, Kang H-S, Lee JD, Chae S. The flavonoid hesperidin exerts anti-photoaging effect by downregulating matrix metalloproteinase (MMP)-9 expression via mitogen activated protein kinase (MAPK)-dependent signaling pathways. BMC Complement Altern Med [Internet]. 2018 Dec 30 [cited 2019 Nov 13];18(1):39.
Vai alla fonte
Studio clinico (umano)
CHOI SJ, LEE S-N, KIM K, JOO DH, SHIN S, LEE J, et al. Biological effects of rutin on skin aging. Int J Mol Med [Internet]. 2016 Jul 1 [cited 2019 Nov 13];38(1):357–63.
Vai alla fonte
Studio clinico (umano)
Berlin JM, Eisenberg DP, Berlin MB, Sarro RA, Leeman DR, Fein H. A randomized, placebo-controlled, double-blind study to evaluate the efficacy of a citrus bioflavanoid blend in the treatment of senile purpura. J Drugs Dermatol [Internet]. 2011 Jul [cited 2019 Nov 13];10(7):718–22.
Vai alla fonte
Studio clinico (umano)
Reinhold U, Seiter S, Ugurel S, Tilgen W. Treatment of progressive pigmented purpura with oral bioflavonoids and ascorbic acid: An open pilot study in 3 patients. J Am Acad Dermatol [Internet]. 1999 Aug [cited 2019 Nov 13];41(2):207–8.
Vai alla fonte
Sito ufficiale (Drugs.com)
Bioflavonoids Uses, Side Effects & Warnings - Drugs.com [Internet]. [cited 2019 Nov 13].
Vai alla fonte
Articolo informativo
Bioflavonoids and Childhood Leukemia [Internet]. [cited 2019 Nov 13].
Vai alla fonte
Recensioni