Cause della stitichezza
Ultimo aggiornamento: 16/11/2020

Il nostro metodo

25Prodotti analizzati

21Ore impiegate

29Studi valutati

30Commenti raccolti

La stitichezza è spesso un segnale di allarme nel nostro corpo che, come le luci lampeggianti di un’auto, ci dice che dobbiamo prestare attenzione a qualcosa che non va bene. Per questo motivo è importante identificare quali sono le principali cause della stitichezza per poter affrontare il problema alla radice.

In molti casi, adottando stili di vita sani, possiamo migliorare la nostra regolarità intestinale, ma questo a volte non basta. Ci sono alcune malattie che richiedono cure immediate da parte di uno specialista della salute e cure ben definite. Per scoprire quali sono le principali cause della stitichezza e molto altro, non perdere questo articolo!

Le cose più importanti in breve

  • La stitichezza colpisce circa 12 milioni di italiani, principalmente donne e anziani.
  • Questo sintomo potrebbe essere una conseguenza dell’uso di medicinali, stili di vita malsani e alcune malattie.
  • Alcuni integratori che si trovano sul mercato online possono essere utili per alleviare la stitichezza. Tuttavia, è importante conoscere la causa di questo sintomo per trattarla correttamente.

I migliori prodotti contro la stitichezza: la nostra selezione

Il mercato online, e non solo, è pieno di prodotti volti ad alleviare la stitichezza, ma non tutti sono così buoni come sembrano. In questa sezione abbiamo scelto i cinque migliori prodotti per la tua salute intestinale.

Il miglior integratore vegano di bucce di psillio biologico per la regolarità intestinale

Prodotto vegano privo di glutine, additivi e conservanti. Questo integratore contiene il 99% di bucce di psillio. Si consiglia di assumere da 2 a 3 cucchiaini da 1 a 3 volte al giorno con 500 ml di acqua. Bere a sufficienza durante la giornata.

Abbiamo consigliato questo prodotto perché lo psillio è una fonte di fibra che agisce stimolando l’assorbimento dell’acqua a livello intestinale. Grazie a questo, potrebbe aiutare il passaggio delle feci verso l’esterno.

Il miglior probiotico con lattobacilli e bifidobatteri

Questo integratore fornisce 2 miliardi di CFU (Colony Forming Units) per dose con bifidobatteri e lattobacilli. Non contiene gelatina, glutine, lattosio o noci. Si consiglia di assumere 1 capsula al giorno con un pasto principale.

Questo è un prodotto di nostra scelta in quanto lavora direttamente sul microbiota intestinale, e potrebbe fornire benefici a lungo termine all’apparato digerente oltre a regolare le visite al bagno.

La miglior combinazione di fibre solubile e insolubile

Questo prodotto combina semi di lino, foglie di senna e corteccia di frangula in una confezione da 300 grammi. Si consiglia il consumo di 1 cucchiaio raso la sera in combinazione con abbondante acqua.

Abbiamo scelto questo prodotto per la sapiente combinazione di semi di lino, che forniscono fibre solubili e insolubili con altri ingredienti progettati per stimolare i movimenti intestinali.

La migliore infusione contro la stitichezza

Aboca propone una tisana di origine biologica la cui composizione favorisce il fisiologico transito intestinale. Contiene, tra gli altri ingredienti, cassia, liquirizia, finocchio e rooibos, oltre a melissa e malva.

Si consiglia di assumere una tazza di tisana la sera prima di coricarsi. Un filtro serve per una tazza. Abbiamo scelto questo prodotto perché è una maniera naturale e non invasiva di aiutare il transito intestinale.

Il miglior integratore di magnesio citrato

Integratore che fornisce 200 milligrammi di citrato di magnesio per dose. Non contiene ossido di magnesio, lattosio, soia, glutine o grano. È adatto ai vegetariani.

Il citrato di magnesio è un prodotto che fornisce importanti livelli di questo minerale, essenziale per molteplici funzioni del nostro corpo e anche per stimolare i movimenti intestinali, quindi è la nostra scelta per chi cerca un integratore leggermente più mite.

Tutto quello che devi sapere sulle cause della stitichezza

La stitichezza colpisce circa il 20% della popolazione generale ogni anno. È definita come una diminuzione dei movimenti intestinali che può essere accompagnata da difficoltà nel passaggio delle feci. In questa sezione ti parleremo delle sue cause più frequenti.

Le migliori fonti di fibre sono frutta, verdura, cereali e cibi integrali. (Fonte: Lenetstan: 44380105/ 123rf.com)

Consumo inadeguato di fibre nell’alimentazione

La fibra è un carboidrato che il nostro corpo non può digerire. Per questo motivo viaggia direttamente nell’intestino e interagisce con il passaggio delle feci verso l’esterno (1).

Molte persone soffrono di stitichezza a causa di alimentazioni con un basso contenuto di fibre. Comunque sia, le fibre potrebbero essere utilizzate nelle terapie per le persone che soffrono di costipazione per altre cause (gravidanza, uso di farmaci e alcune malattie) (2).

Se vuoi aumentare l’assunzione di fibre, puoi seguire i suggerimenti che abbiamo preparato per te:

  1. Individua le migliori fonti di fibre: il miglior tipo di fibra si trova negli alimenti integrali come cereali, pane e pasta in combinazione con verdure, legumi, frutta e cereali (1).
  2. Assunzione di fibre consigliata: secondo l’EFSA (autorità europea per la sicurezza alimentare) un adulto normale non dovrebbe consumare più di 25 grammi di fibre al giorno (2).
  3. Aumenta progressivamente l’apporto di fibre: se non sei abituato a consumare fibre nella tua alimentazione quotidiana, potresti presentare disturbi gastrointestinali con le dosi consigliate. Cerca di aumentare lentamente, iniziando con 5-10 grammi al giorno e aumentando lentamente l’assunzione.
  4. Considera l’uso di integratori di fibre: sebbene il modo migliore per ottenere le fibre sia dal cibo, molte persone  possono non consumarne a sufficienza. In questo caso e sotto le indicazioni di un professionista della salute, puoi optare per integratori di psillio, metilcellulosa, destrina del grano e policarbofilo di calcio (1).

Non tutte le persone possono alleviare la stitichezza introducendo fibre nella dieta. Per questo motivo, dovresti consultare correttamente un professionista della salute per determinare se aumentare l’assunzione di fibre sia la scelta migliore per te (3).

Disidratazione

La disidratazione cronica potrebbe essere un fattore di rischio per lo sviluppo della stitichezza (4, 5, 6). Questo perché, essendo disidratato, il corpo cerca di estrarre l’acqua da tutti i luoghi possibili per continuare a funzionare “normalmente”, compresa l’acqua che “idrata” le nostre feci.

Ti consigliamo di seguire i seguenti suggerimenti per evitare la disidratazione (7):

  1. Aumenta il consumo di acqua quando fa caldo o se ti alleni: il sudore proviene dalle nostre riserve di acqua interne. Per questo motivo, cerca di aumentare il consumo di acqua se vivi in ​​luoghi caldi, fai esercizio fisico regolarmente o se tendi a sudare copiosamente.
  2. Trova buone fonti di liquido: puoi trovare l’acqua nella frutta, nelle zuppe e negli infusi. Queste fonti possono diversificare il consumo di acqua per renderlo molto più interessante. Evita invece le bevande zuccherate come succhi di frutta o bevande analcoliche, poiché potrebbero avere un impatto negativo sulla tua salute.
  3. Stabilisci un obiettivo: la quantità di acqua consigliata al giorno è di circa 8 bicchieri o 2 litri di acqua. Puoi impostare questo obiettivo con promemoria, chiedendo aiuto ad amici e familiari e puoi portare con te una bottiglia d’acqua ovunque tu vada.
  4. Controlla il colore delle tue urine: se la tua urina è di colore giallo chiaro probabilmente sei ben idratato, ma se è di giallo scuro o arancione, è meglio cercare di aumentare l’assunzione di liquidi. Questo può variare nelle persone con condizioni renali o determinate malattie. Se l’aspetto della tua urina ti preoccupa, consulta il tuo medico.

Molte persone si vergognano di andare in bagno nei luoghi pubblici. Ignorando la necessità di evacuare, si può sviluppare stitichezza cronica. (Fonte: Jackson: 80036012/ 123rf.com)

Stile di vita sedentario

L’esercizio fisico viene definito il “talismano della salute” grazie agli effetti benefici che ha su vari apparati e sistemi dell’organismo (8). Uno di questi vantaggi è la stimolazione del sistema digerente.

Le persone che non si allenano regolarmente o che sono costrette a letto a causa di un incidente possono soffrire di stitichezza (9). Al contrario, l’esercizio fisico regolare riesce a migliorare il transito gastrointestinale nelle persone che soffrono di costipazione (10, 11), soprattutto in combinazione con una dieta sana e una sufficiente idratazione (12).

Quando inizi, cerca di implementare 3 sessioni di esercizi a settimana di 30 minuti ciascuna. Puoi camminare, ballare, portare a spasso i tuoi animali domestici, qualunque cosa tu voglia! In un secondo momento poi puoi aumentare la frequenza e l’intensità degli esercizi.

Trattenere lo stimolo

Per molte persone, fare “i propri bisogni” in luoghi pubblici è un vero e proprio calvario. Potrebbero persino ignorare i terribili crampi intestinali solo per evitare imbarazzo fuori dal loro ambiente.

In questo modo, molte volte il nostro colon inizia a trattenere sempre più feci, che diventeranno secche e difficili da smaltire. Se questo si prolunga nel tempo, il nostro intestino potrebbe “dimenticare” come espellere correttamente le feci, che in molte persone causa stitichezza cronica.

Se sei un “timido defecatore” vogliamo darti un paio di consigli:

  1. Tutti defechiamo: anche se sembra ovvio, è qualcosa che dobbiamo tenere a mente ogni volta che ci sentiamo in imbarazzo all’idea di andare in bagno. Abbiamo tutti bisogno di evacuare ed è un atto naturale, niente di cui vergognarsi!
  2. Tieniti preparato: se andare corpo fuori casa ti risulta difficile, un po’ di preparazione psicologica e non solo può darti il ​​coraggio di cui hai bisogno. Puoi portare con te alcune cose che semplifichino la tua esperienza, come un deodorante per ambienti, un rotolo di carta igienica e persino una musica rilassante che puoi ascoltare per distrarti un po’ dalle tue preoccupazioni.
  3. Non rimandare a dopo: se ignori a lungo il desiderio di evacuare, questo va via. Anche se sembra una buona cosa, in realtà non lo è affatto, poiché il tuo corpo si abitua a ignorare i segnali dal tuo cervello e puoi sviluppare stitichezza in futuro.

Scegliere buone abitudini salutari può essere la chiave per alleviare o prevenire la stitichezza. (Fuente: Undrey: 82659784/ 123rf.com)

Consumo di medicinali

Alcuni farmaci possono rallentare il transito gastrointestinale, rendendo difficile il passaggio delle feci e persino causando stitichezza a lungo termine. Questo è il caso di alcuni farmaci usati per il dolore, in particolare gli oppioidi come la morfina o l’idrocodone (13).

Altri farmaci che potrebbero causare stitichezza sono gli antidepressivi, gli antipertensivi, gli antiacidi e i medicinali contro il cancro. (14).

Ti consigliamo di seguire un’alimentazione contenente sufficienti fibre, di bere abbastanza acqua e di fare esercizio per alleviare i sintomi della stitichezza. Se queste pratiche non dovessero bastare, puoi consultare il tuo medico curante, che potrebbe consigliarti dei lassativi o cambiare il tuo trattamento attuale.

Gravidanza

La stitichezza durante la gravidanza è un evento comune. Questo perché il progesterone, un ormone abbondante in questa fase, inibisce le contrazioni dell’intestino che trasportano le feci all’esterno.

Questo sintomo può deteriorare la qualità della vita della donna incinta, generando conseguenze come emorroidi, fistole o ragadi anali (15).

Una buona alimentazione, idratazione a sufficienza ed esercizi a basso impatto sono generalmente sufficienti per alleviare la stitichezza. Nei casi più gravi può essere richiesto dal medico o dal ginecologo l’uso di lassativi o anche di clisteri (16).

Dr. William D. CheyProfessore di gastroenterologia dell’università del Michigan
“Se resisti costantemente all’impulso di andare in bagno, nell’intestino si accumulano grandi quantità di feci che potrebbero non essere completamente eliminate. Man mano che le feci si accumulano nell’intestino, si seccano ed è molto più difficile da smaltire”.

Malattie

Poiché la stitichezza è un sintomo piuttosto che una malattia, è coinvolta in molte patologie. Di seguito vengono descritti i sintomi più comuni delle patologie che potrebbero essere accompagnate da stipsi (5):

Malattia Definizione Sintomi comuni
Diabete mellitio (17) Malattia irreversibile e cronica in cui i livelli di zucchero nel sangue e nelle urine aumentano. Questa malattia si verifica a seguito di una diminuzione della produzione o dell’azione dell’insulina (un ormone che regola gli zuccheri nel sangue) Aumento della sete e della voglia di urinare

Aumento del appetito

Vista annebbiata

stanchezza o fatica

Intorpidimento o formicolio alle mani o ai piedi

Perdita di peso senza una ragione apparente

Ipertiroidismo (18) Intorpidimento o formicolio alle mani o ai piedi Irritabilità

Difficoltà per dormire

Debolezza muscolare

Perdita di peso

Battiti cardiaci rapidi o irregolari

Tremore alle mani

Poca tolleranza al caldo

Gonfiore al collo (gozzo)

Ipotiroidismo (19) Diminuzione dell’attività della ghiandola tiroidea con la conseguente diminuzione degli ormoni tiroidei Sensazione di freddo costante

Fatica o stanchezza

Mestruazioni abbondanti o prolungate

Dolori muscolari o articolari

Pallidezza o pelle secca

Tristezza costante

Capelli e unghie fragili

Aumento di peso

Alterazioni dello stato d’animo (ansia e/o depressione) (20, 21) Disturbi della salute mentale che sono caratterizzati dalla presenza di disturbi emotivi per lunghi periodi di tempo Cambiamenti di umore che impediscono la normale vita quotidiana
Parkinson (22) Disturbo del movimento che si verifica quando le cellule nervose oi neuroni non producono quantità adeguate di dopamina (una sostanza che regola le funzioni cerebrali) Tremore alle dita e alle estremità

Movimenti lenti

Rigidità dei muscoli

Alterazioni della postura e dell’equilibrio

Difficoltà e/o cambiamenti del linguaggio

Difficoltà o cambiamenti nello scrivere

Fissure anali (23) Piccolo strappo nel tessuto sottile e umido (mucosa) che riveste l’ano Dolore durante le evacuazioni

Dolore dopo le evacuazioni (può durare anche più ore)

Sangue rosso e brillante nelle feci o sulla carta igienica

Crepe visibili intorno all’ano

Sclerosi multipla (24) Malattia in cui il sistema immunitario attacca i nervi del corpo causando problemi di comunicazione tra il cervello e il resto del corpo Intorpidimento o debolezza di uno o più arti

Sensazione di scosse elettriche che si verificano con determinati movimenti

Tremori

Mancanza di coordinazione

Camminata insicura

Problemi di vista

Fatica

Vertigini

Formicolii

Difficoltà nel linguaggio

Ostruzione intestinale (25) Blocco che può impedire completamente o parzialmente il transito dei contenuti intestinali Dolore addominale intermittente (coliche)

Perdita di appetito

Vomito

Incapacità di emettere gas

Gonfiore addominale

Quale integratore scegliere?

Prima di acquistare qualsiasi prodotto del mercato online per alleviare o trattare la stitichezza, è importante fare una visita dal medico di famiglia per determinarne la causa. Fatto ciò, puoi seguire i nostri consigli di seguito:

Lassativi più comuni

I prodotti destinati ad alleviare la stitichezza sono principalmente lassativi. Molti di questi sono disponibili da banco e possono essere comprati online. In questa tabella approfondiremo alcuni di questi: (26):

Tipo di lassativi Caratteristiche Precauzioni Possibili effetti collaterali
Formanti massa Aiutano a far assorbire più acqua alle feci

Sono lassativi piuttosto sicuri

Possono contenere psillio, policarbofilo o metilcellulosa

Anziani

Insufficenza renale e cardiaca

Diminuzione dell’assorbimento dei nutrienti

Flatulenza

Prurito anale

Emorrodi

Stimolanti Stimolano il movimento delle pareti intestinali

Possono essere usati nella stitichezza causata dagli oppioidi

Ostruzione intestinale Dolori addominali

Coliche

Diarrea

Emollienti o ammorbidenti fecali Aiuta a mescolare grasso e acqua con le feci per supportare il transito gastrointestinale

Possono essere utilizzati nelle persone con problemi cardiovascolari

Anziani

Individui con problemi gastrici

Nausea

Vomito

Anoressia

Salini Aiutano a trattenere l’acqua nelle feci

Possono essere sotto forma di citrato di magnesio o cloruro di magnesio

Anziani

Rene e insufficienza cardiaca

Diarrea

Sangue nelle feci

Si sconsiglia l’automedicazione con lassativi senza l’approvazione del proprio medico di famiglia. Questa tabella è puramente informativa.

Integratori con probiotici

I probiotici sono batteri vivi che supportano la funzione intestinale. Esistono molti integratori sul mercato online che possono contenerli, ma per assicurarti di aver scelto quello corretto puoi seguire i punti chiave che ti suggeriamo qui sotto (27):

  • CFU: cerca i probiotici che contengono tra cento e un miliardo di CFU (Colony Forming Units). Questo definisce la quantità di probiotici (batteri vivi) contenuti per ogni dose.
  • Resistenza: i probiotici più potenti sono quelli che possono essere tenuti fuori dal frigorifero. Questo rende meno probabile la morte dei batteri durante il trasporto o la conservazione.
  • Rivestimiento: i probiotici più efficaci sono quelli resistenti agli acidi gastrici, comunemente si trovano come probiotici “enterici”.
  • Batteri: I batteri che sono stati comunemente associati a benefici per la salute intestinale includono Lactobacillus, Bifidobacterium, Streptococcus e alcuni lieviti come Saccharomyces (28).

Le donne sono due volte più suscettibili degli uomini alla stitichezza. (Fonte: Yastremska: 97160154/ 123rf.com)

Aloe vera, un ingrediente comune nei prodotti contro la stitichezza che dobbiamo evitare

L’organizzazione dei consumatori (OCU) nel 2019 ha emesso un avvertimento contro il consumo di prodotti con aloe vera per le sue possibili implicazioni in termini di danni alla salute.

Questo perché l’aloe vera contiene un ingrediente chiamato “aloina”, che è responsabile del suo effetto lassativo ed era considerato “sicuro”. Tuttavia, questa sostanza può essere tossica in quantità ancora in fase di studio, quindi non è stata stabilita una dose sicura per il consumo umano (29).

Integratori per alimentazioni vegane

Gli integratori destinati ad alleviare la stitichezza si adattano facilmente alle diete vegane, poiché i loro ingredienti provengono comunemente da piante o batteri (probiotici).

Tuttavia, alcuni ingredienti o eccipienti con cui sono realizzati questi farmaci potrebbero contenere prodotti di origine animale, come la gelatina che copre le capsule. È per questo motivo che dovresti cercare integratori che dichiarano di essere vegan-friendly.

Integratori per soggetti sensibili

Alcune persone dovrebbero essere più attente di altre quando consumano integratori per la stitichezza, come per esempio:

  1. Donne in gravidanza: sebbene i lassativi siano prescritti molte volte alle donne in gravidanza, devono essere regolati da un professionista della salute. I prodotti destinati alle donne in gravidanza sono generalmente lassativi osmotici.
  2. Anziani: in questa popolazione, dovrebbero essere evitati integratori o lassativi che assorbono grandi quantità di acqua nell’intestino crasso. Gli anziani sono più suscettibili alla disidratazione.
  3. Bambini e adolescenti: nessun integratore deve essere somministrato ai minori senza l’indicazione di un pediatra. In questa fase, è meglio implementare un’istruzione e una motivazione adeguate per aiutare i bambini ad andare normalmente in bagno.

Conclusioni

Nonostante la stitichezza sia una condizione con molte cause, questo non può scoraggiarci dal trovarle. Molte volte non è possibile evitare certe cose come l’uso di medicinali o determinate malattie, ma possiamo sempre migliorare il nostro stile di vita.

Ricorda che mangiare bene, bere acqua a sufficienza e fare esercizio regolarmente potrebbe prevenire e persino curare molte malattie, inclusa la stitichezza. Non dimenticare di parlare della tua salute intestinale con il tuo medico di famiglia.

Se vuoi saperne di più sulla stitichezza e molto altro, non dimenticare di visitare i nostri articoli dedicati a salute e a benessere. Aspettiamo un tuo commento e se ti fa piacere, condividi queste informazioni con i tuoi amici.

(Fuente de la imagen destacada: Chajamp: 46620421/ 123rf.com)

Riferimenti (29)

1. Felson S. Dietary Fiber for Constipation: How Much You Need [Internet]. WebMD. WebMD. 2020.
Fonte

2. Yang J. Effect of dietary fiber on constipation: A meta analysis. World Journal of Gastroenterology. 2012;18(48):7378.
Fonte

3. Ho K-S. Stopping or reducing dietary fiber intake reduces constipation and its associated symptoms. World Journal of Gastroenterology. 2012;18(33):4593.
Fonte

4. Khatri M. Constipation Symptoms and Causes: What To Do For Severe Constipation [Internet]. WebMD. WebMD; 2019.
Fonte

5. Estreñimiento [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018.
Fonte

6. Murakami K, Sasaki S, Okubo H, Takahashi Y, Hosoi Y, Itabashi M. Association between dietary fiber, water and magnesium intake and functional constipation among young Japanese women. European Journal of Clinical Nutrition. 2006;61(5):616–22.
Fonte

7. Water, Constipation, Dehydration, and Other Fluids [Internet]. WebMD. WebMD.
Fonte

8. Ezquerra Eduardo Alegría, Idoate MV, Barrero Eduardo Alegría. Ejercicio físico: El talismán de la salud. León, España: Everest; 2002.
Fonte

9. Fernández MP. Estreñimiento. Retención. Farmacia Profesional. 2002;16(6).
Fonte

10. Leung L, Riutta T, Kotecha J, Rosser W. Chronic Constipation: An Evidence-Based Review. The Journal of the American Board of Family Medicine. 2011;24(4):436–51.
Fonte

11. Gao R, Tao Y, Zhou C, Li J, Wang X, Chen L, et al. Exercise therapy in patients with constipation: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Scandinavian Journal of Gastroenterology. 2019;54(2):169–77.
Fonte

12. Annells M, Koch T. Constipation and the preached trio: diet, fluid intake, exercise. International Journal of Nursing Studies. 2003;40(8):843–52.
Fonte

13. Tratar el Estreñimiento Causado por Medicamentos para el Dolor [Internet]. Northwestern Medicine. 2017.
Fonte

14. ESTREÑIMIENTO. FÁRMACOS QUE PRODUCEN ESTREÑIMIENTO. 1aria. 2003.
Fonte

15. Padilla M, Navas M, Díaz E. DIAGNÓSTICO Y TRATAMIENTO DEL ESTREÑIMIENTO DURANTE EL EMBARAZO. Sociedad Española de Ginecología y Obstetricia. 2013;
Fonte

16. Comprende cómo se puede tratar el estreñimiento durante el embarazo [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2019.
Fonte

17. Síntomas y causas de la diabetes [Internet]. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. U.S. Department of Health and Human Services.
Fonte

18. Hipertiroidismo: MedlinePlus en español [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Fonte

19. Hipotiroidismo: MedlinePlus enciclopedia médica [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Fonte

20. Ansiedad: MedlinePlus en español [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine. 2020.
Fonte

21. Depresión: MedlinePlus enciclopedia médica [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Fonte

22. Enfermedad de Parkinson [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018.
Fonte

23. Fisura anal [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2019.
Fonte

24. Esclerosis múltiple [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2017.
Fonte

25. Oclusión intestinal [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018
Fonte

26. Divins M. Laxantes. Farmacia Profesional. 2016
Fonte

27. Antonieta G., Ramon B. Probióticos [Internet]. Farmacia Profesional. 2017.
Fonte

28. Carnicéa RT. Probióticos. Concepto y mecanismos de acción. Anales de pediatría de la Asociación Española de Pediatría. 2006;4(1):30–41.
Fonte

29. Riesgos que podrían esconder los alimentos de moda: OCU [Internet]. www.ocu.org. 2019.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Sito ufficiale
Felson S. Dietary Fiber for Constipation: How Much You Need [Internet]. WebMD. WebMD. 2020.
Vai alla fonte
Meta analisi
Yang J. Effect of dietary fiber on constipation: A meta analysis. World Journal of Gastroenterology. 2012;18(48):7378.
Vai alla fonte
Studio su umani
Ho K-S. Stopping or reducing dietary fiber intake reduces constipation and its associated symptoms. World Journal of Gastroenterology. 2012;18(33):4593.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Khatri M. Constipation Symptoms and Causes: What To Do For Severe Constipation [Internet]. WebMD. WebMD; 2019.
Vai alla fonte
sito ufficiale
Estreñimiento [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018.
Vai alla fonte
Studio su umani
Murakami K, Sasaki S, Okubo H, Takahashi Y, Hosoi Y, Itabashi M. Association between dietary fiber, water and magnesium intake and functional constipation among young Japanese women. European Journal of Clinical Nutrition. 2006;61(5):616–22.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Water, Constipation, Dehydration, and Other Fluids [Internet]. WebMD. WebMD.
Vai alla fonte
Libro di testo
Ezquerra Eduardo Alegría, Idoate MV, Barrero Eduardo Alegría. Ejercicio físico: El talismán de la salud. León, España: Everest; 2002.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Fernández MP. Estreñimiento. Retención. Farmacia Profesional. 2002;16(6).
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Leung L, Riutta T, Kotecha J, Rosser W. Chronic Constipation: An Evidence-Based Review. The Journal of the American Board of Family Medicine. 2011;24(4):436–51.
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Gao R, Tao Y, Zhou C, Li J, Wang X, Chen L, et al. Exercise therapy in patients with constipation: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials. Scandinavian Journal of Gastroenterology. 2019;54(2):169–77.
Vai alla fonte
Studio su umani
Annells M, Koch T. Constipation and the preached trio: diet, fluid intake, exercise. International Journal of Nursing Studies. 2003;40(8):843–52.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Tratar el Estreñimiento Causado por Medicamentos para el Dolor [Internet]. Northwestern Medicine. 2017.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
ESTREÑIMIENTO. FÁRMACOS QUE PRODUCEN ESTREÑIMIENTO. 1aria. 2003.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Padilla M, Navas M, Díaz E. DIAGNÓSTICO Y TRATAMIENTO DEL ESTREÑIMIENTO DURANTE EL EMBARAZO. Sociedad Española de Ginecología y Obstetricia. 2013;
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Comprende cómo se puede tratar el estreñimiento durante el embarazo [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2019.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Síntomas y causas de la diabetes [Internet]. National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. U.S. Department of Health and Human Services.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Hipertiroidismo: MedlinePlus en español [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Hipotiroidismo: MedlinePlus enciclopedia médica [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Ansiedad: MedlinePlus en español [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine. 2020.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Depresión: MedlinePlus enciclopedia médica [Internet]. MedlinePlus. U.S. National Library of Medicine; 2020.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Enfermedad de Parkinson [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Fisura anal [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2019.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Esclerosis múltiple [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2017.
Vai alla fonte
Sito ufficiale
Oclusión intestinal [Internet]. Mayo Clinic. Mayo Foundation for Medical Education and Research; 2018
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Divins M. Laxantes. Farmacia Profesional. 2016
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Antonieta G., Ramon B. Probióticos [Internet]. Farmacia Profesional. 2017.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Carnicéa RT. Probióticos. Concepto y mecanismos de acción. Anales de pediatría de la Asociación Española de Pediatría. 2006;4(1):30–41.
Vai alla fonte
Sito ufficiale OCU
Riesgos que podrían esconder los alimentos de moda: OCU [Internet]. www.ocu.org. 2019.
Vai alla fonte
Recensioni