Integratori e polvere di curcuma
Ultimo aggiornamento: 06/06/2020

Il nostro metodo

19Prodotti analizzati

35Ore impiegate

29Studi valutati

123Commenti raccolti

Può darsi che il nome “curcumina” ti suoni familiare, ed è comprensibile! Questo colorante proviene dalla Curcuma longa (comunemente nota come curcuma), pianta originaria dell’India utilizzata per le sue proprietà medicinali e il suo sapore leggermente piccante.

La curcumina è responsabile del bell’aspetto giallo-arancione della curcuma e le sue proprietà medicinali l’hanno posta al centro di molte ricerche scientifiche. Ti interessa scoprire i segreti della curcumina? Allora, continua a leggere! Ti sorprenderai di tutto quello che è capace di fare.

Le cose più importanti in breve

  • La curcuma è una spezia molto diffusa nella gastronomia asiatica. La parte commestibile di questa pianta è il suo fusto sotterraneo, anche noto come “rizoma”.
  • La curcumina è uno dei componenti essenziali della curcuma. Insieme ad altre sostanze, come l’acido caffeico, è responsabile di molte delle sue proprietà medicinali.
  • La curcumina presente nella curcuma viene assorbita solo per l’1%. Questa quantità, di per sé, è insufficiente per produrre tutti i suoi effetti medicinali (2).
  • La curcuma può essere assunta sotto forma di infusione, polvere e capsule; queste ultime sono la formulazione in grado di assicurare una dose più concentrata di curcumina.

I migliori integratori di curcumina sul mercato: la nostra selezione

Sul mercato, esiste un’infinità di integratori di curcumina, ma non tutti i prodotti presentano quantità sufficienti per risultare qualcosa di più di un ospite momentaneo che passa dalla bocca al gabinetto senza avere molto da offrire. Non devi preoccuparti: abbiamo studiato i migliori prodotti sul mercato online e te li presentiamo qui di seguito!

L’integratore di curcumina con il miglior rapporto qualità-prezzo

Questo integratore combina le proprietà del pepe nero con una concentrazione di curcumina al 95% per un maggiore assorbimento ed efficacia. Si raccomanda di assumere 2 capsule al giorno, preferibilmente durante i pasti, per fornire 800 mg di curcuma e 2 mg di piperina.

Classificato 4,5 su 5 stelle, questo prodotto vegano, privo di OGM (organismi geneticamente modificati), è riconosciuto per la sua capacità antinfiammatoria e digestiva, disponibile in comode capsule inodore (inodore) facili da deglutire.

L’integratore con maggior biodisponibilità di curcumina

Grazie alla sua presentazione in capsule con contenuto liquido, questo integratore di curcumina ha una biodisponibilità 185 volte maggiore rispetto ai prodotti ordinari. È stato arricchito con vitamina D3 ed è totalmente privo di OGM. Si consiglia l’assunzione di 1 capsula al giorno, preferibilmente durante i pasti, che fornisce 500 mg di curcuma e 5,4 μg (microgrammi) di vitamina D3.

Valutato 4.6 su 5 stelle, gli acquirenti di questo integratore hanno notato gli effetti benefici a breve e lungo termine, in particolare la prevenzione del comune raffreddore e degli effetti antinfiammatori articolari.

La miglior combinazione di curcumina e altri ingredienti

Uno dei pochi integratori sul mercato che ha isolato la curcumina dalla curcuma. La dose giornaliera fornisce 500 mg di curcumina in combinazione con 2,5 mg di piperina, 150 mg di polvere di pomodoro, 25 μg di vitamina D3 e 52 mg di estratto di radice di zenzero. Si consiglia l’assunzione di 2 capsule al giorno, preferibilmente durante i pasti.

Questo prodotto è stato valutato 4,7 su 5 stelle dai suoi acquirenti, che hanno notato una significativa riduzione dei disturbi gastrointestinali e dell’infiammazione articolare.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulla curcumina

Nel mondo degli integratori alimentari, le ricerche e le nuove scoperte sembrano non finire mai. Abbiamo raccolto le informazioni più all’avanguardia per tenerti aggiornato su tutto ciò che questo integratore può offrire.

Coppia sorridente

Secondo alcuni studi, gli effetti analgesici della curcumina potrebbero essere paragonabili a quelli di altri analgesici come il diclofenac. (Fonte: Free-Photos: 1030744/ Pixabay.com)

Cos’è la curcuma?

La Curcuma Longa è una pianta della famiglia erbacea Zingiberaceae, caratterizzata da rizomi (fusti sotterranei che emettono radici) da cui si estrae la curcuma. In India, iniziò ad essere utilizzata nel 610 a. C. come colorante per la lana o per uso cosmetico, ma oggi i suoi utilizzi si sono notevolmente estesi (1).

L’estratto di questa pianta è un ingrediente fondamentale della cucina orientale e viene studiato per le sue numerose proprietà medicinali, attribuite principalmente a uno dei suoi componenti, la curcumina (1).

Cos’è la curcumina?

La curcumina è un polifenolo (sostanza antiossidante) derivante dalla curcuma, che le conferisce il suo caratteristico colore giallo-arancione e viene utilizzato come colorante (noto come giallo naturale 3) (2).

Gli effetti più studiati della curcumina sono quelli medicinali. Vari studi hanno analizzato le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, anticancerogene, immunomodulanti e neuroprotettive (3).

foco

Sapevi che il colore arancione delle tuniche dei monaci buddisti è dovuto alla curcumina? Quando un monaco moriva, i suoi vestiti venivano bolliti nella curcuma per disinfettarli e ciò tingeva le tuniche di quel caratteristico colore. Poi, tali tuniche passavano alle generazioni successive.

La curcuma presenta qualche altro componente medicinale?

Oltre al suo componente principale, la curcumina appunto, la curcuma contiene anche altre molecole che hanno rivelato proprietà medicinali. È il caso dell’acido caffeico.

Questa molecola è stata studiata per le sue proprietà antiossidanti e antimicrobiche, cosa che fa sperare in un suo incoraggiante utilizzo nel trattamento delle malattie della pelle. È incredibile! (4).

Quali sono le proprietà medicinali della curcumina?

Le innumerevoli possibilità terapeutiche della curcumina sembrano non finire mai. Qui, ti presentiamo i risultati delle ultime ricerche circa gli effetti terapeutici di questo incredibile integratore. Non riuscirai a crederci!

  1. Antiossidante: la curcumina è in grado di neutralizzare i radicali liberi che accelerano la distruzione cellulare, con grandi effetti antiossidanti che potrebbero combattere l’invecchiamento precoce (2, 5).
  2. Antinfiammatorio: diversi studi hanno dimostrato la sua attività antinfiammatoria, soprattutto per il trattamento dell’osteoartrite e dell’artrite reumatoide. In questi pazienti, la curcumina ha avuto effetti simili a quelli di altri antinfiammatori come il diclofenac (Voltaren), con meno disturbi gastrointestinali associati al suo utilizzo. .
  3. Analgesico: secondo alcuni studi, gli effetti analgesici della curcumina potrebbero essere comparabili a quelli di altri analgesici come il diclofenac. Grazie alla sua elevata tolleranza, questo integratore può apportare i benefici degli analgesici senza i loro effetti secondari, come i disturbi gastrointestinali.
  4. Antimicrobico: la curcumina presenta un potente effetto antimicrobico su Streptococco, Pseudomonas aeruginosa e Bacillus subtilis. Questo integratore potrebbe anche rafforzare l’effetto di antibiotici come la vancomicina o la cefixima, che agiscono contro lo Stafilococco aureus .
  5. Effetti sull’Alzheimer: la curcumina potrebbe prevenire la degenerazione neuronale nell’Alzheimer grazie alla sua azione antinfiammatoria e antiossidante. Chi, infatti, l’ha utilizzata durante il trattamento, ha presentato un significativo miglioramento per quanto riguarda la memoria .
  6. Riduzione del colesterolo: la curcumina potrebbe evitare la formazione eccessiva di colesterolo, il che è molto vantaggioso per gli individui che soffrono di sindromi coronariche, metaboliche o neuronali. .

Polvere e radice di curcuma

La curcuma è una spezia molto diffusa nella gastronomia asiatica. La parte commestibile di questa pianta è il suo fusto sotterraneo, anche noto come “rizoma”. (Fonte: Gabdrakipova: 106029241/ 123rf.com)

Nanoparticelle di curcumina: sono utili?

La curcumina, nonostante tutti i suoi effetti benefici per la salute e la sua bassa tossicità, presenta un grosso problema: la sua biodisponibilità. Con ciò si intende la frazione di una sostanza che raggiunge il flusso sanguigno in maniera inalterata.

Dato che la curcumina è solubile nei lipidi (sostanze grasse) e non nei liquidi, il suo assorbimento intestinale è ridotto, a meno che non venga combinata con ingredienti aggiuntivi come piperina (pepe nero). Questo limita i suoi incredibili effetti terapeutici, ma si tratta di qualcosa che potrebbe presto cambiare.

È stato dimostrato che le nanoparticelle di curcumina presentano un miglior assorbimento nell’organismo, rafforzandone le capacità antimicrobiche e sono diventate anche oggetto di studio per i loro possibili utilizzi terapeutici in caso di tumore e Alzheimer .

foco

Sapevi che la curcuma è utile per il trattamento dell’acne? Questo, grazie alle sue proprietà antisettiche, antibatteriche e seboequilibranti, limitando la crescita dei batteri e la produzione di grasso da parte delle ghiandole sebacee.

Curcumina liposomiale: è utile?

La curcumina liposomiale è quella che si trova avvolta in uno strato protettivo di lipidi (grassi) che ne favorisce il trasporto. Sono stati realizzati diversi studi sperimentali con cui si è cercato di risolvere il problema della bassa biodisponibilità della curcumina. Questo metodo sembra guidarci nella direzione giusta.

Lo strato liposomiale della curcumina permette a questa sostanza di essere assorbita e trasportata nel sangue in maggiore quantità, evitando di essere metabolizzata ed eliminata prima di aver potuto svolgere le sue funzioni terapeutiche. Questo strato protettivo ne rallenta anche la liberazione, così da favorire un effetto prolungato che potrebbe avere una durata fino a 24 ore .

Quali sono gli effetti collaterali della curcumina?

Sono pochi gli effetti indesiderati associati all’uso della curcumina. Alcune persone che ne hanno consumato dosi elevate per un tempo prolungato hanno sperimentato i seguenti effetti collaterali :

  1. Gastrointestinali: costipazione, diarrea, gonfiore addominale, reflusso gastroesofageo, nausea, vomito, feci giallastre e mal di stomaco.
  2. Dermatologici: se applicata sulla pelle, può provocare prurito, bruciore, dermatite da contatto e orticaria.
  3. Cardiovascolari: alterazioni del ritmo cardiaco, disturbi al petto.
  4. Altri effetti: vertigini.

Se avverti qualcuno di questi sintomi durante l’uso della curcumina, non esitare a contattare immediatamente il tuo medico.

Dolore a un ginocchio

I suoi effetti antinfiammatori e antiossidanti potrebbero essere un punto di partenza per nuove ricerche. (Fonte: Kanchanaprat: 2703405/ Pixabay.com)

Come assumere gli integratori di curcumina?

Quando assumerla? A seconda dell’integratore di curcumina che decidi di usare, potresti avere bisogno di una o due capsule al giorno. Cerca di assumerle con i pasti.

Quanta assumerne? Secondo svariati studi, la dose di curcumina raccomandata varia tra 1125 e 2500 mg al giorno . Ciò è valido per adulti sani. In altre circostanze, come quelle citate nella sezione seguente, tale dose può non essere adatta.

Dr. Richard IsaacsonNeurologo della Weill Cornell Medicine di New York

“Consiglio ai miei pazienti interessati a prevenire o trattare una forma lieve di perdita di memoria di cucinare con la curcumina. Includerla nei pasti può aumentarne l’assorbimento”.

Quali sono le precauzioni da tenere presenti assumendo curcumina?

Nonostante sia stata dichiarata un prodotto generalmente sicuro per la salute dall’FDA (Agenzia per gli alimenti e i medicinali degli Stati Uniti), la curcumina può mettere a rischio la salute di chi l’assume nelle seguenti situazioni:

  • Sensibilità epatica: l’assunzione prolungata di curcumina può comportare tossicità epatica nel lungo periodo nelle persone sensibili. Ciò include individui con malattie epatiche o che assumono elevate quantità di alcol (più di due bicchieri di vino al giorno per una donna o più di quattro per un uomo).
  • Farmaci: la curcumina può interagire con farmaci come gli anticoagulanti e gli antinfiammatori non steroidei (aspirina, ibuprofene, paracetamolo) . Se assumi qualche farmaco, consulta sempre il tuo medico prima di assumere curcumina.
  • Gravidanza: durante gravidanza e allattamento, la curcuma è sicura negli alimenti, ma la curcumina in dosi medicinali potrebbe non esserlo, poiché potrebbe indurre prematuramente il travaglio .
  • Ostruzione della cistifellea: la curcumina può peggiorare i sintomi di questo problema, quindi il suo utilizzo non è consigliato .
  • Problemi di coagulazione: la curcuma può rallentare la coagulazione del sangue. Gli individui con problemi di coagulazione preesistenti o che, nel prossimo futuro, devono sottoporsi ad intervento chirurgico, dovrebbero evitarla.
  • Carenza di ferro: elevate dosi di curcuma possono inibire l’assorbimento del ferro, quindi va evitata nelle persone che soffrono di questo disturbo.

Criteri di acquisto

Di per sé, la curcuma presenta basse concentrazioni di curcumina. Se desideri sfruttare le migliori proprietà di questo integratore, è importante considerare i seguenti aspetti:

Concentrazione e biodisponibilità della curcumina

È importante saper scegliere prodotti con la giusta concentrazione di curcumina per poter godere dei suoi benefici. Nei prodotti combinati con curcuma, serve almeno il 93% di curcumina .

Ciò è dovuto al fatto che la biodisponibilità di questo integratore è molto ridotta . Vale a dire che, pur consumandone quantità considerevoli, la razione assorbita che arriva al flusso sanguigno non è sufficiente per esercitare funzioni terapeutiche.

Vari integratori e polvere

La curcuma può essere assunta sotto forma di infusione, polvere e capsule; queste ultime possono assicurare la dose più concentrata di curcumina. (Fonte: Onierek: 100851404/ 123rf.com)

Combinazione con altri ingredienti

L’effetto della curcumina può variare a seconda degli ingredienti con cui viene combinata. Per questo è importante selezionare la migliore combinazione possibile. Qui di seguito, ti presentiamo le combinazioni più comuni negli integratori:

Ingrediente Effetto
Pepe nero (piperina) Migliora l’assorbimento della curcumina fino al 2000%
Vitamina D Rafforza l’assorbimento del calcio e potrebbe migliorare gli effetti terapeutici in altre patologie come l’Alzheimer
Vitamine C ed E Rafforzano gli effetti antiossidanti della curcumina
Zenzero Rafforza gli effetti ipoglicemizzanti, antinfiammatori e analgesici
Importante: Non assumere in combinazione con altri ipoglicemizzanti.

Formato di presentazione

Per aiutarti a decidere, abbiamo realizzato una piccola lista di pro e contro delle forme più comuni in cui potresti trovare la curcumina sul mercato:

Presentazione Pro Contro
Curcuma in polvere Arricchisce i piatti cucinati.
Possiede proprietà antisettiche.
Colorante naturale.
Cosmetico naturale per abbellire la pelle.
La polvere pura di curcuma, che apporta la maggior concentrazione di curcumina, ne contiene soltanto 3,14% .

Ciò è insufficiente per alcune funzioni terapeutiche.

Capsule con estratto in polvere Possono arrivare a presentare il 95% di concentrazione di curcumina.
Più economiche.
Non tutte contengono concentrazioni sufficienti di curcumina.
Capsule con estratto liquido Facilitano l’assorbimento e la biodisponibilità della curcumina. Più costose.

Integratori per diete speciali

Se stai cercando un integratore che si adatti perfettamente al tuo stile di vita, devi fare attenzione ai seguenti segnali:

Caratteristiche Cerca Evita
Adatti per celiaci La confezione indica che sono adatti per celiaci.
Integratori con amido di riso, mais o patata.
Integratori con amido di grano, orzo, segale, avena o derivati.
Prodotti che possono contenere tracce di glutine.
Integratori prodotti prima del 2011 (potrebbero non indicare la quantità di glutine) .
Adatti per vegani Prodotti certificati come vegani (così identificati sulla confezione). Prodotti non chiaramente indicati come vegani.
Vitamina D3 (Alcuni derivano da olio di fegato di pesce) .
Adatti per altre intolleranze alimentari Prodotti che specifichino nell’etichetta di essere adatti per la tua situazione (intolleranza al lattosio, allergie specifiche). Prodotti senza etichette o con ingredienti non specificati.

Conclusioni

La curcumina è un fantastico integratore che ha davvero molto da offrire. I suoi effetti antinfiammatori e antiossidanti potrebbero essere un punto di partenza per nuovi studi sul legame tra queste proprietà e la prevenzione del cancro e dell’Alzheimer.

Se vuoi approfittare dei benefici della curcumina, è fondamentale scegliere un integratore di alta qualità in grado di fornire una quantità adeguata di questo componente. Ricorda sempre di consultare il medico, prima di assumere qualsiasi integratore: il cammino verso la salute è diverso da persona a persona.

Vuoi saperne di più su salute e benessere? Visita il nostro sito o lasciaci un commento. Inoltre, se la nostra guida sulla curcumina ti è sembrata interessante, condividila sui tuoi social network.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Limsakul: 56420251/ 123rf.com)

Riferimenti (29)

1. Paula S. Cúrcuma [Internet]. Reduca (Biología). Serie Botánica. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Fonte

2. Figueredo A. La Curcumina y sus funciones [Internet]. UVaDOC. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Fonte

3. Mario P. y Cols. Curcumin and Health [Internet]. MDPI. 2016. [Consultado el 6 de mayo del 2020]
Fonte

4. Magnani C. Caffeic acid: a review of its potential use in medications and cosmetics [Internet]. Analytical Methods. 2014. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

5. Rober H. MD., Curcumin for arthritis: Does it really work? [Internet]. Harvard Health Publishing. 2019. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Fonte

6. Poonam T., Madhuri S., Himani K., Anita K., Kasturi M. Bactericidal Activity of Curcumin I Is Associated with Damaging of Bacterial Membrane [Internet]. PLos One. 2015. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

7. Shrikant M., Kalpana P. The effect of curcumin (turmeric) on Alzheimer's disease: An overview [Internet]. Annals of Indian Academy of Neurology. 2008. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

8. Basniwal R., y cols Curcumin nanoparticles: preparation, characterization, and antimicrobial study [Internet]. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 2011. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

9. Murali M., y cols. Curcumin Nanomedicine: A Road to Cancer Therapeutics [Internet]. Current Pharmaceutical Design. 2010. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

10. Kwok K. y cols. Highly Stabilized Curcumin Nanoparticles Tested in an In Vitro Blood–Brain Barrier Model and in Alzheimer’s Disease Tg2576 Mice [Internet]. The APPS Journal. 2013. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

11. Ting F., Yumeng W., Robert J., Ling Z. Liposomal curcumin and its application in cancer. 2017. [Consultado el 10 de mayo del 2020].
Fonte

12. Chainani-Wu N. Safety and anti-inflammatory activity of curcumin: a component of turmeric (Curcuma longa) [Internet]. US National Library of Medicine. 2003. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

13. Turmeric [Internet]. Webmd.com. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

14. Tayyem R. Heath D., Al-Delaimy W., Rock C. Curcumin content of turmeric and curry powders [Internet]. Nutrition and Cancer 2006. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

15. Stephen D. Vit D-curcumin combo offers brain health potential [Internet]. Nutraingredients.com. 2009 [Consultado el 10 de mayo del 2020].
Fonte

16. Kuo-Yi L., y Cols Oral bioavailability of curcumin in rat and the herbal analysis from Curcuma longa by LC–MS/MS [Internet]. Journal of Chromatography B. 2007. [Consultado el 6 de mayo del 2020].
Fonte

17. Maria R. Cómo saber si un medicamento tiene gluten [Internet]. Real E Ilustre Colegio de Farmacéuticos de Sevilla. 2015 [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Fonte

18. Guía vegana: cómo leer las etiquetas de productos y alimentos [Internet]. Ideavegana.com 2018 [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Fonte

19. Kamal P. Curcumin [Internet]. Examine.com. 2020, [Consultado el 6 de mayo del 2020].
Fonte

20. Jódar G. Recomendaciones sobre cómo administrar la vitamina D. Guías internacionales y nacionales [Internet]. Revista de Osteoporosis y Metabolismo Mineral Volumen 6. 2014. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Fonte

21. Katherine Z. ¿Qué es la toxicidad producida por la vitamina D?, ¿debo estar preocupado dado que tomo suplementos? [Internet]. Mayoclinic.org. 2018. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Fonte

22. Shoba G., Joy D., Joseph T., Majeed M., Rajendran R., Srinivas P. Influence of piperine on the pharmacokinetics of curcumin in animals and human volunteers [Internet]. Planta medica. 1998. [Consultado el 7 de mayo del 2020]
Fonte

23. Villar Ruiz J. y Cols. Pimienta [Internet]. Guía de plantas medicinales del Magreb. 2010. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Fonte

24. Paula S. Cúrcuma [Internet]. Reduca (Biología). Serie Botánica. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

25. Cesar M. y Cols Colorantes de Curcuma Longa, estudio de su probable efecto antiinflamatorio analgésico-antirradical libre [Internet]. Instituto de Química Orgánica Aplicada a la Farmacia U.N.M.S.M.1998. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

26. Liddle M., Hull C., Liu C., Powell D., Contact urticaria from curcumin [Internet]. US National Library of Medicine. 2006. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

27. Alwi I., Santoso S., Sutrisna B., Suyanta FD., Kresno SB., Ernie S. The effect of curcumin on lipid level in patients with acute coronary syndrome. [Internet]. Acta Medica Indonesiana 2008. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Fonte

28. Raimara G. Eugenol: propiedades farmacológicas y toxicológicas. Ventajas y desventajas de su uso [Internet]. Departamento de Investigaciones Biológicas. 2002. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Fonte

29. UK Medicines Information. Turmeric: potential adverse effects and interactions [Internet]. Specialist Pharmacy Service. 2018. [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Revisione sistematica
Paula S. Cúrcuma [Internet]. Reduca (Biología). Serie Botánica. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Figueredo A. La Curcumina y sus funciones [Internet]. UVaDOC. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Mario P. y Cols. Curcumin and Health [Internet]. MDPI. 2016. [Consultado el 6 de mayo del 2020]
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Magnani C. Caffeic acid: a review of its potential use in medications and cosmetics [Internet]. Analytical Methods. 2014. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica di studio clinico su umani
Rober H. MD., Curcumin for arthritis: Does it really work? [Internet]. Harvard Health Publishing. 2019. [Consultado el 8 de mayo del 2020]
Vai alla fonte
Studio in vitro
Poonam T., Madhuri S., Himani K., Anita K., Kasturi M. Bactericidal Activity of Curcumin I Is Associated with Damaging of Bacterial Membrane [Internet]. PLos One. 2015. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Shrikant M., Kalpana P. The effect of curcumin (turmeric) on Alzheimer's disease: An overview [Internet]. Annals of Indian Academy of Neurology. 2008. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio in vitro
Basniwal R., y cols Curcumin nanoparticles: preparation, characterization, and antimicrobial study [Internet]. Journal of Agricultural and Food Chemistry. 2011. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Murali M., y cols. Curcumin Nanomedicine: A Road to Cancer Therapeutics [Internet]. Current Pharmaceutical Design. 2010. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio in vitro
Kwok K. y cols. Highly Stabilized Curcumin Nanoparticles Tested in an In Vitro Blood–Brain Barrier Model and in Alzheimer’s Disease Tg2576 Mice [Internet]. The APPS Journal. 2013. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Ting F., Yumeng W., Robert J., Ling Z. Liposomal curcumin and its application in cancer. 2017. [Consultado el 10 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Chainani-Wu N. Safety and anti-inflammatory activity of curcumin: a component of turmeric (Curcuma longa) [Internet]. US National Library of Medicine. 2003. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica - Sito web
Turmeric [Internet]. Webmd.com. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Tayyem R. Heath D., Al-Delaimy W., Rock C. Curcumin content of turmeric and curry powders [Internet]. Nutrition and Cancer 2006. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio clinico su umani
Stephen D. Vit D-curcumin combo offers brain health potential [Internet]. Nutraingredients.com. 2009 [Consultado el 10 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio clinico su animali
Kuo-Yi L., y Cols Oral bioavailability of curcumin in rat and the herbal analysis from Curcuma longa by LC–MS/MS [Internet]. Journal of Chromatography B. 2007. [Consultado el 6 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Maria R. Cómo saber si un medicamento tiene gluten [Internet]. Real E Ilustre Colegio de Farmacéuticos de Sevilla. 2015 [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Sito web
Guía vegana: cómo leer las etiquetas de productos y alimentos [Internet]. Ideavegana.com 2018 [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Kamal P. Curcumin [Internet]. Examine.com. 2020, [Consultado el 6 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Jódar G. Recomendaciones sobre cómo administrar la vitamina D. Guías internacionales y nacionales [Internet]. Revista de Osteoporosis y Metabolismo Mineral Volumen 6. 2014. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Katherine Z. ¿Qué es la toxicidad producida por la vitamina D?, ¿debo estar preocupado dado que tomo suplementos? [Internet]. Mayoclinic.org. 2018. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio clinico su animali e umani
Shoba G., Joy D., Joseph T., Majeed M., Rajendran R., Srinivas P. Influence of piperine on the pharmacokinetics of curcumin in animals and human volunteers [Internet]. Planta medica. 1998. [Consultado el 7 de mayo del 2020]
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Villar Ruiz J. y Cols. Pimienta [Internet]. Guía de plantas medicinales del Magreb. 2010. [Consultado el 7 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Paula S. Cúrcuma [Internet]. Reduca (Biología). Serie Botánica. 2014. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Cesar M. y Cols Colorantes de Curcuma Longa, estudio de su probable efecto antiinflamatorio analgésico-antirradical libre [Internet]. Instituto de Química Orgánica Aplicada a la Farmacia U.N.M.S.M.1998. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Liddle M., Hull C., Liu C., Powell D., Contact urticaria from curcumin [Internet]. US National Library of Medicine. 2006. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Studio clinico su animali e umani
Alwi I., Santoso S., Sutrisna B., Suyanta FD., Kresno SB., Ernie S. The effect of curcumin on lipid level in patients with acute coronary syndrome. [Internet]. Acta Medica Indonesiana 2008. [Consultado el 8 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Raimara G. Eugenol: propiedades farmacológicas y toxicológicas. Ventajas y desventajas de su uso [Internet]. Departamento de Investigaciones Biológicas. 2002. [Consultado el 9 de mayo del 2020].
Vai alla fonte
Revisione sistematica
UK Medicines Information. Turmeric: potential adverse effects and interactions [Internet]. Specialist Pharmacy Service. 2018. [Consultado el 13 de mayo del 2020].
Vai alla fonte