Intestino blu
Ultimo aggiornamento: 17/05/2020

Il nostro metodo

11Prodotti analizzati

29Ore impiegate

14Studi valutati

156Commenti raccolti

La diarrea è una delle affezioni intestinali più frequenti e che genera molto fastidio in coloro che ne soffrono. Mangiare cibo non ben conservato, o che non ha rispettato la catena del freddo, è la causa più comune della diarrea acuta. Tuttavia, l’episodio diarroico può anche essere un sintomo di una malattia di base, ad esempio la celiachia.

Dieta, idratazione e integratori alimentari costituiscono la base del trattamento per la diarrea semplice. Quali sono i migliori integratori alimentari per la diarrea? Come dovrebbe essere la dieta? Quando è utile il digiuno? A tutte queste e altre domande verrà data risposta in questa guida.

Le cose più importanti in breve

  • Per definizione, la diarrea è l’espulsione delle feci di ridotta consistenza (liquida o semiliquida), che è generalmente accompagnata da un aumento della frequenza dei movimenti intestinali (almeno 3 volte al giorno). Può essere acuta o cronica e le sue cause sono molteplici.
  • Quando si presenta la diarrea, è essenziale apportare modifiche alla dieta e garantire un’adeguata assunzione di liquidi per sostituire le perdite. Ci sono integratori alimentari che vengono utilizzati come coadiuvanti nel trattamento di alcuni tipi di diarrea o che aiutano a prevenire la disidratazione.
  • Quando si acquista un integratore per la diarrea, è essenziale valutare alcuni aspetti che variano in base a ciascun tipo di prodotto: ceppo e quantità di CFU nei probiotici, tipo di prebiotico, composizione delle soluzioni di reidratazione orale, allergeni e certificazioni di qualità .

I migliori integratori per la diarrea: la nostra selezione

Probiotici, prebiotici e sali di reidratazione orale sono i prodotti più utilizzati per trattare la diarrea, sebbene non siano necessari in tutti i casi e non siano sostituti di una dieta corretta. In questa sezione, descriviamo le caratteristiche e gli usi di questi integratori per la diarrea:

Il miglior integratore con probiotici, prebiotici e vitamine contro la diarrea

10 flaconcini da 8 ml contenenti 10 miliardi di 10 diversi ceppi di fermenti lattici vivi (probiotici), oltre a prebiotici e vitamine B1, B2, B6 e B12. Una formalazione che aiuta a ristabilire l’equilibrio del microbiota intestinale in caso di alterazioni, compresa la diarrea. Non contiene glutine, né lattosio e al posto del glucosio/zucchero viene usata la stevia. Consigliata l’assunzione di 1 flaconcino al giorno a stomaco pieno.

L’integratore più consigliato per contrastare la diarrea del viaggiatore

Capsule probiotiche, adatte ai vegani, formulate per prevenire e/o trattare la diarrea del viaggiatore. È indicato prendere 1 unità al giorno, a partire da 3 giorni prima del viaggio e prolungando l’assunsione fino a 2 giorni dopo il ritorno. Fornisce 5 miliardi della miscela probiotica di Saccharomyces boulardii (lievito), Bifidobacterium longum Rosell-175, Lactobacillus rhamnosus Rosell-11 e Lactobacillus acidophilus Rosell-52.

La migliore soluzione per la reidratazione orale di sali minerali

Sali di reidratazione orale, con aroma di arancia, presentati in bustine da 5,5 g ciascuna. La confezione contiene 4 bustine e si consiglia di diluire il contenuto di 1 unità in 240 ml di acqua. Può essere assunta ogni 1 a 4 ore, se necessario. Ogni porzione fornisce 3 g di destrosio (zucchero), 115 mg di vitamina C, 324 mg di cloruro, 326 mg di sodio e 99 mg di potassio. Adatto per adulti e bambini sopra i 12 anni.

Il miglior integratore naturale per bambini con diarrea

Integratore in polvere, a base di tannini e flavonoidi, per abbreviare la durata della diarrea, ridurre l’infiammazione intestinale e favorire l’equilibrio del microbiota. Si consiglia di sciogliere il contenuto della busta in 1 cucchiaio di acqua. I suoi ingredienti sono succhi naturali liofilizzati, zucchero di canna, tannini e flavonoidi. È raccomandato per i bambini di età superiore a 1 anno. È senza glutine.

Tutto quello che devi sapere sulla diarrea e i suoi migliori trattamenti

Il trattamento della diarrea dipenderà in gran parte dalla sua causa. Tuttavia, una corretta alimentazione e idratazione sono essenziali per gestire questa condizione. Anche alcuni integratori, come i probiotici o le soluzioni di reidratazione orale, possono essere utili in questi casi, come spiegato di seguito:

Donna che beve da una tazza

Diversi studi raccomandano l’assunzione di liquidi bevendo poco a poco, in modo da non generare disagio o stimolare il riflesso della defecazione. (Fonte: Guillem: 93054344/ 123rf.com)

Definizione di diarrea

L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce la diarrea come “l’evacuazione delle feci liquide, con una frequenza di 3 o più volte al giorno”. Ogni persona ha abitudini di evacuazione diverse e, per la diagnosi di diarrea, deve esserci un aumento della frequenza dei movimenti intestinali e una diminuzione della sua consistenza (1).

Classificazione della diarrea

La diarrea può essere classificata in base a vari criteri: durata, meccanismo fisiopatologico (come si manifesta la malattia) o causa. Per semplificare il problema, faremo affidamento sulla classificazione più semplice, che si riferisce alla durata di questa condizione. Secondo questo criterio, la diarrea può essere (2):

  • Acuta: si verifica per un periodo inferiore alle 2 settimane.
  • Persistente: con durata da 2 a 4 settimane.
  • Cronica: dura più di 4 settimane.
Jack BrahaGastroenterologo

“La diarrea è comune dopo aver mangiato cibo avariato o infetto e, nella maggior parte dei casi, dura non più di una settimana. Se la diarrea dura più di due settimane o se c’è sanguinamento, perdita di peso o non ti fa dormire, dovresti andare dal medico”.

Quali sono le principali cause della diarrea?

I microrganismi, ad esempio la salmonella presente nel pollo e nelle uova, sono una causa frequente di diarrea acuta. Tuttavia, le feci liquide possono essere un sintomo di una malattia di base più complessa, come la celiachia o la pancreatite cronica. Nella tabella seguente, riassumiamo le principali cause di diarrea (3, 4, 5):

Cause della diarrea acuta

  • Agenti infettivi: virus (rotavirus, adenovirus, calicivirus), batteri (Salmonella, Escherichia coli, Staphylococcus aureus, Clostridium difficile, Shigella), parassiti (Entamoeba histolytica, Cryptosporidium)
  • Farmaci: antibiotici, FANS (antinfiammatori non steroidei), chemioterapici
  • Bolo fecale
  • Allergie alimentari

Cause della diarrea cronica

  • Sindromi da malassorbimento di carboidrati o grassi
  • Malattia infiammatoria intestinale (colite ulcerosa, morbo di Crohn)
  • Abuso di lassativi
  • Sindrome dell’intestino irritabile (colon irritabile)
  • Cancro al colon
  • Celiachia
  • Insufficienza pancreatica esocrina (pancreatite cronica, fibrosi cistica)
  • Infezioni batteriche e parassitarie invasive

Cos’è la “diarrea del viaggiatore”?

In ogni regione ci sono agenti patogeni (batteri, virus, parassiti) in grado di produrre diarrea infettiva. Gli abitanti di quel luogo sviluppano una certa immunità grazie alla ripetuta esposizione a questi agenti. D’altra parte, un viaggiatore che arriva in quella zona non ha immunità contro quei patogeni tipici del luogo e, per questo motivo, sviluppa un processo di diarrea (4).

La contaminazione di acqua e cibo con agenti patogeni nocivi è più comune nei paesi in via di sviluppo. I viaggiatori dei paesi sviluppati sono i più colpiti dalla diarrea del viaggiatore. Fortunatamente, nelle persone sane e immunocompetenti, questa malattia si risolve favorevolmente in circa una settimana. (4).

Carta igienica in primo piano

La diarrea è una delle affezioni intestinali più frequenti e che genera molto fastidio in coloro che la soffrono. (Fonte: Ryzhov: 46388355/ 123rf.com)

Nozione di diarrea funzionale

La diarrea funzionale è un tipo di diarrea cronica in cui la persona non avverte dolore o disagio addominale, non vengono rilevate alterazioni biochimiche o malattie digestive, ma le sue feci sono morbide o liquide. Può verificarsi sia nell’infanzia che nell’età adulta e non corrisponde alla sindrome dell’intestino irritabile (6, 7).

Per diagnosticarla, i sintomi devono essere presenti per almeno 2 mesi, sebbene possa esserci una breve interruzione della diarrea. La defecazione di solito non si verifica durante il sonno. Il trattamento si basa sulla dieta, che deve essere a basso contenuto di zuccheri semplici ed evitando i liquidi freddi perché stimolano la defecazione (6).

Quali sono i migliori integratori alimentari per la diarrea?

Il trattamento di base della diarrea comprende dieta e idratazione. In alcuni casi, è necessario consumare determinati farmaci, come antibiotici (ciprofloxacina, azitromicina) e antidiarroici (loperamide, difenossilato), ma devono essere indicati da un medico. (4). Per quanto riguarda gli integratori alimentari per la diarrea, i più utilizzati sono:

  • Probiotici: sono batteri e lieviti benefici per l’intestino, che ripristinano l’equilibrio del suo microbiota (microrganismi “buoni” e dannosi che abitano nell’intestino). Sono consumati sotto forma di capsule masticabili e compresse. Sono raccomandati in caso di diarrea da rotavirus, antibiotici, colon irritabile e diarrea del viaggiatore (8, 9).
  • Prebiotici: sono composti indigeribili, generalmente appartenenti alla famiglia dei carboidrati, che fungono da substrato o cibo per i batteri del colon benefici. I prebiotici più utilizzati sono l’inulina e i fruttoligosaccaridi (FOS), disponibili in polvere o in capsule (10).
  • Simbiotici: i simbiotici sono una miscela di probiotici e prebiotici, ad esempio Lactobacillus plantarum 299 e fibra di avena, che sono molto positivi perché i loro effetti sono potenziati (10).
  • Sali di reidratazione orale: sono venduti in polvere, per cui devono essere sciolti in acqua prima del consumo. Forniscono elettroliti che vengono persi attraverso il materiale fecale durante la diarrea, favoriscono l’idratazione e forniscono anche una piccola quantità di zuccheri semplici (glucosio o destrosio). Gli elettroliti sono sodio, cloro e potassio (9).
Zuppa

Nella dieta per la diarrea è importante adeguare la selezione di alimenti appartenenti a vari gruppi: latticini, carne, frutta, verdura, cereali, grassi, condimenti, legumi, tra gli altri. (Fonte: Gutaper: 67566990/ 123rf.com)

Consigli alimentari per la diarrea

La dieta per la diarrea varia a seconda della causa, della sua gravità, dell’evoluzione e della tolleranza di ogni persona. Tuttavia, ci sono alcuni criteri di base per nutrire una persona con diarrea. (11).

  • Aumentare l’assunzione di liquidi, bevendo poco a poco, in modo da non generare disagio o stimolare il riflesso della defecazione. Puoi bere acqua, una chiara infusione di tè (non molto concentrata), brodi vegetali fatti in casa (filtrati) e acqua di frutta cotta.
  • Ridurre il consumo di alimenti che provocano gas, come leguminose, pesce, crucifere (cavolo, cavoletti di Bruxelles, broccoli, cavolfiore), melone, uva, noci.
  • Le prime 24-48 ore, evitare frutta e verdura, dopo di che, consuma solo quelle che hanno fibre solubili (mela senza buccia, banana, carota, zucca, barbabietola, albicocca senza buccia), preferibilmente cotte, grattugiate o schiacciate.
  • Se non c’è intolleranza al lattosio, si può bere latte, in caso contrario, puoi evitare il latte o bere la versione senza lattosio. Yogurt, kefir e latte fermentato sono utili perché contengono probiotici. Sono ammessi formaggi freschi e ricotta magra.
  • Consumare paste laminate semplici, come tagliatelle o spaghetti, riso bianco, pane bianco ben cotto o biscotti a basso contenuto di grassi.
  • Preferire la carne bianca a quella rossa, per i quali i metodi di cottura consigliati sono: bolliti, al vapore, alla griglia e al forno.
  • Includere gelatine, formaggi a bassa maturazione e tè, poiché sono astringenti e aiutano a ridurre i movimenti intestinali.
  • Evitare i liquidi freddi, perché producono un effetto lassativo.
  • Mangiare lentamente e masticare molto bene gli alimenti.
  • Escludere i dolciumi, i cibi speziati, cereali integrali, patatine fritte, salumi e insaccati vari.

I migliori alimenti contro la diarrea

Nella dieta per la diarrea è importante adeguare la scelta di alimenti appartenenti ai vari gruppi come: latticini, carne, frutta, verdura, cereali, grassi, condimenti, legumi, tra gli altri. Per spiegare la selezione degli alimenti in modo semplice, abbiamo sviluppato la seguente tabella (11, 12):

Gruppo alimentario Alimenti selezionati
Latticini Latte: preferibilmente scremato. In alcuni casi potrebbe essere necessario scegliere latte senza lattosio.

Yogur: magro. È molto utile per i suoi probiotici.

Formaggi: bassa maturazione in modo che non siano irritanti, ad esempio ricotta o mozzarella, nonché formaggio scremato da spalmare.

Carne Preferibilmente pollame (pollo, tacchino), cotto, tritato o in piccoli pezzi, optando per il più magro petto. In seguito puoi reinserire il pesce e la carne rossa.
Uova Ben cotte e preferibilmente associate al latte o agli amidi.
Frutta Acqua di frutta cotta per iniziare.

Mela, banana, pera, pesca, albicocca. Tutta senza pelle. Di solito sono meglio tollerate se consumate grattugiate o schiacciate.

Verdure Brodi di verdura filtrati, con un poco di sale.

Carota, zucca, polpa di zucchine verdi, barbabietole. All’inizio è meglio consumarle cotte e frullate.

Tuberi Patata, senza buccia e in puré.
Cereali Riso bianco, tagliatelle, spaghetti, pane bianco ben cotto, amido di mais, amido di frumento, cracker a basso contenuto di grassi.
Grassi Olio di girasole o di oliva, utilizati a crudo, non per cucinare.
Zuccheri e dolci Sono ammesse piccole quantità di zucchero, marmellate e gelatine.
Condimenti Sono permessi condimenti aromatici: foglie di alloro, origano e zafferano sono ammessi. Possono essere utilizzati anche succo di limone, sale e aceto di mele.
Legumi Non sono indicati per il loro alto contenuto di fibre e anche le farine di legumi possono essere un peso per l’intestino.

Il digiuno come strategia per il trattamento della diarrea

La diarrea non è una controindicazione per alimentarsi. Infatti il digiuno è indicato solo in caso di nausea o vomito o in caso di diarrea osmotica, che è l’unica a placarsi con la soppressione dell’alimentazione per bocca. Ad esempio, quando la diarrea è dovuta all’intolleranza al lattosio, il digiuno non fa ingerisce il lattosio e, quindi, i movimenti intestinali rallentano. (9).

Oreste Lo IaconoDottore specialista in gastroenterologia

“Un trattamento antibiotico di tre giorni non deve necessariamente essere accompagnato dal consumo di probiotici. Nemmeno in otto”.

Criteri di acquisto per scegliere gli integratori per la diarrea

Esistono criteri di acquisto di base che si applicano a qualsiasi integratore, come la presenza di allergeni o certificazioni di qualità. Tuttavia, ogni prodotto presenta aspetti specifici che devono essere valutati prima di acquistarlo sul mercato. Pertanto, quando acquisti un integratore per la diarrea, devi considerare le seguenti caratteristiche:

Ceppi e quantità di CFU nei probiotici

I probiotici sono utili per ripristinare l’equilibrio tra i “buoni” e i microrganismi dannosi che compongono il microbiota intestinale. Tuttavia, affinché un integratore di probiotici sia efficace, deve fornire tra 100 e 1 miliardo di CFU (unità formanti colonie), ovvero quantificare batteri e lieviti (8, 10).

Per quanto riguarda il ceppo, la scelta dei probiotici dipende dalla causa della diarrea che si desidera trattare o prevenire (13, 14):

  • Per la diarrea da rotavirus: Bifidobacterium lactis, Lactobacillus casei, Lactobacillus reuteri, Lactobacillus rhamnosus.
  • Per la diarrea del viaggiatore: Bifidobacterium lactis, Saccharomyces boulardii, Bifidobacterium bifidum, lactobacillus acidophilus.
  • Per la sindrome dell’intestino irritabile: Bifidobacterium longum, Bifidobacterium breve, Lactobacillus rhamnosus, Lactobacillus plantarum, Lactobacilus casei Shirota.
  • Per la diarrea post-radioterapia addominale: Lactobacillus GG, Lactobacillus casei e Lactobacillus acidophilus.
  • Per la diarrea da antibioti: Lactobacillus acidophilus.
Varietà di mela

Le prime 24-48 ore, evitare frutta e verdura. Successivamente, consuma solo quelle che hanno fibre solubili (mela senza buccia, banana, carota, zucca, barbabietola, albicocca senza buccia). (Fonte: Arinahabich: 45124268/ 123rf.com)

Prebiotici

I prebiotici sono composti non digeribili che possono essere fermentati da batteri benefici nel colon e, poiché fungono da substrato, stimolando la proliferazione di questi microrganismi. Sebbene l’inulina e i fruttoligosaccaridi siano i prebiotici più utilizzati negli integratori, esistono altre varietà (9, 10):

  • Beta-glucani
  • Galatto oligosaccaridi (GOS)
  • Lattulosio
  • Amido resistente

Sali di reidratazione orale (ORS)

I sali di reidratazione orale (ORS) sono un’alternativa economica ed efficace per prevenire la disidratazione nella diarrea. Tuttavia, un adulto che ha la diarrea acuta e tollera bene i liquidi (acqua, brodo, tè) non richiede soluzioni di reidratazione orale. I bambini e gli anziani sono i principali destinatari di questi prodotti. (9).

Quando si acquista una soluzione per reidratazione orale, è importante confrontare la sua formulazione con la composizione standard proposta dall’OMS (Organizzazione mondiale della sanità), che viene presentata per litro di soluzione, cioè una volta che il sale è stato sciolto. Nei sali commerciali, le informazioni nutrizionali sono presentate per porzione e non per litro. La formulazione dell’OMS è (9):

  • Glucosio: 13 a 20 g per litro.
  • Sodio: 2 g (o 2000 mg) per litro.
  • Potassio: 0,78 g (o 780 mg) per litro.
  • Cloro: 2,8 g (o 2800 mg) per litro.
Gelatina di kiwi

Puoi includere gelatine, formaggi a bassa stagionatura e tè, poiché sono astringenti e aiutano a ridurre i movimenti intestinali.(Fonte: Belchonock: 132210148/ 123rf.com)

Allergeni

La fibra dell’avena è un probiotico ampiamente utilizzato e, poiché questo cereale viene solitamente lavorato in luoghi in cui viene gestito anche il grano, può essere contaminato con glutine. Le persone con celiachia o intolleranza al glutine dovrebbero cercare il sigillo che garantisce che il prodotto è adatto al consumo.

D’altra parte, le persone con intolleranza al lattosio, allergia alle proteine ​​del latte vaccino o qualsiasi altra ipersensibilità alimentare, dovrebbero leggere l’elenco degli ingredienti per escludere la presenza dell’allergene. Nella dieta per alcune diarree croniche potrebbe essere necessario escludere glutine o lattosio per un determinato periodo di tempo.

foco

Lo sapevi che in tutto il mondo ci sono circa 50.000 casi di diarrea del viaggiatore al giorno?

Certificazioni di qualità

Le certificazioni di qualità, come Good Manufacturing Practices (GMP), danno sempre un valore aggiunto a un integratore alimentare. Altre certificazioni prestigiose sono ISO 9001 (International Organization for Standardization) e il sistema HACCP (Risk Analysis and Critical Control Points).

Tale certificazione serve a garantire la sicurezza e la qualità dell’integratore dietetico. Nel caso di probiotici, prebiotici e soluzioni di reidratazione orale, è garantito che la dose di ingredienti attivi sia sempre la stessa in tutti i lotti e che il prodotto non sia stato contaminato durante tutte le fasi di produzione.

Conclusioni

La diarrea è una malattia che può essere causata da droghe, microrganismi o stress psicologico, ma può anche essere un sintomo di una patologia di base, ad esempio pancreatite cronica o celiachia. La diarrea acuta dura 14 giorni o meno e il suo trattamento si basa sulla dieta e un idratazione adeguata.

In alcuni casi, gli integratori alimentari possono aiutare a trattare o prevenire la diarrea, in particolare quella causata dal rotavirus e dagli antibiotici o dalla famosa diarrea del viaggiatore. Le soluzioni per la reidratazione orale sono altamente raccomandate per i bambini e gli anziani e sono associate a una minore incidenza di controindicazioni.

Se ti è piaciuta la nostra guida sulla diarrea, lasciaci un commento o condividilo sui tuoi social network.

(Fonte dell’immagine principale: Miranova: 132139654/ 123rf.com)

Riferimenti (14)

1. Sagaró E. Diarrea persistente [Internet]. 2007.
Fonte

2. Acuña R. Diarrea aguda [Internet]. Revista Médica Clínica Las Condes.2015.
Fonte

3. Pineda L, Otero W, Arbeláez V. Diarrea crónica. Diagnóstico y evaluación clínica [Internet]. 2004.
Fonte

4. Pineda L, Otero W, Arbeláez V. Diarrea crónica. Diagnóstico y evaluación clínica [Internet]. 2004.
Fonte

5. Asenjo Mota A, Lledó Navarro J, López Serrano P, Barrena Puertas R. Síndrome diarreico en el adulto. Tratamiento de la diarrea [Internet]. 2008.
Fonte

6. Fragoso Arbelo T. Diarrea funcional como causa de diarrea crónica [Internet]. 2010.
Fonte

7. Fernández Bañares F. ¿Existe la diarrea funcional? ¿Qué pruebas hay que realizar para llegar a otros diagnósticos? [Internet]. 2009.
Fonte

8. Guandalini S. Probiotics for Prevention and Treatment of Diarrhea [Internet]. 2011.
Fonte

9. Baldomero López V, Llames L. Diarrea aguda y crónica. Estreñimiento. Síndrome de intestino irritable. Enfermedad diverticular. En: Rodota E, Castro M. Nutrición clínica y Dietoterapia. Editorial Panamericana. 2012.
Fonte

10. Olveira G, González Molero I. An update on probiotics, prebiotics and symbiotics in clinical nutrition [Internet]. 2016.
Fonte

11. Longo E, Navarro E. La técnica dietoterápica en las enfermedades intestinales. En: Técnica dietoterápica. Editorial El Ateneo. 2004.
Fonte

12. Schiller L. Nutrition management of chronic diarrhea and malabsorption [Internet]. 2006.
Fonte

13. Aguilera Carrera J. Probióticos [Internet]. 2011.
Fonte

14. Sanz Y, Collado M, Dalmau J. Probióticos: criterios de Probióticos: criterios de calidad y orientaciones calidad y orientaciones para el consumo [Internet]. 2003.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Romina Nutrizionista
Ho una laurea in Nutrizione e sono una Coach in Salute e Benessere. Poco dopo la laurea ho iniziato a scrivere articoli su cibo e nutrizione perché ho notato che le persone leggevano molto su questi argomenti, ma, nella maggior parte dei casi, le informazioni ottenute erano errate o false. Il mio obiettivo è quello di scrivere articoli che siano veri, utili e interessanti per il lettore.
Articolo informativo
Sagaró E. Diarrea persistente [Internet]. 2007.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Acuña R. Diarrea aguda [Internet]. Revista Médica Clínica Las Condes.2015.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Pineda L, Otero W, Arbeláez V. Diarrea crónica. Diagnóstico y evaluación clínica [Internet]. 2004.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Pineda L, Otero W, Arbeláez V. Diarrea crónica. Diagnóstico y evaluación clínica [Internet]. 2004.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Asenjo Mota A, Lledó Navarro J, López Serrano P, Barrena Puertas R. Síndrome diarreico en el adulto. Tratamiento de la diarrea [Internet]. 2008.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Fragoso Arbelo T. Diarrea funcional como causa de diarrea crónica [Internet]. 2010.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Fernández Bañares F. ¿Existe la diarrea funcional? ¿Qué pruebas hay que realizar para llegar a otros diagnósticos? [Internet]. 2009.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Guandalini S. Probiotics for Prevention and Treatment of Diarrhea [Internet]. 2011.
Vai alla fonte
Articolo informativo
Baldomero López V, Llames L. Diarrea aguda y crónica. Estreñimiento. Síndrome de intestino irritable. Enfermedad diverticular. En: Rodota E, Castro M. Nutrición clínica y Dietoterapia. Editorial Panamericana. 2012.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Olveira G, González Molero I. An update on probiotics, prebiotics and symbiotics in clinical nutrition [Internet]. 2016.
Vai alla fonte
Articolo sulla nutrizione
Longo E, Navarro E. La técnica dietoterápica en las enfermedades intestinales. En: Técnica dietoterápica. Editorial El Ateneo. 2004.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Schiller L. Nutrition management of chronic diarrhea and malabsorption [Internet]. 2006.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Aguilera Carrera J. Probióticos [Internet]. 2011.
Vai alla fonte
Articolo accademico
Sanz Y, Collado M, Dalmau J. Probióticos: criterios de Probióticos: criterios de calidad y orientaciones calidad y orientaciones para el consumo [Internet]. 2003.
Vai alla fonte