Ultimo aggiornamento: 29/07/2021

Il nostro metodo

17Prodotti analizzati

23Ore impiegate

14Studi valutati

124Commenti raccolti

Cos’è una dieta antinfiammatoria, può aiutare a prevenire le malattie e quali alimenti sono considerati “antinfiammatori” naturali? Come tenere a bada l’infiammazione cronica è un argomento di interesse non solo per la popolazione generale ma anche per gli scienziati e i professionisti della salute.

Dopo decenni di studi, si è scoperto che l’infiammazione cronica è presente in molte delle malattie più diffuse al giorno d’oggi, ad esempio l’aterosclerosi, il diabete di tipo II, l’obesità, le malattie cardiache, l’artrite reumatoide e molte altre. Se sei interessato a saperne di più sulla dieta antinfiammatoria, continua a leggere il nostro articolo.

Più importante

  • La dieta antinfiammatoria propone di aumentare il consumo di alimenti con proprietà antinfiammatorie (frutta, verdura, pesce grasso, olio d’oliva) e di ridurre l’assunzione di alimenti pro-infiammatori (zuccheri, farine raffinate, alimenti ultra-processati) per combattere l’infiammazione cronica.
  • Molti “superalimenti” e integratori possono essere un eccellente complemento alla dieta antinfiammatoria, specialmente in caso di diabete, aterosclerosi, malattie cardiache, tra gli altri. Curcuma, zenzero, omega 3 e antociani sono alleati contro l’infiammazione.
  • I seguenti consigli sono semplici ed efficaci per avere successo nella dieta antinfiammatoria e per poterla sostenere a lungo termine: fare una consultazione medica e nutrizionale, avere pazienza nel cambiare le abitudini, fare amicizia con la cucina, pianificare i pasti e consumare quotidianamente antinfiammatori naturali.

Dieta antinfiammatoria: la nostra selezione

Tutto quello chedevi sapere sulla dieta antinfiammatoria

La dieta antinfiammatoria è diventata molto popolare negli ultimi anni. A differenza di certe mode alimentari che possono essere pericolose, questa dieta può effettivamente migliorare la salute, promuovere un invecchiamento sano e prevenire le malattie croniche. In questa sezione, spieghiamo cos’è la dieta dell’infiammazione cronica.

Molti “superalimenti” e integratori possono essere un ottimo complemento alla dieta antinfiammatoria, specialmente nei casi di diabete, aterosclerosi, malattie cardiache, tra gli altri. (Fonte: Yastremska: 112144651/ 123rf.com)

Cos’è esattamente una dieta antinfiammatoria?

Una dieta antinfiammatoria è una dieta dominata da cibi ricchi di composti che possono mitigare l’infiammazione, evitando i prodotti alimentari pro-infiammatori. Mira a combattere l’infiammazione cronica per mantenere la salute e prevenire le malattie cardiovascolari, il cancro e altre condizioni (1, 2, 3).

Cosa si intende per infiammazione cronica?

L’infiammazione è una risposta fisiologica del sistema immunitario ai danni al corpo, per esempio da uno shock o da un microrganismo patogeno. Tuttavia, il problema è quando l’infiammazione è eccessiva e cronica, poiché aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiache, diabete e altre patologie (1). L

‘infiammazione acuta è causata da un colpo, una ferita o un’infezione.

Puoi notarla tramite gonfiore, calore e anche dolore nella regione interessata. La dieta antinfiammatoria è rivolta ad un altro tipo di infiammazione, quella cronica e di basso grado che, anche se non puoi percepirla, è capace di danneggiare la tua salute (1). Una dieta ricca di alimenti pro-infiammatori, un eccesso di peso corporeo, uno stile di vita sedentario, l’abuso di alcol, lo stress e il fumo, tra gli altri fattori, favoriscono l’infiammazione cronica di basso grado (1).

Esempi di situazioni in cui predomina l’infiammazione acuta Esempi di situazioni in cui predomina l’infiammazione cronica
Colpi. Ustioni. Ferite. Lesioni articolari e muscolari (sportive o altro). Obesità. Resistenza all’insulina e diabete di tipo II. Malattie infiammatorie intestinali (IBD): colite ulcerosa e malattia di Crohn. Allergie. Osteoartrite. Malattie autoimmuni (sclerosi multipla, lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide). Malattie cardiache e aterosclerosi. Cancro (principalmente colon e seno). Alzheimer e Parkinson. Gengivite (infiammazione delle gengive).

Chi può beneficiare di una dieta antinfiammatoria?

Chiunque voglia prendersi cura della propria salute, invecchiare in modo sano e prevenire malattie croniche può beneficiare di una dieta antinfiammatoria. Tuttavia, quelli con una storia (propria o di famiglia) di malattie cardiache, lupus, artrite reumatoide, IBD, gengivite, diabete e aterosclerosi ne beneficeranno maggiormente (2, 3, 4).

Doctor Frank HuProfessore di Nutrizione ed Epidemiologia nel Dipartimento di Nutrizione alla Harvard School of Public Health
“Molti studi sperimentali hanno dimostrato che alcuni componenti di cibi e bevande possono avere un effetto antinfiammatorio”.

Quali alimenti fanno parte di una dieta antinfiammatoria?

Gli acidi grassi Omega 3, alcuni pigmenti che si trovano in frutta e verdura, la vitamina D e alcuni polifenoli che si trovano nella curcuma e nello zenzero sono composti che hanno la capacità di combattere l’infiammazione cronica. Pertanto, i seguenti alimenti non dovrebbero mancare in una dieta antinfiammatoria:

Frutta e verdura

Il licopene dei pomodori e le antocianine del mais viola e dei frutti rosso-viola (mirtilli, more, açai, fragole) sono pigmenti con una potente azione antinfiammatoria. Le verdure a foglia verde (spinaci, bietole, cavoli, broccoli) sono anche essenziali nella dieta per ridurre l’infiammazione (5, 6).

La vitamina C che si trova negli agrumi (arancia, limone, pompelmo, mandarino), fragole, kiwi, prezzemolo, pomodori, peperoni e altri frutti e verdure non è solo un antiossidante, ma riduce anche l’infiammazione (7).

Pesce grasso

Salmone, sardine, aringhe e altri pesci grassi sono fonti di Omega 3 e vitamina D, nutrienti essenziali per tenere a bada l’infiammazione. Gli acidi grassi omega-3 nel pesce sono EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico) (8).

La mancanza di vitamina D è collegata a condizioni a base infiammatoria come la sclerosi multipla, il lupus e la malattia infiammatoria intestinale (colite ulcerosa e malattia di Crohn) (9).

Noci, chia e noci e semi in generale

Le noci e altre noci sono fonti naturali di acidi grassi polinsaturi omega-3 di tipo alfa-linolenico, così come la chia. Questo omega-3 è diverso dal pesce e dai crostacei, ma è anche un potente antinfiammatorio (1).

Commento dell’esperto: “La noce è un alimento che può mitigare l’infiammazione cronica, che può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, una condizione a cui siamo più suscettibili con l’età”. Dottor Emilio Ros.

Legumi (lenticchie, ceci, piselli, fagioli)

I legumi hanno un impatto positivo sui batteri benefici nell’intestino e aiutano ad equilibrare il microbiota intestinale. Sono quindi uno dei punti fermi della dieta antinfiammatoria.

Olio d’oliva e avocado

Questi due alimenti forniscono grassi monoinsaturi salutari per il cuore e contengono anche polifenoli che riducono l’infiammazione. L’olio d’oliva dovrebbe essere extravergine, spremuto a freddo, perché conserva i polifenoli antinfiammatori nelle olive (1).

Tè verde

La famosa catechina EGCG (epigallocatechina gallato) nel tè verde è stata trovata non solo per essere un antiossidante, ma anche per aiutare a combattere l’infiammazione cronica. L’infuso di tè verde con curcuma è molto apprezzato nella dieta antinfiammatoria (10).

Probiotici

Gli alimenti probiotici come lo yogurt, il kefir, il kombucha e il kimchi contengono batteri amici dell’intestino e promuovono una flora intestinale equilibrata. In questo modo, aiutano a modulare la risposta immunitaria e l’infiammazione (2).

Spezie

La curcumina della curcuma e i gingeroli dello zenzero sono i polifenoli antinfiammatori principali del gruppo delle spezie. Anche il pepe di Cayenna riduce l’infiammazione grazie al suo contenuto di capsaicina (11, 12).

La dieta antinfiammatoria suggerisce di aumentare il consumo di alimenti con proprietà antinfiammatorie come frutta, verdura, pesce grasso e olio d’oliva. (Fonte: Monticello: 33942970/ 123rf.com)

Bisogna eliminare glutine, latticini e carne dalla dieta per combattere l’infiammazione?

Non necessariamente. Infatti, non c’è ancora consenso sull’effetto del glutine e dei latticini sulla salute del microbiota intestinale (batteri e altri microrganismi che abitano l’intestino). Dato che alcuni autori collegano il glutine e i latticini all’infiammazione, può essere consigliabile moderare il loro consumo (13).

Il riso e il miglio sono eccellenti sostituti dei cereali contenenti glutine (grano, orzo, segale e avena). Ricorda che l’avena è contaminata dal glutine durante la lavorazione, ma naturalmente non contiene questo allergene ed è possibile trovare in commercio avena senza glutine.

Per quanto riguarda la carne, le carni lavorate (hamburger, salumi, salsicce) dovrebbero essere evitate nella dieta antinfiammatoria. Si consiglia di ridurre il consumo di carne rossa (manzo, agnello e maiale) a una o due volte a settimana e di moderare l’assunzione di pollo, tacchino e altre carni bianche a due o tre volte a settimana.

Sapevi che la dieta mediterranea è considerata una dieta antinfiammatoria?

Quali alimenti dovrebbero essere evitati nella dieta per l’infiammazione cronica?

Come abbiamo già spiegato, è ancora troppo presto per dire che glutine e latticini promuovono l’infiammazione cronica. Tuttavia, ci sono alimenti che sono pro-infiammatori e, per questo motivo, dovrebbero essere eliminati dalla dieta anti-infiammatoria (14)

  • Carni lavorate (salumi, salsicce, hamburger).
  • Cibo spazzatura: pizza, hamburger, patatine, hot dog.
  • Zuccheri raffinati: zucchero bianco, marmellate, confetture, dolci, caramelle, bibite e succhi commerciali zuccherati.
  • Grassi trans e saturi: margarina, panna, burro, cibi fritti.
  • Farine raffinate: pane bianco, prodotti da forno e pasticceria.
  • Bevande alcoliche.
Alimenti consentiti nella dieta antinfiammatoria Alimenti proibiti nella dieta antinfiammatoria Alimenti raccomandati per essere moderati nella dieta antinfiammatoria
Frutta, verdura e verdura. Pesce.
Olio extra vergine di oliva.
Avocado.
Noci e altra frutta secca (mandorle, pistacchi, anacardi, nocciole).
Chia e altri semi (sesamo, lino, zucca, girasole).
Probiotici (yogurt, kefir, kombucha).
Cocco e olio vergine di cocco.
Spezie (curcuma, pepe di cayenna, zenzero).
Tè verde. Cioccolato fondente.
Legumi. Miele. Uova.
Zuccheri raffinati, dolci, bibite zuccherate, marmellate.
Cibo spazzatura.
Prodotti da forno.
Bevande alcoliche.
Cibi fritti. Margarina, burro.
Carne rossa.
Pollame.
Latticini.
Pane, farina e biscotti con glutine, anche se sono integrali.

Com’è un tipico menu giornaliero della dieta antinfiammatoria?

Come avrai notato, la dieta antinfiammatoria non è molto diversa dalla tradizionale alimentazione sana. Una delle sue caratteristiche principali è che si concentra sull’inclusione di molti alimenti con proprietà antinfiammatorie (bacche, noci, curcuma, pesce grasso). Ecco un esempio di un menu anti-infiammatorio

  • Colazione: Frullato di banana congelato e lavorato con un cucchiaino di polvere di açai e latte di mandorla. Fiocchi di riso non zuccherati.
  • Pranzo: Salmone alla griglia con pomodori arrostiti e insalata verde (condita con olio d’oliva). Dessert: Arancia.
  • Spuntino: infuso di tè verde con curcuma. Biscotti d’avena, cocco e miele.
  • Cena: Hummus con bastoncini di carota, cetriolo e sedano (crudités). Dessert: Kefir e frullato di fragole.

Chiunque voglia prendersi cura della propria salute, invecchiare in modo sano e prevenire le malattie croniche può beneficiare della dieta antinfiammatoria. (Fonte: Shironosov: 49883043/ 123rf.com)

Consigli per il successo nella dieta anti-infiammatoria

Trasformare la tua dieta non è mai un compito facile. Mentre la dieta antinfiammatoria non comporta necessariamente il consumo di cibi esotici o costosi, comporta un cambiamento nelle nostre abitudini alimentari. Ecco alcuni consigli che possono aiutarti ad avere successo con la dieta antinfiammatoria:

Ottieni un consulto medico e nutrizionale

Se ti è stata diagnosticata una malattia infiammatoria intestinale, altre malattie autoimmuni (sclerosi multipla, lupus, artrite reumatoide), aterosclerosi, diabete di tipo II o una delle condizioni di cui sopra, è importante consultare il tuo medico prima di iniziare la dieta antinfiammatoria.

Se lo specialista ritiene che la dieta non interferirà con il trattamento a cui ti stai sottoponendo, consulta un nutrizionista per sviluppare un piano alimentare antinfiammatorio adatto a te. In questo modo, eviterai carenze nutrizionali e potrai contare su un monitoraggio professionale.

Curcuma, zenzero, omega-3 e antociani sono alleati contro l’infiammazione. (Fonte: Limsakul: 56423544/ 123rf.com)

Sii paziente

Nessun cambiamento avviene durante la notte e ancor meno quando si tratta di cambiare le abitudini alimentari. Ti consigliamo di iniziare limitando i cibi pro-infiammatori e aumentando l’assunzione di frutta, verdura e noci. Inoltre, puoi sostituire i grassi saturi con l’olio extravergine d’oliva.

Fai amicizia con la cucina

La dieta antinfiammatoria si basa su preparati freschi e naturali, fatti in casa, senza additivi o conservanti. I cibi processati e il cibo spazzatura non hanno posto in questa dieta. D’altra parte, la maggior parte del cibo comprato fuori casa di solito contiene grassi di scarsa qualità (grassi saturi e trans), zuccheri e farine raffinate.

Il menu della dieta antinfiammatoria non deve essere complesso. Puoi preparare verdure grigliate, salate o al vapore, pesce alla griglia, purè di ceci e avocado, o semplicemente bollire riso integrale o quinoa. La frutta fresca può essere mangiata intera o come parte di deliziosi e rinfrescanti frullati.

Sapevi che anche il cioccolato fondente (70% di cacao) e il cacao amaro contengono composti antinfiammatori?

Pianifica i tuoi pasti

Pianificare quali pasti includere nella dieta antinfiammatoria è una grande strategia per evitare trasgressioni alimentari, cioè “rompere la dieta”. È consigliabile fare attentamente una lista della spesa che includa tutti gli alimenti che hai bisogno di cucinare per i prossimi giorni.

Inoltre, l’attuale tendenza di“cucinare in blocco” (cucinare un giorno per il resto della settimana) è molto utile per risparmiare tempo. D’altra parte, congelare le preparazioni è essenziale per avere opzioni nutrienti e antinfiammatorie quando il tempo è poco.

Una dieta ricca di alimenti pro-infiammatori, l’eccesso di peso corporeo, lo stile di vita sedentario, l’abuso di alcol, lo stress e il fumo, tra gli altri fattori, promuovono l’infiammazione cronica di basso grado. (Fonte: Białasiewicz: 35951260/ 123rf.com)

Consuma antinfiammatori naturali

Curcuma, zenzero, tè verde, mirtilli, pesce grasso, chia e noci non dovrebbero mancare in una dieta antinfiammatoria. Se non è possibile consumare questi alimenti nel loro stato naturale, puoi optare per integratori di Omega 3, curcuma (curcumina) o antociani, tra gli altri. Nel caso degli Omega 3, suggeriamo integratori che contengono EPA e DHA e sono anche arricchiti con vitamina D.

Esistono prodotti a base di alghe di questo tipo per chi segue una dieta vegana e non mangia pesce. Per quanto riguarda le antocianine, vale la pena comprare l’açai in polvere perché non viene consumato fresco, tranne che in Brasile e in altri paesi produttori.

Sommario

La dieta antinfiammatoria mira a ridurre l’infiammazione cronica per proteggere la salute, ritardare l’invecchiamento e prevenire molte malattie croniche (diabete, aterosclerosi, artrite, lupus). Si basa sul consumo di frutta, verdura, noci, semi, olio d’oliva, pesce grasso, probiotici e legumi. Curcuma, zenzero, antociani e integratori Omega 3 sono i più sicuri ed efficaci per completare la dieta antinfiammatoria.

Non c’è ancora accordo sull’effetto dei latticini e del glutine sull’infiammazione, ma se decidi di eliminarli, dovresti consultare un nutrizionista per imparare a sostituirli con altri alimenti. Se ti è piaciuta la nostra guida alla dieta antinfiammatoria, condividila sui tuoi social network o lasciaci un commento.

(Featured image source: Romastudio: 52849031/ 123rf.com)

Riferimenti (14)

1. Amigó-Correig P et al. Importancia de la dieta en la inflamación. 2008.
Fonte

2. Olendzki B et al. An anti-inflammatory diet as treatment for inflammatory bowel disease: a case series report. 2014.
Fonte

3. Ricker M, Haas W. Anti‐Inflammatory Diet in Clinical Practice: A Review. 2017.
Fonte

4. Woelber J et al. The influence of an anti‐inflammatory diet on gingivitis. A randomized controlled trial. 2019.
Fonte

5. Cassidy a et al. Higher dietary anthocyanin and flavonol intakes are associated with anti-inflammatory effects in a population of US adults. 2015.
Fonte

6. Fenni S et al. Lycopene and tomato powder supplementation similarly inhibit high‐fat diet induced obesity, inflammatory response, and associated metabolic disorders. 2017.
Fonte

7. Ellulu M et al. Effect of vitamin C on inflammation and metabolic markers in hypertensive and/or diabetic obese adults: a randomized controlled trial. 2015.
Fonte

8. Valenzuela R, Tapia G, González M, Valenzuela A. Ácidos grasos Omega 3 (EPA y DHA) y su aplicación en diversas situaciones clínicas. 2011.
Fonte

9. Alcántara Montero A. Vitamina D y dolor crónico. 2016.
Fonte

10. Hernández Figueroa T, Rodríguez-Rodríguez E, Sánchez Muniz F. El té verde ¿una buena elección para la prevención de enfermedades cardiovasculares? 2004.
Fonte

11. Lakhan S, Ford C, Tepper D. Zingiberaceae extracts for pain: a systematic review and meta-analysis. 2015
Fonte

12. Gang D, Ma X. Ginger and Turmeric Ancient Spices and Modern Medicines. 2008.
Fonte

13. Ulven S, Holven K, Gil A, Rangel Huerta O. Milk and Dairy Product Consumption and Inflammatory Biomarkers: An Updated Systematic Review of Randomized Clinical Trials. 2019.
Fonte

14. Giugliano D, Ceriello A, Esposito K. The Effects of Diet on Inflammation: Emphasis on the Metabolic Syndrome. 2006.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo scientifico
Amigó-Correig P et al. Importancia de la dieta en la inflamación. 2008.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Olendzki B et al. An anti-inflammatory diet as treatment for inflammatory bowel disease: a case series report. 2014.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Ricker M, Haas W. Anti‐Inflammatory Diet in Clinical Practice: A Review. 2017.
Vai alla fonte
Studio clinico
Woelber J et al. The influence of an anti‐inflammatory diet on gingivitis. A randomized controlled trial. 2019.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Cassidy a et al. Higher dietary anthocyanin and flavonol intakes are associated with anti-inflammatory effects in a population of US adults. 2015.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Fenni S et al. Lycopene and tomato powder supplementation similarly inhibit high‐fat diet induced obesity, inflammatory response, and associated metabolic disorders. 2017.
Vai alla fonte
Studio clinico
Ellulu M et al. Effect of vitamin C on inflammation and metabolic markers in hypertensive and/or diabetic obese adults: a randomized controlled trial. 2015.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Valenzuela R, Tapia G, González M, Valenzuela A. Ácidos grasos Omega 3 (EPA y DHA) y su aplicación en diversas situaciones clínicas. 2011.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Alcántara Montero A. Vitamina D y dolor crónico. 2016.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Hernández Figueroa T, Rodríguez-Rodríguez E, Sánchez Muniz F. El té verde ¿una buena elección para la prevención de enfermedades cardiovasculares? 2004.
Vai alla fonte
Revisione sistematica e meta-analisi
Lakhan S, Ford C, Tepper D. Zingiberaceae extracts for pain: a systematic review and meta-analysis. 2015
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Gang D, Ma X. Ginger and Turmeric Ancient Spices and Modern Medicines. 2008.
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Ulven S, Holven K, Gil A, Rangel Huerta O. Milk and Dairy Product Consumption and Inflammatory Biomarkers: An Updated Systematic Review of Randomized Clinical Trials. 2019.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Giugliano D, Ceriello A, Esposito K. The Effects of Diet on Inflammation: Emphasis on the Metabolic Syndrome. 2006.
Vai alla fonte
Recensioni