Vari tipi di zucchero
Ultimo aggiornamento: 16/09/2020

Il nostro metodo

30Prodotti analizzati

45Ore impiegate

12Studi valutati

50Commenti raccolti

Un dolcificante è un prodotto che cerca di imitare il sapore dolce e il potere dolcificante del saccarosio, noto come zucchero comune. A differenza di quest’ultimo, un dolcificante non apporta energia, né promuove la carie, né aumenta i livelli di zucchero nel sangue. Le alternative più sane sono l’eritritolo, lo zucchero di betulla (xilitolo) e la stevia.

Sebbene i dolcificanti siano ampiamente utilizzati per facilitare la perdita di peso, questi sostituti dello zucchero aiutano a prevenire le malattie legate al consumo di zucchero, come l’ipertrigliceridemia, il diabete di tipo II e il fegato grasso non alcolico. Vuoi sapere qual è il miglior dolcificante per te? Continua a leggere il nostro articolo!

Le cose più importanti in breve

  • Un sostituto dello zucchero viene creato per sostituire il sapore e la capacità dolcificante del saccarosio (zucchero da tavola). Alcuni imitano anche la trama granulosa e possono persino caramellare se riscaldati ad alte temperature.
  • Le alternative più sane allo zucchero sono lo xilitolo (zucchero di betulla), l’eritritolo e la stevia. Contribuiscono alla perdita di peso, non aumentano la glicemia e non predispongono a soffrire di tutte le malattie legate al consumo eccessivo di zucchero, come carie dentale, alti trigliceridi, diabete di tipo II e malattie cardiovascolari.
  • Per scegliere il miglior dolcificante devono essere valutati i seguenti criteri di acquisto: presentazione, sapore, attitudine alla cottura, potere dolcificante e tolleranza digestiva. Ne parleremo meglio nella sezione dei criteri di acquisto.

I migliori dolcificanti sul mercato: la nostra selezione

Esistono dolcificanti naturali e artificiali, liquidi e granulati, calorici e non calorici. In questa guida ci concentreremo su quei sostituti dello zucchero che hanno pochissime (o zero) calorie. Abbiamo analizzato i prodotti sul mercato che soddisfano questa caratteristica e quindi presentiamo i nostri dolcificanti preferiti:

Il miglior dolcificante di eritritolo

Eritritolo granulato presentato in un sacchetto da 1 kg. Fornisce zero calorie, non aumenta la glicemia e non danneggia i denti. Ha una migliore tolleranza digestiva rispetto allo xilitolo e il suo sapore è più piacevole di quello della stevia. Recensioni ottime grazie al rapporto qualità-prezzo offerto. Qualcuno lo giudica anche il migliore in commercio.

Il miglior dolcificante di xilitolo

Zucchero di betulla granulato, in sacchetto da 1 kg. Il suo sapore e la consistenza sono gli stessi dello zucchero normale. Si dissolve facilmente in bevande calde e fredde e caramella ad alte temperature. Un cucchiaino da 5 g fornisce 12 calorie. Non superare i 15 g al giorno a causa del suo effetto lassativo. Può contenere tracce di glutine, frutta a guscio e sesamo. Anche in questo caso le recensioni sono ottime, grazie al buon sapore e alla sua somiglia con lo zucchero tradizionale.

Il miglior dolcificante di stevia

Solitamente gli integratori di stevia non ottengono molto recensioni positive, a causa del retrogusto leggermente amaro che lascia questo tipo di dolcificante. Bounce Generation propone un pratico dolcificante di stevia in gocce contenente anche vitamina C e acqua, in una boccetta da 50 ml (la quantità per dolcificare è una/due gocce). Le recensioni esaltano il buon sapore e la qualità, anche se qualcuno vorrebbe un prodotto più puro.

Il miglior dolcificante di stevia ed eritritolo

Questa miscela di stevia ed eritritolo, presentata in un sacchetto a chiusura automatica da 1 kg permette di avere la stessa potenza addolcente dello zucchero con zero calorie, quindi senza danneggiare i denti e ha un sapore molto più piacevole della sola stevia. Si consiglia di utilizzare questa miscela nella stessa quantità dello zucchero normale. Questo prodotto è adatto a vegetariani, vegani e celiaci. Le recensioni apprezzano che non si senta il retrogusto della stevia, anche se non è consigliato per i prodotti da forno.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sui dolcificanti

Data la grande varietà di dolcificanti presenti sul mercato, non è una cattiva idea quella di approfondire i loro profili nutrizionali, i benefici per la salute e gli usi in cucina. Tutte le informazioni che svilupperemo in questa sezione saranno utili per differenziare i tipi di dolcificanti e sfruttare al meglio questi prodotti.

Uomo che beve un caffè

I dolcificanti possono essere classificati in base alla loro origine (naturale o artificiale), al loro apporto energetico (nutriente o non nutriente) o al loro potere dolcificante. (Fonte: Gstockstudio: 43008744/ 123rf.com)

Cos’è esattamente un dolcificante?

Un dolcificante è un prodotto in grado di fornire sapore dolce a cibi e bevande, il cui apporto energetico (calorie) è basso o nullo. Può essere naturale o artificiale. Inoltre, a differenza dello zucchero normale, un dolcificante non danneggia i denti né fa aumentare i livelli di glucosio nel sangue(1, 2).

Tutti i dolcificanti sono senza calorie?

Tutti i dolcificanti sono caratterizzati dal fornire meno calorie rispetto al saccarosio (zucchero comune). Tuttavia, alcuni di essi forniscono poche calorie, ad esempio lo xilitolo – o zucchero di betulla – che ha lo stesso potere dolcificante dello zucchero, ma fornisce metà delle calorie, non favorisce la carie e non aumenta la glicemia(2).

Altri, come la stevia o l’acesulfame K, sono considerati privi di calorie perché il loro potere dolcificante è molto maggiore di quello dello zucchero comune e, quindi, vengono utilizzati in quantità molto ridotte. Per ottenere calorie da questi tipi di sostituti dovremmo consumarne chilogrammi, il che è impossibile(2, 3).

Mario SanchezTecnologo alimentare

“Nella maggior parte dei casi, i dolcificanti hanno un potere maggiore rispetto allo zucchero, quindi è necessario aggiungere una quantità molto più piccola per ottenere la stessa dolcezza”.

Quanti tipi di dolcificante esistono?

I dolcificanti possono essere classificati in base alla loro origine (naturale o artificiale), al loro apporto energetico (nutriente o non nutriente) o al loro potere dolcificante. Tuttavia, in questa occasione abbiamo deciso di distinguerli in base alla loro capacità di sostituire lo zucchero, sia in termini di dolcezza che consistenza:

  • Idrati di carbonio o glucidi – sostituiscono lo zucchero comune per consistenza e volume. I polialcoli, come lo xilitolo (zucchero di betulla) e l’eritritolo, il polidestrosio e l’inulina, fanno parte di questo gruppo. Questi ultimi due sono ampiamente utilizzati nell’industria alimentare per sostituire la consistenza dello zucchero, ma non sono molto dolci(2). Lo xilitolo e l’eritritolo hanno quasi lo stesso potere dolcificante dello zucchero e la loro consistenza granulare è identica. Lo xilitolo è in grado di caramellare se sottoposto a temperature elevate. Gli agenti sono generalmente di origine naturale e utilizzati nella stessa proporzione dello zucchero normale(2).
  • Edulcoranti intensi – questi sostituti possono fornire la dolcezza dello zucchero normale, ma non la sua consistenza o volume. Vengono utilizzati in quantità molto ridotte, poiché il loro potere dolcificante è da 30 a 8000 volte maggiore di quello dello zucchero comune. Stevia, acesulfame K, aspartame e saccarina sono esempi di questo gruppo. (2, 3)
Idrati di carbonio Edulcoranti intensi
Esempi Xilitolo (zucchero di betulla), eritritolo, inulina. Stevia, acesulfame K, aspartame, sucralosio, saccarina, neotamo.
Apportano calorie? L’eritritolo no, ma lo xilitolo sì 2,4 calorías por gramo. No.
Se usano con le stesse quantità dello zucchero comune? Sì, vengono usati approssimativamente nella stessa proporzione dello zucchero normale. No, si in quantità molto piccole.
Possiedono lo stesso potere addolcente dello zucchero comune? Sì, la loro capacità dolcificante è pari o addirittura inferiore allo zucchero normale. Hanno un potere dolcificante di gran lunga superiore a quello dello zucchero comune.

Quali benefici apporta un dolcificante?

Sebbene sia comune associare l’uso di un dolcificante a una dieta per perdere peso, i benefici per la salute di questo tipo di prodotto superano il suo stato di “calorie ridotte” o “zero calorie”, come spiegato di seguito:

  1. Non aumentano i livelli di glucosio nel sangue (glicemia). Ciò è particolarmente utile per i diabetici che non riescono a regolare adeguatamente la glicemia quando mangiano cibi solidi e bevande zuccherati. (4).
  2. Non favoriscono lo sviluppo della carie dentale, poiché, a differenza dello zucchero comune, i dolcificanti non possono essere fermentati dai batteri e portare alla formazione di acidi che danneggiano lo smalto dei denti favorendo l’accumulo di placca batterica. Inoltre, l’eritritolo e lo xilitolo prevengono la carie e proteggono lo smalto dei denti(5, 6).
  3. Servono per ridurre l’assunzione di zuccheri semplici che forniscono solo “calorie vuote” (non forniscono quindi alcun nutriente essenziale, solo energia e aumentano il rischio di obesità). Quando bevande e alimenti vengono addolciti con dolcificanti, queste calorie vuote vengono evitate e questo aiuta a perdere peso e/o mantenere un peso sano (7).
  4. Riducono il rischio di sviluppare ipertrigliceridemia (trigliceridi nel sangue elevati) e fegato grasso non alcolico, due disordini metabolici legati all’eccessiva assunzione di zucchero(8).
  5. Possono fornire la dolcezza e la consistenza dello zucchero comune senza causare effetti negativi sulla salute. Questo è molto importante per i diabetici e per coloro che seguono una dieta per perdere peso, poiché possono gustare cibi dolci senza influire negativamente sulla glicemia o sul peso corporeo(9).

Quali sono i migliori dolcificanti?

La scelta del miglior dolcificante dipende dalle preferenze del consumatore e dall’uso che ne viene fatto. Ad esempio, in termini di gusto, quelli che forniscono una dolcezza simile allo zucchero sono l’eritritolo e lo xilitolo. All’interno degli edulcoranti intensivi, la stevia è generalmente molto accettata, sebbene possa lasciare un sapore leggermente amaro.

Non tutti i dolcificanti possono sostituire lo zucchero comune in dolci e pasticcini. In questi casi, è meglio optare per xilitolo o eritritolo. Puoi anche mescolare un idrato di carbonio (eritritolo) che ha la consistenza e il volume dello zucchero, con un edulcorante intensivo (stevia o aspartame) che dona dolcezza.

Cucchiaino a tazza di zucchero

Un dolcificante è un prodotto in grado di fornire sapore dolce a cibi e bevande, il cui apporto energetico (calorie) è basso o nullo. (Fonte: Morisfoto: 88862099/ 123rf.com)

Che differenze esistono tra eritritolo, zucchero di betulla (xilitolo) e stevia?

Sebbene questi tre sostituti dello zucchero abbiano un’origine naturale, ci sono grandi differenze in termini di dolcezza, tolleranza digestiva, presentazione e usi. Nella tabella seguente, mostriamo le caratteristiche distintive di eritritolo, zucchero di betulla e stevia (10):

Eritritolo Zucchero di betulla (Xilitolo) Stevia
Origine Presente in frutta e alimenti fermentati. Si ottiene anche dalla fermentazione di glucosio del lievito Moniliella pollinis. Corteccia di betulla finlandese. Lo xilitolo si ottiene anche dalla fermentazione del mais. Foglie di Stevia rebaudiana.
Potere addolcente rispetto al saccarosio (zucchero comune) 0,75. 1 (Addolcisce esattamente come lo zucchero comune). 300.
Apporto calorico 0,2 calorie per grammo. 2,4 calorie per grammo. 0 calorie per grammo.
Forma di presentazione Granulato. Granulato. Granulato e liquito.
Sapore Simile allo zucchero. Identico allo zucchero. Simile allo zucchero, ma può avere un sapore leggermente amaro.
 Tolleranza digestiva Eccellente. Può produrre un effetto lassativo se si superano i 50 grammi al giorno. Molto buona.
Prezzo medio per chilogrammo 12 a 16 euro. 13 a 28 euro. 15 a 19 euro.

I dolcificanti artificiali sono cancerogeni?

I possibili effetti cancerogeni dei dolcificanti artificiali sono stati a lungo studiati e dibattuti, ma non esistono risultati conclusivi. Aspartame, acesulfame K, saccarina e sucralosio sono attualmente i dolcificanti artificiali più utilizzati e il loro uso è autorizzato nell’Unione Europea(10).

Il ciclamato di sodio è stato vietato negli Stati Uniti per quasi 50 anni a causa della sua associazione con il cancro alla vescica. Anche l’aspartame è stato oggetto di reclami alle autorità sanitarie, ma il suo utilizzo è ancora autorizzato. Per questo motivo, raccomandiamo dolcificanti naturali, come la stevia, lo xilitolo e l’eritritolo, che sembrano essere più sicuri(1, 10).

Posso usare il dolcificante anche per i bambini?

Attualmente, i bambini e gli adolescenti possono ingerire dolcificanti con moderazione e anche questi prodotti possono essere utili in caso di diabete, obesità e altri disturbi metabolici. Saccarina, aspartame, acesulfame K e sucralosio sono autorizzati, così come sostituti più naturali, come la stevia. (11).

Per molto tempo, la comunità medica è stata riluttante a raccomandare il consumo di dolcificanti artificiali da parte dei bambini.

Tuttavia, la ricerca non ha mostrato un’associazione positiva tra il consumo di dolcificanti artificiali e la prevalenza di cancro, difficoltà di apprendimento, deficit di attenzione, allergie o disturbi del comportamento durante l’infanzia(11).

In ogni caso, è necessario moderare il consumo dei dolcificanti durante l’infanzia perché il loro intenso gusto dolce può alterare la percezione gustativa nei bambini e farli prediligere per cibi molto dolci. Questo potrebbe portare a una richiesta insana e continua di cibi dolci, scartando l’alimentazione sana e abituandoli anche da adulti a dipendere dal sapore zuccherato.

Dolcificante in una tazza

Data la grande varietà di dolcificanti presenti sul mercato, si consiglia di approfondire i loro profili nutrizionali, i benefici per la salute e gli usi in cucina. (Fonte: Photosiber: 39063832/ 123rf.com)

I dolcificanti possono avere degli effetti collaterali?

Sebbene i sostituti dello zucchero approvati dall’Autorità Europea per la sicurezza alimentare e dalla FDA (Food and Drug Administration degli Stati Uniti) siano considerati sicuri per la salute, possono causare effetti negativi:

  • Lo xilitolo può causare flatulenza, gonfiore e dolore addominale e diarrea se ingerito in dosi superiori a 50 grammi al giorno.
  • L’aspartame può causare vertigini, mal di testa e disagio digestivo se consumato in eccesso.

Esistono controindicazioni per l’uso del dolcificante?

Esistono poche controindicazioni ai dolcificanti e anche le donne in gravidanza e in allattamento possono consumare questo tipo di sostituti dello zucchero. Alcuni autori sconsigliano l’assunzione di saccarina e ciclamato di sodio durante la gravidanza perché può attraversare la placenta e raggiungere il feto, ma questo è stato rilevato nei roditori e non nell’uomo (12).

Lo xilitolo è controindicato in situazioni di diarrea cronica, gastroenterite e sindrome dell’intestino irritabile. L’aspartame contiene nella sua composizione un amminoacido chiamato fenilalanina e, per questo motivo, non può essere consumato da persone che soffrono di fenilchetonuria e non sono in grado di metabolizzare detto amminoacido(3).

Dolcificante

Le alternative più sane allo zucchero sono lo xilitolo (zucchero di betulla), l’eritritolo e la stevia. (Fonte: Morisfoto: 86796531/ 123rf.com)

Criteri di acquisto

Poiché esistono molte opzioni per sostituire lo zucchero, ne troverai sicuramente una adatta alle tue preferenze, esigenze e budget. Devi solo passare un po’ del tuo tempo a valutare i seguenti criteri di acquisto e ad acquistare il miglior dolcificante per te:

Forma di presentazione

I dolcificanti vengono commercializzati in diverse forme: granulato, liquido e in pastiglie. Idealmente, per i prodotti di pasticceria opta per i sostituti che imitano la consistenza e il volume dello zucchero, ad esempio xilitolo ed eritritolo. Gli edulcoranti liquidi e le pastiglie sono consigliate per infusi e bevande.

Lo xilitolo e l’eritritolo sono disponibili in granuli, mentre la stevia, la saccarina e il sucralosio sono disponibili in forma liquida, granulare o in pastiglie. I dolcificanti granulati di solito si trovano anche in piccole bustine singole che sono molto facili da trasportare, proprio come le pastiglie.

Donna che sorseggia una bibita

La scelta del miglior dolcificante dipende dalle preferenze del consumatore e dall’uso che ne viene fatto. (Fonte: Melpomen: 81367442/ 123rf.com)

Sapore

Ancora una volta, i polioli di xilitolo ed eritritolo sono l’opzione ideale per avere un sapore quasi identico a quello dello zucchero normale. Tuttavia, anche la stevia tende ad essere molto accettata dai consumatori, sebbene possa lasciare un retrogusto amarognolo. La saccarina ad alte dosi ha un sapore metallico(10).

Adatto alla cottura?

Non tutti i dolcificanti resistono alle alte temperature abbastanza bene per essere utilizzati in prodotti da forno e pasticceria. I migliori dolcificanti per la cottura sono la stevia, il sucralosio, l’acesulfame K, lo xilitolo e l’eritritolo(10). Lo xilitolo può persino caramellare come fa lo zucchero normale.

Potere dolcificante

Il potere dolcificante viene sempre definito in rapporto alla capacità dolcificante dello zucchero comune (saccarosio). I glucidi hanno un potere dolcificante inferiore, mentre gli edulcoranti intensi sono molto dolci e vengono usati in piccole quantità. Qui di seguito, menzioniamo il potere dolcificante dello zucchero e dei suoi sostituti (naturali e artificiali) (3, 10):

Fonte Potere dolcificante
Zucchero 1
Xilitolo (Zucchero di betulla) 1
Eritritolo 0,7
Stevia 300
Aspartame 180 a 200
Acesulfame K 200
Saccarina 300
Sucralosio 600

Tolleranza digestiva

Lo xilitolo può causare disagio digestivo quando fermentato da batteri nel colon, come diarrea, flatulenza, dolore addominale e gonfiore. Al contrario, l’eritritolo è meglio tollerato perché viene assorbito per un 90% prima di raggiungere il colon. Anche la stevia, la saccarina e il sucralosio tendono ad avere una buona tolleranza.

Conclusioni

Un dolcificante è in grado di addolcire bevande e cibi solidi, senza fornire calorie o zuccheri semplici. Questi prodotti non promuovono lo sviluppo della carie dentale, non aumentano la glicemia e consentono di soddisfare il desiderio di mangiare o bere qualcosa di dolce senza nuocere alla salute. Sono altamente raccomandati in caso di sovrappeso, obesità e diabete.

A causa delle preferenze dei consumatori di dolci e delle crescenti prove degli effetti nocivi per la salute dello zucchero, sono emersi vari sostituti che imitano il gusto e la consistenza dello zucchero normale. Stevia, xilitolo ed eritritolo sono gli edulcoranti più sani, ma anche la saccarina e il sucralosio sono ampiamente consumati.

Se ti è piaciuta la nostra guida sul miglior dolcificante, condividila sui tuoi social network o lasciaci un commento.

(Fuente de la imagen destacada: Gayvoronskaya: 83874646/ 123rf.com)

Riferimenti (12)

1. Aldrete-Velasco J et al. Análisis de la evidencia disponible para el consumo de edulcorantes no calóricos. Documento de expertos [Internet]. Med Int Méx. 2017.
Fonte

2. Socolovsky S. El rol y la seguridad de sustitutos del azúcar [Internet]. 2007.
Fonte

3. Durán S, Cordón K, Rodríguez M. Edulcorantes no nutritivos, riesgos, apetito y ganancia de peso [Internet]. Rev Chil Nutr. 2013.
Fonte

4. Timpe Behn E, Ferguson M, Carlson A. Do Sugar Substitutes Have Any Impact on Glycemic Control in Patients with Diabetes? [Internet]. Journal of Pharmacy Technology. 2013.
Fonte

5. González Sanz A, González Nieto B, González Nieto E. Salud dental: relación entre la caries dental y el consumo de alimentos [Internet]. 2013.
Fonte

6. Runnel R et al. Effect of three-year consumption of erythritol, xylitol and sorbitol candies on various plaque and salivary caries-related variables [Internet]. Journal of Dentistry. 2013.
Fonte

7. Lustig R, Schmidt L, Brindis C. The toxic truth about sugar [Internet]. 2012.
Fonte

8. Jensen T et al. Fructose and sugar: A major mediator of non-alcoholic fatty liver disease [Internet]. 2018.
Fonte

9. Fernstrom J. Non-Nutritive Sweeteners and Obesity [Internet]. Annual Review of Food Science and Technology. 2015.
Fonte

10. García Almeida J, Casado G, García Alemán J. Una visión global y actual de los edulcorantes. Aspectos de regulación [Internet]. 2013.
Fonte

11. Calzada León R et al. Uso de edulcorantes no calóricos en niños [Internet]. Acta Pediátrica de México. 2013.
Fonte

12. Cavagnari B. Edulcorantes no calóricos en embarazo y lactancia [Internet]. Rev Esp Salud Pública. 2019.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo scientifico
Aldrete-Velasco J et al. Análisis de la evidencia disponible para el consumo de edulcorantes no calóricos. Documento de expertos [Internet]. Med Int Méx. 2017.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Socolovsky S. El rol y la seguridad de sustitutos del azúcar [Internet]. 2007.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Durán S, Cordón K, Rodríguez M. Edulcorantes no nutritivos, riesgos, apetito y ganancia de peso [Internet]. Rev Chil Nutr. 2013.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Timpe Behn E, Ferguson M, Carlson A. Do Sugar Substitutes Have Any Impact on Glycemic Control in Patients with Diabetes? [Internet]. Journal of Pharmacy Technology. 2013.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
González Sanz A, González Nieto B, González Nieto E. Salud dental: relación entre la caries dental y el consumo de alimentos [Internet]. 2013.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Runnel R et al. Effect of three-year consumption of erythritol, xylitol and sorbitol candies on various plaque and salivary caries-related variables [Internet]. Journal of Dentistry. 2013.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Lustig R, Schmidt L, Brindis C. The toxic truth about sugar [Internet]. 2012.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Jensen T et al. Fructose and sugar: A major mediator of non-alcoholic fatty liver disease [Internet]. 2018.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Fernstrom J. Non-Nutritive Sweeteners and Obesity [Internet]. Annual Review of Food Science and Technology. 2015.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
García Almeida J, Casado G, García Alemán J. Una visión global y actual de los edulcorantes. Aspectos de regulación [Internet]. 2013.
Vai alla fonte
Articolo di revisione
Calzada León R et al. Uso de edulcorantes no calóricos en niños [Internet]. Acta Pediátrica de México. 2013.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Cavagnari B. Edulcorantes no calóricos en embarazo y lactancia [Internet]. Rev Esp Salud Pública. 2019.
Vai alla fonte