Effetti collaterali antibiotici
Ultimo aggiornamento: 03/11/2020

Il nostro metodo

207Prodotti analizzati

10Ore impiegate

11Studi valutati

350Commenti raccolti

Se il tuo medico ti ha prescritto un antibiotico per combattere un’infezione, l’ultima cosa di cui hai bisogno è che compaiano gli effetti collaterali. Purtroppo però, è capitato quasi a tutti di avere mal di stomaco o fastidi come flatulenza e diarrea durante il trattamento antibiotico. Non è raro inoltre, contrarre una nuova infezione subito dopo aver terminato il farmaco. Perché accade questo?

Gli antibiotici sono prodotti potenti che, oltre ai benefici, hanno anche numerosi effetti negativi sul nostro corpo, soprattutto se non li usiamo correttamente. Reazioni allergiche e problemi digestivi possono trasformarsi in un “vero incubo” in alcuni casi. Vuoi sapere come limitare gli effetti collaterali degli antibiotici? Bene, sei sull’articolo giusto!

Le cose più importanti in breve

  • Gli antibiotici sono farmaci in grado di distruggere i batteri nocivi, ma anche microrganismi benefici (la “flora” o più correttamente il “microbiota”).
  • Gli antibiotici possono danneggiare i nostri tessuti e causare gravi reazioni allergiche. Il loro principale effetto collaterale è il disagio intestinale (nausea, vomito e diarrea).
  • L’uso dei probiotici è stato studiato per prevenire e curare la comparsa di effetti collaterali durante l’uso di antibiotici, ma è sempre consigliabile consultare un medico prima di assumere questi prodotti.

Probiotici contro gli effetti collaterali degli antibiotici: la nostra selezione

Gli antibiotici “distruggono” il tuo equilibrio intestinale? Se il tuo medico ti ha consigliato di usare un probiotico, ti consigliamo di scegliere uno dei seguenti elementi. Questi integratori probiotici ti forniranno ceppi batterici considerati efficaci nel trattamento dei disturbi del transito intestinale causati dagli antibiotici.

Il miglior probiotico di Lactobacillus rhamnosus sul mercado

Inessa Wellness propone questa elegante confezione da 60 capsule vegane contenenti Lactobacillus rhamnosus GG, un ceppo batterico che potrebbe aiutare a combattere la diarrea causata dal trattamento antibiotico.

Le recensioni confermano la validità del prodotto, efficace a ridurre i sintomi come gonfiore, diarrea e in generale i sintomi gastrointestinali.

Il probiotico di Saccharomyces boulardii più venduto

Se cerchi un prodotto economico ma efficace per il trattamento della diarrea associata agli antibiotici, puoi optare per questo integratore della Now Foods. Contiene 60 capsule vegane di Saccharomyces boulardii.

Ci piace la versatilità di questo prodotto, che può essere conservato in frigorifero o a temperatura ambiente. Le recensioni sottolineano l’ottimo rapporto qualità-prezzo.

Il miglior probiotico di Saccharomyces boulardii per qualità-prezzo

Questo integratore contiene 180 capsule con Saccharomyces boulardii, un lievito in grado di ridurre la frequenza e la durata della diarrea associata agli antibiotici. È un prodotto vegano e senza glutine.

Non necessita di refrigerazione. Un probiotico che ha già alleviato i disturbi del transito intestinale per centinaia di consumatori, anche se in Italia ci sono state cattive esperienze con la spedizione.

La miglior combinazione tra Saccharomyces boulardii e Lactobacillus rhamnosus

Un probiotico con sia Saccharomyces boulardii che Lactobacillus rhamnosus, oltre ad altri ceppi batterici. Sono 90 capsule da 5 miliardi di CFU. Non richiede refrigerazione.

Senza glutine né lattosio, e completamente naturale. Molte le recensioni positive che hanno visto miglioramenti nei diversi sintomi gastrointestinali.

Tutto quello che devi sapere sugli effetti collaterali degli antibiotici

Gli antibiotici sono farmaci molto utili, ma non sono privi di effetti collaterali. Queste sostanze possono influenzare i tessuti in tutto il corpo o persino portare a reazioni di ipersensibilità, sebbene gli eventi avversi più probabili siano generalmente gastrointestinali. Parleremo a fondo di questi aspetti nella sezione sottostante.

Donna con mal di pancia

Il nostro microbiota viene danneggiato dagli antibiotici. (Fonte: Yastremska: 97251187/ 123rf.com)

Cosa sono gli antibiotici e perché provocano effetti collaterali?

Gli antibiotici sono sostanze in grado di annientare i batteri. La medicina moderna ricorre spesso a questi farmaci, utilizzandoli per curare infezioni che altrimenti potrebbero seriamente compromettere la nostra salute. Esiste un’ampia varietà di diversi antibiotici che possiamo trovare sotto forma di capsule, polvere, sciroppi e iniettabili (1).

Tuttavia, gli antibiotici possono causare effetti negativi. Queste sostanze non sono innocue e quando interagiscono con il nostro corpo possono provocare reazioni allergiche, irritazioni, infiammazioni o danni ai nostri tessuti. Inoltre, questi farmaci potrebbero non fanno distinzioni e elimjnano anche i batteri “buoni” che popolano il nostro corpo (il nostro microbiota), rendendoci vulnerabili a nuove infezioni (2).

Quali sono i principali effetti collaterali degli antibiotici?

Ti è stato prescritto un antibiotico? Se segui rigorosamente le istruzioni del medico, molto probabilmente finirai il trattamento senza problemi (tranne al microbiota, che dovrà rinforzarsi anche se apparentemente non hai avuto sintomi). Tuttavia, in alcune occasioni possono comparire reazioni avverse a questi farmaci. Possiamo classificarle tenendo conto delle loro ripercussioni sui diversi tessuti del nostro corpo:

Tessuto danneggiato Tipo di effetti collaterali*
Sangue Anemia

Riduzione del numero di globuli bianchi (cellule che ci difendono)

Problemi nella coagulazione del sangue (in eccesso o difetto)

Sistema nervoso e muscoli Dolori muscolari

Tremori

Convulsioni

Paralisi muscolare

Encefalopatia (grave alterazione delle funzioni cerebrali)

Sordità

Cecilia

Polmoni Lievi problemi respiratori (tosse, irritazione)

Problemi respiratori gravi (difficoltà respiratorie, lesioni polmonari permenenti)

Cuore Aritmie

Problemi di pressione arteriosa (ipotensione o ipertensione)

Apparato digerente Malessere intestinale

Nausea

Vomito

Diarrea

Infezioni secondarie

Infezione da Clostridium difficile

Fegato e pancreas Lesioni epatiche

Colestasi (ostruzione al passaggio della bile)

Infiammazione del pancreas

Reni Danni renali (passeggeri)

Danni renali (permanenti)

*(3)

Al di fuori di questa classificazione, rimangono altri effetti avversi più aspecifici, come la comparsa di macchie cutanee, infezioni vaginali, sensibilità alla luce solare, dolori articolari e rottura dei tendini. Né dobbiamo dimenticare le reazioni di ipersensibilità, in cui il nostro corpo riconosce l’antibiotico come una sostanza estranea e possono comparire (3):

  • Febbre.
  • Alterazioni del sangue (anemia, problemi alle difese e distruzione delle cellule responsabili della coagulazione).
  • “Rash” o eruzioni cutanee (la pelle diventa rossastra, con comparsa di infiammazione e prurito generalizzato).
  • Reazione anafilattica (grave reazione allergica all’antibiotico, con difficoltà di respirazione, gonfiore generalizzato della lingua e delle labbra e calo della pressione sanguigna. Richiede cure mediche urgenti).
foco

Se durante l’uso di antibiotici compaiono mancanza di respiro, vertigini o gonfiore della bocca, delle labbra o della gola, interrompi l’assunzione del farmaco e recati al pronto soccorso più vicino.

Fortunatamente, la maggior parte degli effetti collaterali degli antibiotici sono lievi se usati correttamente e scompaiono una volta terminato il trattamento. Le reazioni avverse più comuni saranno soprattutto di tipo gastrointestinale (2).

Come danneggiano gli antibiotici il mio benessere intestinale?

Gli antibiotici hanno la capacità di danneggiare il tuo benessere intestinale in diversi modi. Per prima cosa, questi farmaci possono danneggiare direttamente il rivestimento dello stomaco e dell’intestino. D’altra parte, gli antibiotici possono distruggere il tuo microbiota intestinale, lasciandoti non protetto contro l’invasione di batteri nocivi.

Fortunatamente, molte persone non sperimenteranno alcun tipo di disturbo gastrointestinale durante il trattamento antibiotico. Altre, tuttavia, potrebbero notare come il loro stomaco “soffre” dopo aver assunto questi farmaci, presentando coliche, nausea e persino vomito e diarrea. Questi effetti collaterali possono durare fino a due settimane dopo la fine del trattamento.

In alcuni casi, l’uso di antibiotici può favorire l’infezione del nostro tratto intestinale da Clostridium difficile, un batterio aggressivo e difficile da trattare. Questo “nemico” può causare grave diarrea e infiammazione del tratto digerente. L’infezione da C. difficile potrebbe essere pericolosa per la vita e richiedere cure mediche urgenti (2, 4).

Medico con paziente

È molto importante non smettere di prendere l’antibiotico prima del tempo prescritto dal tuo medico. (Fonte: Tom: 37598800/ 123rf.com)

Come posso evitare gli effetti collaterali degli antibiotici?

Usa gli antibiotici solo se necessario. Non assumere mai questi farmaci da solo (e non darli ai tuoi figli!). Ricorda che gli antibiotici non servono per trattare le infezioni da virus (come l’influenza) e possono essere usati solo sotto prescrizione medica dopo essere stati consigliati da un operatore sanitario.

Rispetta il tuo trattamento. Molte persone smettono di prendere l’antibiotico non appena si sentono meglio. Questo atto apparentemente “innocente” potrebbe far sì che i batteri che non sono stati uccisi diventino resistenti al farmaco. Per distruggerli, sarà necessario utilizzare antibiotici più potenti, con una maggiore probabilità di generare effetti collaterali.

Consulta il tuo medico in caso di dubbi. Pensi che l’antibiotico non stia funzionando? Hanno iniziato a comparire dei disagi? Hai dimenticato di assumere una dose? Prima di prendere decisioni affrettate, ti consiglia di parlare con il tuo medico. Lui o lei ti fornirà le linee guida appropriate per continuare il trattamento in sicurezza e ti aiuterà in caso di comparsa di effetti collaterali (5).

Dr. Jason NewlandSpecialista in Pediatria (Washington University School of Medicine, USA).)

“Un altro effetto degli antibiotici che oggi conosciamo meglio è il loro impatto sul microbiota. Un motivo in più per non usarli se non ce n’è bisogno”.

Probiotici e antibiotici: Cosa dicono gli esperti?

Se il tuo microbiota ha sofferto dopo un ciclo di antibiotici, potresti aver preso in considerazione l’uso di un probiotico per “ripristinare l’equilibrio” delle famiglie di batteri. Se stai pensando di utilizzare uno di questi integratori, ti consigliamo di non perdere questa sezione. Risolverà tutti i tuoi dubbi!

I probiotici potrebbero evitare la diarrea associata all’uso di antiobiotici

Secondo la letteratura disponibile, l’uso di un probiotico durante e dopo il trattamento antibiotico potrebbe ridurre significativamente la probabilità di diarrea nelle persone sensibili. Inoltre, in questi studi, i probiotici si sono dimostrati sicuri e non hanno causato effetti avversi (6).

Sfortunatamente, gli integratori probiotici non sembrano diminuire la probabilità di altre complicazioni associate all’uso di antibiotici (come l’infezione da lievito vaginale) (7).

Uomo infreddolito davanti al PC

Consulta il tuo medico prima di utilizzare antibiotici. (Fuente: Lightfieldstudios: 110349352/ 123rf.com)

Non tutti i probiotici sono uguali

Non tutti i probiotici hanno dimostrato di essere in grado di esercitare un effetto positivo durante il trattamento antibiotico. A dire il vero, sono pochi i ceppi (“famiglie” di microrganismi) che gli esperti considerano efficaci nella prevenzione e nel trattamento della diarrea associata agli antibiotici.

Secondo la bibliografia, il Saccharomyces boulardii e il Lactobacillus rhamnosus GG sono i probiotici che hanno mostrato maggiore efficacia nel rafforzare il nostro microbiota dopo il trattamento antibiotico. Per essere efficaci, devono essere assunti con una dose di almeno 5×109 CFU (5 miliardi di unità formanti colonie) (8).

Assumere probiotici e antibiotici allo stesso tempo è una cattiva idea?

Se assumi il tuo probiotico e il tuo antibiotico nello stesso momento, è possibile che il farmaco distrugga non solo i germi che ti “invadono”, ma anche i probiotici “nuovi arrivati”. Per questo motivo, si raccomanda generalmente di assumere l’antibiotico due ore prima o due ore dopo (almeno) il probiotico.

Tuttavia, alcuni produttori di integratori probiotici insistono sul fatto che il loro prodotto può essere ingerito contemporaneamente all’antibiotico, il che semplificherebbe molto di più il trattamento ed eviterebbe di dimenticarlo. Se non sei sicuro che il tuo probiotico sia in grado di “resistere” alle azioni del tuo antibiotico, chiedi al tuo medico o al farmacista (9).

Pillola in mano con un bicchiere di acqua

Gli antibiotici possono provocare reazioni allergiche. (Fonte: Davydov: 107344134/ 123rf.com)

I probiotici potrebbero far tardare il recupero del tuo microbiota

Un interessante studio del 2018 (10) ha scoperto che l’assunzione di probiotici insieme agli antibiotici potrebbe, paradossalmente, ritardare il recupero del nostro microbiota. Il recupero spontaneo dei nostri batteri benefici potrebbe infatti essere “disturbato” dall’aggiunta di un probiotico, quindi dovremmo prestare attenzione quando si utilizzano questi integratori.

Il verdetto: probiotici che si adattano alle tue esigenze

Da un lato, i probiotici sono integratori economici e sicuri che potrebbero ridurre la probabilità di diarrea che si verifica durante l’uso di antibiotici, anche tenendo a bada il temuto C. difficile. D’altra parte, questi componenti aggiuntivi potrebbero rendere il recupero più lungo del necessario. Che dilemma!

A favore dei probiotici Contro i probiotici
Possono prevenire l’apparizione della diarrea associata agli antibiotici Potrebbe ritardare il recupero del microbiota
Possono ridurre la probabilità di infezione da C. difficile Efficacia non dimostrata sugli squilibri del microbiota vaginale
Prezzo accessibile Non tutti i cepi sono adeguati
Pochi o nessun effetto collaterale nelle persone sane Possibilità di effetti collaterali nelle persone malte o immunodepresse (“con le difese basse”)

(10, 11)

Se sei una persona sana che di solito non soffre di complicazioni dovute agli antibiotici, potresti anche evitare i probiotici. Tuttavia, se soffri spesso di disturbi gastrointestinali durante il trattamento farmacologico, questi integratori possono aiutarti. Discuti con il tuo medico se un probiotico è l’opzione più appropriata per te. Non te ne pentirai!

Conclusioni

Gli antibiotici sono una meraviglia della medicina moderna. Questi farmaci ci permettono di combattere le infezioni batteriche, distruggendo i germi che altrimenti minaccerebbero le nostre vite. Tuttavia, gli antibiotici sono anche in grado di provocare effetti collaterali e reazioni allergiche che possono essere gravi.

Usare gli antibiotici esclusivamente su prescrizione medica e rispettare le indicazioni degli esperti può ridurre la probabilità di gravi effetti avversi. In alcuni casi, possiamo usare i probiotici per evitare che gli antibiotici danneggino la nostra delicata “flora” intestinale. Chiedi al tuo medico se vuoi provarli!

Se grazie a questo articolo hai compreso meglio gli effetti collaterali degli antibiotici, lasciaci un commento e condividilo affinché anche gli altri possano esserne consapevoli.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Olegdudko: 48311032/ 123rf.com)

Riferimenti (11)

1. Calhoun C, Wermuth HR, Hall GA. Antibiotics. StatPearls. StatPearls Publishing; 2020.
Fonte

2. Antibiotics – Side effects – NHS.
Fonte

3. Cunha BA. Antibiotic Side Effects Explained. Chem Eng News Arch. 2013 May 27;91(21):9.
Fonte

4. Mullish BH, Williams HRT. Clostridium difficile infection and antibiotic-associated diarrhoea. Clin Med J R Coll Physicians London . 2018 Jun 1 ;18(3):237–41.
Fonte

5. Qué hacer y qué no hacer con los antibióticos | Uso de antibióticos | CDC .
Fonte

6. Blaabjerg S, Artzi DM, Aabenhus R. Probiotics for the prevention of antibiotic-associated diarrhea in outpatients—A systematic review and meta-analysis . Vol. 6, Antibiotics. MDPI AG; 2017.
Fonte

7. Pirotta M, Gunn J, Chondros P, Grover S, O’Malley P, Hurley S, et al. Effect of lactobacillus in preventing post-antibiotic vulvovaginal candidiasis: A randomised controlled trial. Br Med J. 2004 Sep 4 ;329(7465):548–51.
Fonte

8. Agamennone V, Krul CAM, Rijkers G, Kort R. A practical guide for probiotics applied to the case of antibiotic-associated diarrhea in The Netherlands. BMC Gastroenterol . 2018 Aug 6 ;18(1):103.
Fonte

9. Taking probiotics with antibiotics | Probiotics Learning Lab.
Fonte

10. Suez J, Zmora N, Zilberman-Schapira G, Mor U, Dori-Bachash M, Bashiardes S, et al. Post-Antibiotic Gut Mucosal Microbiome Reconstitution Is Impaired by Probiotics and Improved by Autologous FMT. Cell . 2018 Sep 6;174(6):1406-1423.e16.
Fonte

11. Rodgers BM, Kirley KM, Mounsey AM. Pair it with probiotics. J Fam Pract . 2013 ;62(3):148–50.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Libro online
Calhoun C, Wermuth HR, Hall GA. Antibiotics. StatPearls. StatPearls Publishing; 2020.
Vai alla fonte
Sito ufficiale NHS
Antibiotics – Side effects – NHS.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Cunha BA. Antibiotic Side Effects Explained. Chem Eng News Arch. 2013 May 27;91(21):9.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Mullish BH, Williams HRT. Clostridium difficile infection and antibiotic-associated diarrhoea. Clin Med J R Coll Physicians London . 2018 Jun 1 ;18(3):237–41.
Vai alla fonte
Sito ufficiale CDC
Qué hacer y qué no hacer con los antibióticos | Uso de antibióticos | CDC .
Vai alla fonte
Revisione sistematica
Blaabjerg S, Artzi DM, Aabenhus R. Probiotics for the prevention of antibiotic-associated diarrhea in outpatients—A systematic review and meta-analysis . Vol. 6, Antibiotics. MDPI AG; 2017.
Vai alla fonte
Studio su umani
Pirotta M, Gunn J, Chondros P, Grover S, O’Malley P, Hurley S, et al. Effect of lactobacillus in preventing post-antibiotic vulvovaginal candidiasis: A randomised controlled trial. Br Med J. 2004 Sep 4 ;329(7465):548–51.
Vai alla fonte
Guida clinica
Agamennone V, Krul CAM, Rijkers G, Kort R. A practical guide for probiotics applied to the case of antibiotic-associated diarrhea in The Netherlands. BMC Gastroenterol . 2018 Aug 6 ;18(1):103.
Vai alla fonte
Sito del produttore
Taking probiotics with antibiotics | Probiotics Learning Lab.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Suez J, Zmora N, Zilberman-Schapira G, Mor U, Dori-Bachash M, Bashiardes S, et al. Post-Antibiotic Gut Mucosal Microbiome Reconstitution Is Impaired by Probiotics and Improved by Autologous FMT. Cell . 2018 Sep 6;174(6):1406-1423.e16.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Rodgers BM, Kirley KM, Mounsey AM. Pair it with probiotics. J Fam Pract . 2013 ;62(3):148–50.
Vai alla fonte