Ultimo aggiornamento: 27/07/2021

Il nostro metodo

16Prodotti analizzati

28Ore impiegate

31Studi valutati

86Commenti raccolti

Il miele di Manuka è la stella di tutti i mieli. È diventato molto popolare negli ultimi anni a causa dei suoi benefici medicinali e cosmetici. Tuttavia, i ricercatori hanno iniziato a studiare i suoi effetti terapeutici più di 25 anni fa, con particolare attenzione alla sua attività curativa e antibatterica.

Il miele di Manuka è il miele prodotto dalle api dal nettare dei fiori dell’arbusto Leptospermum scoparium. È ricco di un composto chiamato metilgliossale (MGO), che è responsabile delle sue proprietà antimicrobiche. Offre anche benefici antiossidanti e antinfiammatori. Scopri quale miele di Manuka è meglio per te in questa guida.

Le cose più importanti da sapere

  • Il miele di Manuka proviene dal nettare dei fiori della pianta Leptospermum scoparium, che cresce in Nuova Zelanda e in alcune regioni dell’Australia. Questo arbusto è anche conosciuto come albero del tè.
  • Gli attributi medicinali del miele di Manuka sono dovuti alla presenza di flavonoidi, acidi fenolici e metilgliossale (MGO). Questi composti sono responsabili delle proprietà antiossidanti, antimicrobiche, curative e antinfiammatorie del miele di Manuka.
  • Il contenuto di MGO e il grado di Manuka Unique Factor sono aspetti da considerare quando si acquista il miele di Manuka. Altri importanti criteri di acquisto sono il paese di origine del miele, l’autenticità, le pubblicità ingannevoli e la presenza di allergeni.

Miele di manuka: la nostra selezione

Guida all’acquisto: cosa devi sapere sul miele di Manuka

Tradizionalmente, il miele di Manuka è stato usato dai Maori come un potente rimedio naturale. Tuttavia, le sue proprietà medicinali variano a seconda della concentrazione di metilgliossale (MGO) e di Unique Manuka Factor (UMF). In questa sezione, approfondiremo le indicazioni, i tipi e gli usi del miele di Manuka.

sirviendo miel

Tradizionalmente, il miele di Manuka è stato usato dai Maori come un potente rimedio naturale. (Fonte: Dolgachov: 65754331/ 123rf.com)

Cos’è esattamente il miele di Manuka?

Il miele di Manuka è un miele floreale, prodotto dalle api dal nettare dei fiori dell’arbusto Leptospermum scoparium (1) , che cresce in Nuova Zelanda e Australia. Ha un caratteristico sapore agrodolce con note di caramello. Il miele di Manuka si differenzia dagli altri mieli per il suo alto contenuto di metilgliossale (MGO) e flavonoidi (2).

Quali nutrienti offre il miele di Manuka?

Dal punto di vista nutrizionale, il miele di Manuka non differisce molto dagli altri mieli. È una fonte concentrata di zuccheri semplici (3), principalmente fruttosio e glucosio, e fornisce moderate quantità di vitamine e minerali. Il metilgliossale e i flavonoidi sono i composti più importanti nel miele di Manuka, anche se non forniscono energia. Commento dell’esperto:

“MGO (metilgliossale) è il principale composto antibatterico nel miele di Manuka. Le sostanze fenoliche nel miele possono agire come antiossidanti ed essere responsabili delle sue proprietà antinfiammatorie e curative”. Christy Brissette, dietista registrata.

C’è un proverbio Maori che dice: “Dove non arrivano gli antibiotici, arriva il miele di Manuka”.

Quali sono i benefici per la salute del miele di Manuka?

I Maori, nativi della Nuova Zelanda, hanno usato questo cibo dolce come medicina per centinaia di anni. Anche se il miele di Manuka condivide la maggior parte delle sue proprietà con altri tipi di miele, si distingue per i suoi superbi effetti antibatterici e curativi (4). Di seguito, spiegheremo i principali benefici per la salute del miele di Manuka:

  • Fornisce un potente effetto antimicrobico, specialmente contro vari batteri (5), ma inibisce anche la crescita di virus e funghi. Il miele di Manuka ha dimostrato di essere efficace contro i batteri che sono altamente resistenti agli antibiotici sintetici (6, 7). La sua capacità antimicrobica è dovuta al perossido di idrogeno e al metilgliossale (MGO).
  • È un eccellente guaritore naturale, anche per le ferite croniche (8). Il miele di Manuka viene applicato topicamente alle ulcere del piede diabetico (9), alle ustioni minori, alle ferite chirurgiche e alle ulcere venose (10).
  • Aiuta a combattere la gengivite (infiammazione delle gengive) e la placca dentale che causa la carie (11).
  • Fornisce antiossidanti che riducono il danno ossidativo (12) legato alle malattie cardiovascolari, ad alcuni tipi di cancro e alle malattie neurodegenerative. Gli attributi antiossidanti del miele di Manuka sono dovuti al suo alto contenuto di composti fenolici.
  • Previene alcuni tipi di cancro impedendo la proliferazione delle cellule cancerose. Gli studi correlano il consumo di miele di Manuka con un effetto protettivo contro il melanoma
  • (13), cancro al seno e cancro colorettale.
  • Aiuta nel trattamento della gastrite e delle ulcere peptiche associate al batterio Helicobacter pylori (14) Aiuta anche nella guarigione delle ulcere gastriche causate dall’acido acetico.
  • Riduce l’infiammazione. Uno studio sui ratti ha dimostrato la capacità del miele di Manuka di mitigare l’infiammazione nel colon (15).
  • Stimola il sistema immunitario, in particolare le cellule immunitarie legate alla guarigione delle ferite e alla riparazione dei tessuti (16).
  • Agisce come prebiotico e aiuta a regolare la funzione intestinale, poiché i suoi oligosaccaridi sono utilizzati come substrato dalla flora batterica del colon (17).

diferente mieles

Il miele di Manuka è il miele che le api fanno dal nettare dei fiori del cespuglio. (Fonte: Darios: 23389665/ 123rf.com)

Quali tipi di mieli di Manuka esistono?

Si crede comunemente che il miele sia classificato secondo il suo UMF (Unique Manuka Factor) o il suo contenuto MGO (methylglyoxal). Tuttavia, questi parametri non definiscono i tipi di miele, ma si riferiscono alle loro proprietà. Per classificare il miele di Manuka, vengono analizzati gli indicatori elencati nella seguente tabella (18) per determinare se il miele è un miele di Manuka:

  • Monoflorale: è fatto principalmente dal nettare dei fiori di Leptospermum scoparium. Poiché le api volano molto lontano, nessun miele proviene esclusivamente dai fiori del cespuglio di Manuka. Dei 5 attributi testati, il miele di Manuka monoflora deve soddisfarli tutti. Altrimenti, è un miele di Manuka multifiore.
  • Multiflorale: è il miele prodotto dal nettare di fiori di diverse varietà. Le api utilizzano una quantità significativa di nettare dai fiori del cespuglio di Manuka, ma una buona parte del substrato proviene da altre piante. Il miele di Manuka millefiori deve soddisfare tutti e 5 i criteri. Se non è così, non è miele di Manuka.
Indicatori miele di Manuka monoflora miele di Manuka multiflora
Test del DNA del polline di Manuka Livello richiesto: meno di 3 fg/µL (femtogrammi/microlitro) Livello richiesto: meno di 3 fg/µL (femtogrammi/microlitro).
Metossiacetofenone Livello richiesto: uguale o superiore a 5 mg/kg Livello richiesto: uguale o superiore a 1 mg/kg.
acido 3-fenilattico Livello richiesto: uguale o superiore a 400 mg/kg. Livello richiesto: pari o superiore a 20 mg/kg e inferiore a 400 mg/kg.
acido 4-idrossifenil-lattico Livello richiesto: pari o superiore a 1 mg/kg Livello richiesto: pari o superiore a 1 mg/kg.
acido 2-metossibenzoico Livello richiesto: pari o superiore a 1 mg/kg Livello richiesto: pari o superiore a 1 mg/kg.

Il metilgliossale (MGO) e l’Unique Manuka Factor (UMF) sono la stessa cosa?

No, non sono la stessa cosa, anche se questi concetti sono strettamente collegati. Il metilgliossale (MGO) è il composto che dà al miele di Manuka la sua potente capacità antibatterica (19). L’Unique Manuka Factor (UMF) è un valore risultante dalla combinazione di 3 sostanze presenti nel miele: methylglyoxal (MGO), hydroxymethylfurfural e leptosperin (20).

La leptosperina è un composto unico del cespuglio di Manuka

L’idrossimetilfurfurolo (HMF) è un indicatore del fatto che il miele sia stato surriscaldato. Dovrebbe essere presente nel miele puro e fresco in quantità inferiori a 40 mg/kg di miele.

La leptosperina è un composto unico del cespuglio di Manuka e dovrebbe essere presente in più di 100 mg/kg di miele. Mentre l’idrossimetilfurfurale e la leptosperina si trovano in quantità stabili nel miele di Manuka, il contenuto di metilgliossale è molto variabile. Più metilgliossale (MGO) contiene il miele, più alto è l’UMF (Unique Manuka Factor) e maggiore è la sua attività antibatterica. L’UMF riflette il grado medicinale, la freschezza e l’autenticità di questo miele (21).

Perché il metilgliossale (MGO) nel miele di Manuka è così importante?

Il metilgliossale (MGO) è l’ingrediente attivo nel miele di Manuka che è direttamente collegato alle sue proprietà antibatteriche e curative. Il contenuto di metilgliossale è espresso in milligrammi per chilogrammo di miele e può variare da 80 mg/kg a 1200 mg/kg. Più alta è la concentrazione di MGO nel miele, più potenti sono queste proprietà.

Per quanto riguarda la guarigione delle ferite, l’MGO nel miele di Manuka previene l’infezione delle ferite.

Anche se tutti i mieli possiedono attività antisettica attraverso la produzione di perossido di idrogeno, l’MGO è in grado di uccidere o inibire la crescita di molti batteri. Questo potente effetto antibatterico aiuta a prevenire la carie, a trattare l’infezione da Helicobacter pylori della mucosa gastrica e a combattere la tonsillite da Streptococcus pyogenes.

Per quanto riguarda la guarigione delle ferite, l’MGO nel miele di Manuka previene l’infezione delle ferite da parte di vari batteri (22). Mantenere la ferita pulita e senza infezioni è essenziale per una corretta guarigione della ferita. Oltre all’effetto antibatterico del MGO, l’attività antinfiammatoria del miele di Manuka riduce il tempo di guarigione.

Il miele di Manuka è un antibiotico naturale?

Sì, il miele di Manuka ha proprietà antibiotiche, anche se questo dipende dalla concentrazione di metilgliossale (MGO). I mieli di Manuka con almeno 800 mg di MGO per chilogrammo hanno la maggiore capacità di inibire la crescita batterica. Diversi tipi di batteri sensibili al miele di Manuka sono elencati nella seguente tabella (12):

batteri sensibili al miele di Manuka Malattie che producono
Helicobacter pylori (23). Gastrite cronica. Ulcera peptica. Cancro allo stomaco. Linfoma MALT (23)(tessuto linfoide associato alla mucosa).
Streptococcus pyogenes. Faringite. Tonsillite. Scarlattina. Impetigine. (I bambini sono molto suscettibili a questo batterio).
Staphylococcus aureus. resistente alla meticillina (MRSA). infezioni della pelle, che possono diffondersi alle articolazioni, ad altri organi (polmoni, cuore) o alle ossa (24).
Streptococcus mutans . Carie dentale (25). Endocardite (infezione del tessuto che riveste le camere e le valvole del cuore).
Stenotrophomonas maltophilia. Infezione respiratoria. Polmonite (26).

Il miele di Manuka sostituisce gli antibiotici convenzionali?

No, il miele di Manuka non sostituisce gli antibiotici convenzionali, ma può essere un eccellente complemento a queste medicine e migliorare l’efficacia del trattamento. Inoltre, il miele di Manuka non porta alla resistenza agli antibiotici e può anche aiutare a combattere i batteri che sono refrattari agli antibiotici.

Il miele di Manuka è adatto alle persone con il diabete?

Mentre il normale zucchero raffinato ha un alto indice glicemico (IG) di 70, il miele di Manuka ha un valore IG moderato tra 54 e 59 (27). Tuttavia, questo valore IG significa che il miele di Manuka potrebbe causare significativi aumenti di zucchero nel sangue (glicemia).

Pertanto, le persone con diabete dovrebbero consumare il miele di Manuka con moderazione e in sostituzione di altri dolci (zucchero, marmellate, gelatine). Inoltre, è essenziale consultare un professionista della nutrizione sulla quantità di miele che può essere ingerita per evitare di compromettere l’armonia della dieta.

miel de manuka en envase

Il miele di Manuka non sostituisce gli antibiotici convenzionali, ma può essere un eccellente complemento a queste medicine. (Fonte: Yasuhiro Amano: 58689516/ 123rf.com)

È consigliabile prendere il miele di Manuka per alleviare i disturbi di stomaco?

Il miele di Manuka è efficace per alleviare i disturbi di stomaco legati al batterio Helicobacter pylori (28), come la gastrite e l’ulcera peptica. Questo batterio è sensibile all’azione antibatterica del metilgliossale. Inoltre, molti consumatori riferiscono che il consumo quotidiano di questo miele è utile per alleviare l’indigestione.

Come si dovrebbe consumare il miele di Manuka?

Il miele di Manuka può essere consumato sciolto in tisane o latte, spalmato su pane tostato o frittelle, o mescolato con altri ingredienti in condimenti e salse. Tuttavia, il modo migliore per ingerire questo miele è prenderlo da solo e lasciarlo sciogliere lentamente in bocca. Questo è essenziale quando viene usato per trattare la gengivite o prevenire la carie (29).

Rose CooperRicercatore e docente alla Cardiff Metropolitan University
“Gli antibiotici esistenti potrebbero essere più efficaci contro le infezioni resistenti ai farmaci se usati in combinazione con il miele di Manuka”.

Quali sono le controindicazioni e gli effetti avversi del miele di Manuka?

Anche se il miele di Manuka è sicuro per le persone sane (30), se consumato in grandi quantità può causare un aumento di peso a causa del suo alto contenuto di zucchero. In termini di controindicazioni, il miele di Manuka dovrebbe essere evitato, come altri tipi di miele, nelle seguenti situazioni:

  • Neonati sotto i 12 mesi, a causa del rischio di botulismo.
  • Diabetici.
  • Individui allergici al miele, al veleno delle api o al polline.

Le donne che stanno attraversando il periodo della gravidanza o dell’allattamento dovrebbero evitare di consumare il miele di Manuka il cui Unique Manuka Factor è superiore a 15 (UMF 15+). Il contenuto di metilgliossale (MGO) in questi mieli supera i 500 milligrammi per chilogrammo e non ci sono studi che garantiscono che sia sicuro da consumare durante queste fasi biologiche.

Criteri di acquisto

Come menzionato all’inizio di questo articolo, il miele di Manuka è originario della Nuova Zelanda e dell’Australia. Alcuni consumatori potrebbero pensare che comprare miele prodotto in questi paesi sia una garanzia di qualità. Questo non è il caso e dovrebbero essere considerati altri criteri di acquisto:

Contenuto di Unique Manuka Factor (UMF) e/o methylglyoxal (MGO)

Più alto è l’UMF, più alta è la concentrazione di MGO nel miele di Manuka. La scelta del FMU di questo tipo di miele è molto importante perché determina la forza delle sue proprietà antibatteriche. Pertanto, se il miele di Manuka deve essere utilizzato come agente curativo o per combattere alcuni batteri, dovrebbe essere scelto un prodotto con un FMU superiore a 15.

D’altra parte, se il miele di Manuka deve essere usato come maschera per il viso contro l’acne o consumato per calmare la gola o migliorare la digestione, è sufficiente scegliere un miele il cui FMU è intorno a 10. Va notato che man mano che il contenuto di FMU e MGO aumenta, anche il prezzo del miele di Manuka aumenta.

tratamiento de piel

Se il miele di Manuka viene usato come maschera per il viso contro l’acne o viene consumato per calmare la gola o migliorare la digestione, è sufficiente scegliere un miele il cui UMF è intorno a 10. (Fonte: Anastasia Kazakova: 35614062/ 123rf.com)

Pubblicità ingannevole

Come per quasi tutti i superalimenti, ci sono affermazioni false o non scientifiche sulle proprietà di questo miele. Non comprare capsule o caramelle a base di miele di Manuka che affermano di essere efficaci per la perdita di peso o per migliorare la fertilità perché queste affermazioni non hanno alcun supporto scientifico.

Presenza di allergeni

Anche se il miele di Manuka è un alimento naturalmente privo di glutine, le persone con la celiachia dovrebbero comprare solo prodotti che mostrano il sigillo senza glutine sull’etichetta. Coloro che sono intolleranti al lattosio o allergici alla soia o alle noci dovrebbero leggere la lista degli ingredienti per assicurarsi che questi allergeni non siano presenti nel miele.

È anche possibile controllare se una marca commerciale vende miele di Manuka genuino collegandosi al sito web dell’UMFHA (Unique Manuka Factor Honey Association)? Questa è un’associazione indipendente che regola l’uso del sigillo UMF (Unique Manuka Factor) e garantisce la purezza e la qualità del miele di Manuka

Origine

Come menzionato sopra, i principali produttori di miele di Manuka sono la Nuova Zelanda e l’Australia. Pertanto, è importante scegliere un prodotto che provenga da uno di questi due paesi. La Nuova Zelanda è il più grande produttore ed esportatore ed è meglio acquistare il miele di Manuka proveniente da questo paese.

Autenticità

Quando abbiamo spiegato la differenza tra miele di Manuka monoflora e multiflora, abbiamo sottolineato le analisi chimiche che vengono effettuate per garantire l’autenticità. Questi test devono essere eseguiti da un laboratorio approvato dal MPI (Ministero delle Industrie Primarie) in Nuova Zelanda e le aziende di solito includono i risultati sulla confezione del miele.

Organic honey food photography recipe idea

Anche se il miele di Manuka è sicuro per le persone sane, se consumato in grandi quantità può causare un aumento di peso a causa del suo alto contenuto di zucchero. (Fonte: Rawpixel: 109996367/ 123rf.com)

Riassunto

Il miele di Manuka è prodotto dalle api dal nettare dei fiori dell’arbusto Leptospermum scoparium. Anche se il miele di Manuka è originario della Nuova Zelanda e dell’Australia, le sue proprietà curative, antinfiammatorie e antibatteriche hanno attirato l’interesse delle persone di tutto il mondo. Il sapore del miele di Manuka è intenso, caratteristico e agrodolce, diverso dagli altri mieli floreali.

Viene ingerito in piccole quantità per migliorare la digestione, combattere le infezioni causate dai batteri Helicobacter pylori nello stomaco e prevenire la carie. Se questo miele viene applicato su ferite e ustioni, agisce come agente di guarigione. Se ti è piaciuta la nostra guida al miele di Manuka, condividila sui tuoi social media o lasciaci un commento.

(Fonte dell’immagine: Sudchanham: 49997721/ 123rf.com)

Riferimenti (31)

1. Stephens J, Greenwood D, Fearnley L, Bong J, Schlothauer R, Loomes K. [Internet]. 2019 [cited 30 September 2019].
Fonte

2. Yao L, Thomás-Barberán F, Ferreres F, Martos I, Singanunsong R. [Internet]. 2019 [cited 30 September 2019].
Fonte

3. Ball D. The Chemical Composition of Honey. [Internet]. American Chemical Society, ACS; 2007 [cited 30 September 2019].
Fonte

4. Patel S, Cichello S. Natural Products and Bioprospecting [Internet]. 4th ed. 2013 [cited 30 September 2019].
Fonte

5. Alvarez J, Gasparrini M, Forbes-Hernández T, Mazzoni L, Giampieri F. The Composition and Biological Activity of Honey: A Focus on Manuka Honey [Internet]. US National Library of Medicine National Institutes of Health. 2019 [cited 30 September 2019].
Fonte

6. S. Kwakman P, de Boer L, Ruyter-Spira C, Creemers-Molenaar T, G. Helsper J, E. Vandenbroucke-Grauls C et al. European Journal of Clinical Microbiology & Infectious Diseases [Internet]. 2nd ed. 2011 [cited 30 September 2019]. Available from:
Fonte

7. Natarajan S, Williamson D, Grey J, Harding K, Cooper R. Healing of an MRSA-colonized, hydroxyurea-induced leg ulcer with honey. Journal of Dermatological Treatment [Internet]. 2009 [cited 30 September 2019];(1):33-36.
Fonte

8. Visavadia B, Honeysett J, Danford M. Manuka honey dressing: An effective treatment for chronic wound infections. British Journal of Oral and Maxillofacial Sugery [Internet]. 2008 [cited 30 September 2019];(1):55–56.
Fonte

9. Kamaratos A, Kamaratos A, Tzirogiannis K, Iraklianou S, Panoutsopoulos G, Kanellos I et al. Manuka honey‐impregnated dressings in the treatment of neuropathic diabetic foot ulcers [Internet]. Wiley Online Library. 2012 [cited 1 October 2019].
Fonte

10. Gethin G, Cowman S. Bacteriological changes in sloughy venous leg ulcers treated with manuka honey or hydrogel: an RCT | Journal of Wound Care [Internet]. Magonlinelibrary.com. 2013 [cited 1 October 2019].
Fonte

11. English H, Pack A, Molan P. The effects of manuka honey on plaque and gingivitis: a pilot study. [Internet]. Europepmc.org. 2019 [cited 1 October 2019].
Fonte

12. The Composition and Biological Activity of Honey: A Focus on Manuka Honey José M. Alvarez-Suarez, Massimiliano Gasparrini, Tamara Y. Forbes-Hernández, Luca Mazzoni, Francesca Giampieri Foods. 2014 Sep; 3(3): 420–432. Published online 2014 Jul 21.
Fonte

13. Fernandez-Cabezudo M, El-Kharrag R, Torab F, Bashir G, George J, El-Taji H et al. Intravenous Administration of Manuka Honey Inhibits Tumor Growth and Improves Host Survival When Used in Combination with Chemotherapy in a Melanoma Mouse Model [Internet]. PLOS ONE. 2013 [cited 1 October 2019].
Fonte

14. 15. R A Cooper K. Antibacterial activity of honey against strains of Staphylococcus aureus from infected wounds. [Internet]. PubMed Central (PMC). 1992 [cited 1 October 2019].
Fonte

15. 12. Prakash A, Medhi B, Avti P, Saikia U, Pandhi P, Khanduja K. Effect of different doses of Manuka honey in experimentally induced inflammatory bowel disease in rats [Internet]. Wiley Online Library. 2008 [cited 1 October 2019].
Fonte

16. Tonks A, Dudley E, Porter N, Parton J, Brazier J, Smith E et al. A 5.8‐kDa component of manuka honey stimulates immune cells via TLR4 [Internet]. Journal of Leukocyte biology. 2007 [cited 1 October 2019]
Fonte

17. In Vitro Investigation into the Potential Prebiotic Activity of Honey Oligosaccharides María Luz Sanz,†, Nikolaos Polemis,†, Valle Morales,§, Nieves Corzo,§, Alexandra Drakoularakou,†, Glenn R. Gibson,† and, and Robert A. Rastall*,† Journal of Agricultural and Food Chemistry 2005 53 (8), 2914-2921
Fonte

18. The Ministry for Primary Industries. Manuka Honey science definition [Internet]. [cited 1 October 2019].
Fonte

19. Mavric E, Wittmann S, Barth G, Henle T. Identification and quantification of methylglyoxal as the dominant antibacterial constituent of Manuka (Leptospermum scoparium) honeys from New Zealand [Internet]. Wiley Online Library. 2008 [cited 1 October 2019].
Fonte

20. Bonga J, Prijicab G, Braggins T, Schlothauera R, Stephens J. Announcement (ScienceDirect Article in Press). Assessing Writing. 2017;9(1):III-IV.
Fonte

21. Grading System Explained | UMF [Internet]. Umf.org.nz. 2019 [cited 1 October 2019].
Fonte

22. Willix D, Molan P, Harfoot C. A comparison of the sensitivity of wound‐infecting species of bacteria to the antibacterial activity of manuka honey and other honey [Internet]. Journal of Applied Bacteriology. 1992 [cited 1 October 2019].
Fonte

23. Gisbert J. Enfermedades relacionadas con la infección por Helicobacter pylori. Gastroenterología y Hepatología [Internet]. 2013 [cited 1 October 2019];(36):39-50.
Fonte

24. Fridkin S, D. M, Hageman J, S. M, Morrison M, H. M et al. Methicillin-Resistant Staphylococcus aureus Disease in Three Communities | NEJM [Internet]. New England Journal of Medicine. 2019 [cited 1 October 2019].
Fonte

25. Ojeda-Garcés J, Oviedo-García E, Salas L. Streptococcus mutans and dental caries [Internet]. Scielo.org.co. 2019 [cited 1 October 2019]. Available from:
Fonte

26. Corzo-Delgado J, Gómez-Mateosa J. Stenotrophomonas maltophilia, un patógeno nosocomial de importancia creciente [Internet]. El selvtier. 2006 [cited 1 October 2019].
Fonte

27. Chepulis L, Francis E. The glycaemic index of Manuka honey [Internet]. Pubag.nal.usda.gov. 2013 [cited 1 October 2019].
Fonte

28. al Somal, N, Coley, K, Molan P. Access NCBI through the World Wide Web (WWW). Molecular Biotechnology [Internet]. 1995;3(1):75-75.
Fonte

29. Prathibha A. Nayak R. Effect of Manuka honey, chlorhexidine gluconate and xylitol on the clinical levels of dental plaque [Internet]. PubMed Central (PMC). 2019 [cited 1 October 2019].
Fonte

30. Wallace A e. Demonstrating the safety of manuka honey UMF 20+in a human clinical trial with healthy individuals. - PubMed - NCBI [Internet]. Pubmed. 2010 [cited 1 October 2019].
Fonte

31. narvaez J, Niembro J, CASTRO A, Fiter M, farfan i, Cedeño L et al. MIEL DE MANUKA | El Elemento Natural MILAGROSO!. [Internet]. Miel de Manuka. 2019 [cited 1 October 2019].
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo del sito web scientifico
Stephens J, Greenwood D, Fearnley L, Bong J, Schlothauer R, Loomes K. [Internet]. 2019 [cited 30 September 2019].
Vai alla fonte
Articolo del sito web scientifico
Yao L, Thomás-Barberán F, Ferreres F, Martos I, Singanunsong R. [Internet]. 2019 [cited 30 September 2019].
Vai alla fonte
Articolo del sito web scientifico
Ball D. The Chemical Composition of Honey. [Internet]. American Chemical Society, ACS; 2007 [cited 30 September 2019].
Vai alla fonte
Libro scientifico
Patel S, Cichello S. Natural Products and Bioprospecting [Internet]. 4th ed. 2013 [cited 30 September 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico di Pubmed central PMC
Alvarez J, Gasparrini M, Forbes-Hernández T, Mazzoni L, Giampieri F. The Composition and Biological Activity of Honey: A Focus on Manuka Honey [Internet]. US National Library of Medicine National Institutes of Health. 2019 [cited 30 September 2019].
Vai alla fonte
Articolo di libro scientifico
S. Kwakman P, de Boer L, Ruyter-Spira C, Creemers-Molenaar T, G. Helsper J, E. Vandenbroucke-Grauls C et al. European Journal of Clinical Microbiology & Infectious Diseases [Internet]. 2nd ed. 2011 [cited 30 September 2019]. Available from:
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Natarajan S, Williamson D, Grey J, Harding K, Cooper R. Healing of an MRSA-colonized, hydroxyurea-induced leg ulcer with honey. Journal of Dermatological Treatment [Internet]. 2009 [cited 30 September 2019];(1):33-36.
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Visavadia B, Honeysett J, Danford M. Manuka honey dressing: An effective treatment for chronic wound infections. British Journal of Oral and Maxillofacial Sugery [Internet]. 2008 [cited 30 September 2019];(1):55–56.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Kamaratos A, Kamaratos A, Tzirogiannis K, Iraklianou S, Panoutsopoulos G, Kanellos I et al. Manuka honey‐impregnated dressings in the treatment of neuropathic diabetic foot ulcers [Internet]. Wiley Online Library. 2012 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Gethin G, Cowman S. Bacteriological changes in sloughy venous leg ulcers treated with manuka honey or hydrogel: an RCT | Journal of Wound Care [Internet]. Magonlinelibrary.com. 2013 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
English H, Pack A, Molan P. The effects of manuka honey on plaque and gingivitis: a pilot study. [Internet]. Europepmc.org. 2019 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
The Composition and Biological Activity of Honey: A Focus on Manuka Honey José M. Alvarez-Suarez, Massimiliano Gasparrini, Tamara Y. Forbes-Hernández, Luca Mazzoni, Francesca Giampieri Foods. 2014 Sep; 3(3): 420–432. Published online 2014 Jul 21.
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Fernandez-Cabezudo M, El-Kharrag R, Torab F, Bashir G, George J, El-Taji H et al. Intravenous Administration of Manuka Honey Inhibits Tumor Growth and Improves Host Survival When Used in Combination with Chemotherapy in a Melanoma Mouse Model [Internet]. PLOS ONE. 2013 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
15. R A Cooper K. Antibacterial activity of honey against strains of Staphylococcus aureus from infected wounds. [Internet]. PubMed Central (PMC). 1992 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
12. Prakash A, Medhi B, Avti P, Saikia U, Pandhi P, Khanduja K. Effect of different doses of Manuka honey in experimentally induced inflammatory bowel disease in rats [Internet]. Wiley Online Library. 2008 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Tonks A, Dudley E, Porter N, Parton J, Brazier J, Smith E et al. A 5.8‐kDa component of manuka honey stimulates immune cells via TLR4 [Internet]. Journal of Leukocyte biology. 2007 [cited 1 October 2019]
Vai alla fonte
Articolo scientifico
In Vitro Investigation into the Potential Prebiotic Activity of Honey Oligosaccharides María Luz Sanz,†, Nikolaos Polemis,†, Valle Morales,§, Nieves Corzo,§, Alexandra Drakoularakou,†, Glenn R. Gibson,† and, and Robert A. Rastall*,† Journal of Agricultural and Food Chemistry 2005 53 (8), 2914-2921
Vai alla fonte
Infografiche
The Ministry for Primary Industries. Manuka Honey science definition [Internet]. [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Mavric E, Wittmann S, Barth G, Henle T. Identification and quantification of methylglyoxal as the dominant antibacterial constituent of Manuka (Leptospermum scoparium) honeys from New Zealand [Internet]. Wiley Online Library. 2008 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Bonga J, Prijicab G, Braggins T, Schlothauera R, Stephens J. Announcement (ScienceDirect Article in Press). Assessing Writing. 2017;9(1):III-IV.
Vai alla fonte
Sito web dello studio del miele
Grading System Explained | UMF [Internet]. Umf.org.nz. 2019 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di libro scientifico
Willix D, Molan P, Harfoot C. A comparison of the sensitivity of wound‐infecting species of bacteria to the antibacterial activity of manuka honey and other honey [Internet]. Journal of Applied Bacteriology. 1992 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Gisbert J. Enfermedades relacionadas con la infección por Helicobacter pylori. Gastroenterología y Hepatología [Internet]. 2013 [cited 1 October 2019];(36):39-50.
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
Fridkin S, D. M, Hageman J, S. M, Morrison M, H. M et al. Methicillin-Resistant Staphylococcus aureus Disease in Three Communities | NEJM [Internet]. New England Journal of Medicine. 2019 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo sulla salute dei denti
Ojeda-Garcés J, Oviedo-García E, Salas L. Streptococcus mutans and dental caries [Internet]. Scielo.org.co. 2019 [cited 1 October 2019]. Available from:
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Corzo-Delgado J, Gómez-Mateosa J. Stenotrophomonas maltophilia, un patógeno nosocomial de importancia creciente [Internet]. El selvtier. 2006 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Chepulis L, Francis E. The glycaemic index of Manuka honey [Internet]. Pubag.nal.usda.gov. 2013 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
al Somal, N, Coley, K, Molan P. Access NCBI through the World Wide Web (WWW). Molecular Biotechnology [Internet]. 1995;3(1):75-75.
Vai alla fonte
Articolo scientifico PMC
Prathibha A. Nayak R. Effect of Manuka honey, chlorhexidine gluconate and xylitol on the clinical levels of dental plaque [Internet]. PubMed Central (PMC). 2019 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo scientifico da Pubmed
Wallace A e. Demonstrating the safety of manuka honey UMF 20+in a human clinical trial with healthy individuals. - PubMed - NCBI [Internet]. Pubmed. 2010 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Articolo di rivista scientifica
narvaez J, Niembro J, CASTRO A, Fiter M, farfan i, Cedeño L et al. MIEL DE MANUKA | El Elemento Natural MILAGROSO!. [Internet]. Miel de Manuka. 2019 [cited 1 October 2019].
Vai alla fonte
Recensioni