Ultimo aggiornamento: 08/10/2021

Il nostro metodo

20Prodotti analizzati

42Ore impiegate

10Studi valutati

90Commenti raccolti

I papaveri della California sono per lo più conosciuti in Europa come piante ornamentali che molti hanno in fiore nei loro giardini. Tuttavia, le piante hanno anche un effetto curativo che è stato scoperto dai nativi americani. Si dice che rilassi, calmi e aiuti con disturbi come i problemi ad addormentarsi, lo stress e i disturbi d’ansia.

Nel test del papavero della California 2021 ti spiegheremo cos’è in realtà il papavero della California, come usarlo correttamente e cosa cercare quando lo acquisti. Ti spiegheremo anche come funzionano i papaveri della California e ti mostreremo i risultati più importanti che i ricercatori hanno scoperto nei loro studi sulla pianta medicinale.

Sommario

  • Il papavero della California, chiamato anche papavero d’oro è il fiore di stato della California. È noto per le sue proprietà curative e calmanti e veniva usato per questo scopo dai nativi americani.
  • I papaveri della California possono aiutarti con l’inquietudine interiore, lo stress e i disturbi d’ansia. Il papavero californiano è anche un buon aiuto per addormentarsi.
  • I papaveri della California sono disponibili in varie forme, come gocce, capsule, tabacco e tè. Con tutti loro, dovresti sempre seguire il dosaggio dato.

Papavero della California: la nostra raccomandazione dei migliori prodotti

Criteri di acquisto e valutazione dei papaveri della California

Quando acquisti i papaveri della California, puoi prestare attenzione a vari aspetti, come

Di seguito spieghiamo cosa significano esattamente questi criteri. Questo ti aiuterà a fare la scelta giusta quando acquisti un prodotto a base di papavero della California.

Forma di papavero

Puoi comprare i semi di papavero della California in diverse forme e dosaggi. C’è il papavero in polvere sotto forma di capsule, compresso sotto forma di compresse, liquido sotto forma di tè, gocce o tintura e come tabacco da fumare.

Quindi ci sono diversi tipi di prodotti tra cui scegliere.

Tutto dipende dalle tue preferenze e da come ti piace usare i prodotti. Tutti i tipi possono aiutarti allo stesso modo.

I prodotti sono spesso disponibili in diverse dosi. A seconda di ciò che vuoi trattare con il papavero della California, dovresti scegliere il dosaggio appropriato.

È meglio iniziare con un basso dosaggio e aumentare se non è abbastanza efficace. Tuttavia, non usare più prodotto di quanto indicato sulla confezione.

Qualità

Dovresti assolutamente cercare la qualità quando acquisti il tuo prodotto papavero californiano. Puoi riconoscerlo dai sigilli di qualità e dai sigilli biologici. Il prodotto dovrebbe essere puro e privo di additivi, sostanze chimiche e zucchero.

Il papavero californiano deve essere selezionato con cura e devono essere mantenuti standard elevati durante la coltivazione e la lavorazione. Fai attenzione alle informazioni fornite dal produttore su questi punti.

Contenuto di alcol

Alcuni prodotti contenenti semi di papavero della California contengono anche alcol. Questo è spesso il caso delle tinture. Le tinture sono tradizionalmente fatte con l’alcol. Al giorno d’oggi, tuttavia, ci sono metodi per rimuovere e abbassare il contenuto di alcol.

I prodotti a base di papavero californiano con alcol non sono di per sé peggiori di quelli senza. Tuttavia, dovresti essere consapevole in anticipo se non ti dispiace assumere alcolici allo stesso tempo.

Miscelazione con altri prodotti

I prodotti a base di semi di papavero della California possono essere venduti come prodotti puri a base di semi di papavero o possono contenere altre sostanze che hanno anche effetti calmanti.

Altre piante possono essere aggiunte alle capsule o alle gocce finite, come la valeriana, la passiflora o i fiori di tiglio.

Queste tre sostanze sono anche piante medicinali conosciute per i loro effetti calmanti e ansiolitici. In combinazione, le sostanze a base di erbe lavorano particolarmente bene insieme e possono quindi aiutarti con i tuoi disturbi.

Guida: Domande che dovresti farti prima di comprare i papaveri della California

Per informarti su tutti gli aspetti importanti dei papaveri della California, abbiamo raccolto le domande più importanti nella seguente sezione. Abbiamo ricercato e raccolto gli effetti più importanti, gli effetti collaterali e le informazioni degne di nota per te attraverso gli studi.

Cos’è il papavero della California e come funziona?

Il papavero della California, conosciuto anche come Eschscholzia californica o papavero d’oro, è una pianta che cresce soprattutto in California, dove è considerato il fiore di stato. Era già usata come pianta medicinale dai nativi americani ed è ancora usata oggi per trattare una serie di disturbi.

Il papavero contiene alcaloidi che si trovano solo in questa pianta. Gli alcaloidi sono composti organici che agiscono sull’organismo umano. Lavorano con i recettori GABAA, che si trovano nel cervello (1).

Presentiamo qui gli effetti più importanti del papavero californiano.

Effetto calmante

Il papavero della California è noto per il suo effetto calmante e rilassante. Questo è stato anche confermato dai ricercatori in uno studio sui topi.

A questi sono stati somministrati da 100 a 200 mg/kg di papavero della California e poi osservati in vari test. I test hanno confermato l’effetto rilassante, che può aiutare con la sensazione di irrequietezza interiore e lo stress. (2) .

Problemi ad addormentarsi

Se hai problemi a dormire, anche i papaveri della California possono aiutarti. Secondo un rapporto dell’Agenzia Europea del Farmaco, i prodotti contenenti papaveri della California possono avere un effetto soporifero e sono una soluzione raccomandata per migliorare i tuoi problemi di sonno. (3)

Disturbi d’ansia

Uno studio ha esaminato l’efficacia dei papaveri della California in combinazione con la pianta del biancospino, contro i disturbi d’ansia da lievi a moderati.

I ricercatori hanno scoperto che i disturbi d’ansia autovalutati dai pazienti, così come l’ansia misurata con la Scala Hamilton, sono diminuiti quando hanno preso il farmaco (4).

So California poppy può aiutarti se provi ansia e hai paure frequenti, come attacchi di panico o

ansia sociale.

Quando e per chi è utile prendere i papaveri della California?

I papaveri della California possono aiutarti a calmarti, a rilassarti e ad addormentarti. Quindi puoi prendere i prodotti a base di papavero della California se ti senti molto ansioso, hai disturbi d’ansia o hai problemi a dormire.

Kalifornischer Mohn

Uno studio ha esaminato l’efficacia dei papaveri della California in combinazione con la pianta del biancospino, contro i disturbi d’ansia da lievi a moderati.(Fonte immagine: Anette Meyer / Pixabay)

I papaveri della California possono anche aiutarti con i dolori lievi. I prodotti con semi di papavero sono puramente a base di erbe e quindi non hanno gli effetti collaterali che spesso hanno le medicine chimiche. Ecco perché i papaveri della California sono una buona alternativa che puoi prendere al posto dei sonniferi, per esempio.

Quali sono i possibili effetti collaterali dei papaveri della California?

Gli studi non sono completamente d’accordo sugli effetti

collaterali. È difficile dire quali effetti collaterali, se ce ne sono, possono verificarsi. Si dice spesso che il papavero della California non ha effetti collaterali (5).

Il papavero della California è sicuro finché non si supera la dose raccomandata.

Altri articoli parlano di disturbi digestivi e dell’umore. Inoltre, possono verificarsi reazioni cutanee o iperattività (4). Secondo uno studio, queste possono verificarsi più frequentemente con prodotti che contengono alcol che con prodotti senza (6).

In generale, comunque, si può dire che il papavero californiano è innocuo finché ci si attiene al dosaggio indicato dal produttore. Dovresti sempre seguire le istruzioni del produttore.

Quali tipi di papavero della California esistono?

I prodotti a base di semi di papavero della California sono disponibili in diverse forme. Devi scegliere tra forme solide e liquide.

Le forme più comuni includono

  • Capsule
  • Gocce

Di seguito ti mostriamo i vantaggi e gli svantaggi delle diverse forme. Questo ti aiuterà a prendere una decisione informata.

Capsule

Molti prodotti contenenti semi di papavero californiano sono disponibili in forma di capsule. I semi di papavero vengono polverizzati e riempiti in capsule.

Questa forma di ingestione è molto pratica. Puoi semplicemente ingoiare le capsule con un po’ d’acqua. Sono facili da dosare con precisione. Tuttavia, è più difficile regolare esattamente il dosaggio. Puoi prendere più o meno capsule. Ma non puoi cambiare la quantità di una capsula.

Vantaggi
  • Comodo da usare
  • dosaggio facile e preciso

Svantaggi
  • Leggermente più costoso di altre forme
  • dosaggio più difficile da regolare

Lo svantaggio delle capsule è che di solito sono un po’ più costose di altri prodotti con semi di papavero californiano.

Inoltre, le capsule spesso non sono composte solo da papavero californiano, ma hanno altre piante mescolate, come la valeriana o la passiflora. Tuttavia, questo non deve essere necessariamente uno svantaggio. La combinazione con altre piante medicinali può essere la soluzione giusta per te.

Drops

Drops sono un altro modo in cui puoi prendere il papavero della California. Le gocce sono di solito un po’ più economiche delle capsule e sono anche facili da prendere. Puoi semplicemente aggiungere la quantità specificata dal produttore in un bicchiere d’acqua e berlo.

Vantaggi
  • Un po” più economico
  • Facile da usare
  • Dosaggio facilmente regolabile

Svantaggi
  • Dosaggio un po” meno preciso

Lo svantaggio delle gocce è che il dosaggio è un po’ meno preciso che con le capsule. Tuttavia, puoi regolare il dosaggio più facilmente. All’inizio è bene prendere solo poche gocce. Poi puoi vedere che effetto hanno su di te e aggiustare la dose se necessario.

Tea

Il papavero della California è disponibile anche sotto forma di tè. È facile da preparare e il suo calore può avere un ulteriore effetto calmante su di te. Può aiutarti a dormire meglio e ad abbassare i tuoi livelli di stress.

Vantaggi
  • Facile da usare
  • il calore aumenta l”effetto calmante

Svantaggi
  • La preparazione richiede più tempo

Lo svantaggio del tè è che deve essere preparato prima, quindi devi passare un po’ più tempo a prendere il prodotto. Ingoiare una capsula, per esempio, è più veloce.

Cosa devo tenere a mente quando uso i semi di papavero della California?

Quando usi i semi di papavero della California, dovresti guardare il dosaggio indicato dal produttore.

È utile iniziare con un piccolo dosaggio e vedere come funziona per te. A seconda che questa quantità ti abbia già aiutato o meno, puoi poi aggiustare il dosaggio.

In nessun caso dovresti superare la dose giornaliera indicata dal produttore. Questo può avere effetti negativi su di te, poiché i papaveri della California possono essere tossici per gli esseri umani in quantità elevate.

Non dovresti prendere i semi di papavero della California se guidi una macchina o se utilizzi macchinari.

In alcune situazioni, dovresti evitare di prendere il papavero della California. Poiché può avere un effetto sonnolento e sedativo su di te, non dovresti prendere i papaveri della California prima di guidare o di utilizzare altri macchinari che richiedono molta concentrazione.

Inoltre non è consigliabile usare i papaveri californiani se sei incinta o stai allattando, dato che non ci sono abbastanza ricerche per confermare che è sicuro per te assumerli in questo stato (3).

È anche importante essere consapevoli di quali altri farmaci stai prendendo. Se stai prendendo altri tranquillanti, specialmente sedativi come le benzodiazepine, dovresti evitare di usare i papaveri della California (7).

Altrimenti, è consigliabile discutere l’uso con il tuo medico in anticipo in modo che non ci siano interazioni con i tuoi altri farmaci.

Quali sono le alternative ai semi di papavero della California?

Se non ti piacciono i semi di papavero della California, ci sono altri prodotti che puoi usare come alternative. I prodotti alternativi possono anche aiutarti a dormire e a calmarti. Ecco alcuni dei prodotti.

Alternativa Descrizione
CBD Il CBD è un rimedio erboristico estratto dalla pianta di canapa. Ha un effetto calmante e può anche aiutare con problemi di addormentamento e disturbi d’ansia (8). Il CBD non crea dipendenza e ha solo effetti collaterali molto lievi, che si verificano raramente (9).
Valeriana La valeriana è conosciuta come una pianta curativa che ha anche un effetto calmante e soporifero sulle persone (10). Anche la valeriana non crea dipendenza, ma può causare lievi effetti collaterali.
Sonniferi I sonniferi sono un’alternativa non vegetale che può aiutarti ad addormentarti. Lo svantaggio è che a differenza delle alternative a base di erbe, i sonniferi possono creare dipendenza e causare più effetti collaterali.

A seconda dei tuoi sintomi, anche le alternative possono aiutarti con i tuoi problemi. Tutti e tre hanno un effetto calmante e aiutano a ridurre lo stress, l’irrequietezza interiore e i problemi ad addormentarsi.

Il papavero della California è velenoso?

Il papavero della California è una pianta velenosa. È stata anche nominata pianta velenosa dell’anno nel 2016. In forma pura e in dosi elevate, tutte le parti della pianta sono quindi pericolose per gli esseri umani.

Kalifornischer Mohn

Il papavero della California è una pianta velenosa. Pertanto, non dovresti superare il dosaggio raccomandato. (Fonte immagine: Anette Meyer / Pixabay)

Tuttavia, in piccole dosi e in forma elaborata, il papavero della California è innocuo per gli esseri umani e può quindi diffondere il suo effetto curativo. Tuttavia, fai attenzione a non consumare i prodotti con papavero californiano in quantità troppo elevate e tienili lontani da bambini e animali.

Fonte dell’immagine: Yoder / 123rf

Riferimenti (10)

1. Milan Fedurco, Jana Gregorová, Kristýna Šebrlová, Jana Kantorová , Ondřej Peš, Roland Baur, Erwin Sigel, Eva Táborská (2015): Modulatory Effects of Eschscholzia californica Alkaloids on Recombinant GABAA Receptors
Fonte

2. A Rolland, J Fleurentin, M C Lanhers, C Younos, R Misslin, F Mortier, J M Pelt (1991): Behavioural effects of the American traditional plant Eschscholzia californica: sedative and anxiolytic properties
Fonte

3. European Medicines Agency (2015): Assessment report on Eschscholzia californica Cham., herba
Fonte

4. Michel Hanus, Jacqueline Lafon, Marc Mathieu (2004): Double-blind, randomised, placebo-controlled study to evaluate the efficacy and safety of a fixed combination containing two plant extracts (Crataegus oxyacantha and Eschscholtzia californica) and magnesium in mild-to-moderate anxiety disorders
Fonte

5. Crischta Ganz (2017): Hausmittel für die Psyche: Vergessene Mittel aus der Hausapotheke und vom Wegesrand, Schweizerische Zeitschrift für Ganzheitsmedizin 2017;29:352–355, DOI: 10.1159/000484163
Fonte

6. Vamshi K Manda, Mohamed A Ibrahim, Olivia R Dale, Mallika Kumarihamy, Stephen J Cutler, Ikhlas A Khan, Larry A Walker, Ilias Muhammad, Shabana I Khan (2016): Modulation of CYPs, P-gp, and PXR by Eschscholzia californica (California Poppy) and Its Alkaloids
Fonte

7. A Rolland, J Fleurentin, M C Lanhers, R Misslin, F Mortier (2001): Neurophysiological effects of an extract of Eschscholzia californica Cham. (Papaveraceae)
Fonte

8. Antonio W Zuardi, Natália P Rodrigues, Angélica L Silva , Sandra A Bernardo, Jaime E C Hallak, Francisco S Guimarães, José A S Crippa (2017): Inverted U-Shaped Dose-Response Curve of the Anxiolytic Effect of Cannabidiol during Public Speaking in Real Life
Fonte

9. World Health Organization (2017): CANNABIDIOL (CBD) Pre-Review Report
Fonte

10. Maria Isabel Fernández-San-Martín, Roser Masa-Font, Laura Palacios-Soler, Pilar Sancho-Gómez, Cristina Calbó-Caldentey, Gemma Flores-Mateo (2010): Effectiveness of Valerian on insomnia: a meta-analysis of randomized placebo-controlled trials
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Wissenschaftliche Studie
Milan Fedurco, Jana Gregorová, Kristýna Šebrlová, Jana Kantorová , Ondřej Peš, Roland Baur, Erwin Sigel, Eva Táborská (2015): Modulatory Effects of Eschscholzia californica Alkaloids on Recombinant GABAA Receptors
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
A Rolland, J Fleurentin, M C Lanhers, C Younos, R Misslin, F Mortier, J M Pelt (1991): Behavioural effects of the American traditional plant Eschscholzia californica: sedative and anxiolytic properties
Vai alla fonte
Wissenschaftlicher Artikel
European Medicines Agency (2015): Assessment report on Eschscholzia californica Cham., herba
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
Michel Hanus, Jacqueline Lafon, Marc Mathieu (2004): Double-blind, randomised, placebo-controlled study to evaluate the efficacy and safety of a fixed combination containing two plant extracts (Crataegus oxyacantha and Eschscholtzia californica) and magnesium in mild-to-moderate anxiety disorders
Vai alla fonte
Wissenschaftlicher Artikel
Crischta Ganz (2017): Hausmittel für die Psyche: Vergessene Mittel aus der Hausapotheke und vom Wegesrand, Schweizerische Zeitschrift für Ganzheitsmedizin 2017;29:352–355, DOI: 10.1159/000484163
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
Vamshi K Manda, Mohamed A Ibrahim, Olivia R Dale, Mallika Kumarihamy, Stephen J Cutler, Ikhlas A Khan, Larry A Walker, Ilias Muhammad, Shabana I Khan (2016): Modulation of CYPs, P-gp, and PXR by Eschscholzia californica (California Poppy) and Its Alkaloids
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
A Rolland, J Fleurentin, M C Lanhers, R Misslin, F Mortier (2001): Neurophysiological effects of an extract of Eschscholzia californica Cham. (Papaveraceae)
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
Antonio W Zuardi, Natália P Rodrigues, Angélica L Silva , Sandra A Bernardo, Jaime E C Hallak, Francisco S Guimarães, José A S Crippa (2017): Inverted U-Shaped Dose-Response Curve of the Anxiolytic Effect of Cannabidiol during Public Speaking in Real Life
Vai alla fonte
Wissenschaftlicher Artikel
World Health Organization (2017): CANNABIDIOL (CBD) Pre-Review Report
Vai alla fonte
Wissenschaftliche Studie
Maria Isabel Fernández-San-Martín, Roser Masa-Font, Laura Palacios-Soler, Pilar Sancho-Gómez, Cristina Calbó-Caldentey, Gemma Flores-Mateo (2010): Effectiveness of Valerian on insomnia: a meta-analysis of randomized placebo-controlled trials
Vai alla fonte
Recensioni