Vitamina D neonati
Ultimo aggiornamento: 09/11/2020

Il nostro metodo

200Prodotti analizzati

10Ore impiegate

6Studi valutati

149Commenti raccolti

Vogliamo tutti che i nostri figli crescano sani e forti! Per realizzare questo “sogno”, dobbiamo diventare tutti “esperti” nell’alimentazione dei più piccoli, assicurandoci che la loro nutrizione sia completa e sana. Ma la sola alimentazione è sufficiente? Dobbiamo dare qualche integratore alla nostra prole?

La vitamina D è un nutriente essenziale per la crescita del nostro bambino. La sua carenza può influenzare seriamente e negativamente il suo sviluppo, quindi molti esperti raccomandano l’integrazione con questa vitamina durante il primo anno di vita. Se vuoi saperne di più su questa peculiare molecola, continua a leggere!

Le cose più importanti in breve

  • La vitamina D consente alle ossa del bambino di utilizzare il calcio della dieta per crescere forti e sane.
  • Attualmente, l’integrazione di vitamina D è raccomandata per i bambini di età inferiore a un anno. Tuttavia, questo trattamento dovrebbe essere prescritto esclusivamente da un pediatra.
  • Possiamo prenderci cura dei livelli di vitamina D del nostro bambino sforzandoci di avere una gravidanza e un allattamento sani, facendo molta attenzione quando lo esponiamo al sole e utilizzando integratori di qualità solo su prescrizione medica.

Vitamina D neonati: la nostra selezione

Gli integratori di vitamina D per neonati devono essere prescritti e somministrati esclusivamente da pediatri. I nostri prodotti consigliati ti aiuteranno a capire meglio il motivo della necessità di un’integrazione e a prenderti cura del tuo bambino dentro e fuori lo studio del medico. Libri, diari e creme solari, lasciate che vi mostriamo il meglio di quello che potete trovare!

Il miglior libro per il primo soccorso pediatrico

L’integrazione con vitamina D lasciala al tuo pediatra. Ma per quanto riguarda il resto delle incognite che circondano la cura del tuo bambino? Se sei preoccupato per la salute di tuo figlio, questo libro risolverà tutti i tuoi dubbi.

Abbiamo scelto questo libro per il suo linguaggio semplice e preciso. Siamo sicuri che, molto presto, diventerà un manuale da tasca che tirerà fuori da “più di un guaio” neo mamme e papà.

La migliore crema solare per i bambini

Il sole è una fonte di vitamina D, ma anche di radiazioni che possono danneggiare la pelle del bambino. Per questo motivo, si consiglia ai piccoli di età superiore ai sei mesi di utilizzare la protezione solare durante i loro viaggi in città, al mare o in campagna.

Questa crema solare naturale di Acorelle è stata scelta dal nostro team. I suoi filtri fisici proteggeranno la pelle del bambino e, a differenza di altri prodotti simili, non lasceranno residui biancastri.

Il miglior portadocumenti pediatrico

Se il pediatra di tuo figlio ha prescritto un integratore di vitamina D, dovrai fare più controlli programmati per verificare l’efficacia del trattamento o aggiustarlo se necessario.

Per questo ti consigliamo di procurarti un pratico portadocumenti per tutti i rapporti del tuo bambino. I bordi arrotondati di questo articolo eviteranno che i tuoi documenti vengano danneggiati o spiegazzati. Inoltre, il suo design è bellissimo!

Tutto quello che devi sapere sulla vitamina D e i neonati

Le ossa di un bambino richiedono un apporto costante di vitamina D per crescere correttamente. Purtroppo, se la dieta dei più piccoli non fornisce loro una quantità sufficiente di questo nutriente, è possibile che la loro crescita si arresti e compaiano malformazioni. Per evitare questo problema, gli esperti consigliano l’integrazione con vitamina D.

Coppia con neonato in braccio

La vitamina D è necessaria per la crescita del nostro bambino. (Fonte: Yeulet: 124541771/ 123rf.com)

Cos’è la vitamina D e perché è così importante per il mio bambino?

La vitamina D è un nutriente fondamentale per la salute di neonati e adulti. Questa molecola ci permette di assorbire il calcio dall’alimentazione e di utilizzarlo per rafforzare le nostre ossa. Inoltre, interviene anche in centinaia di processi del nostro metabolismo, contribuendo al normale funzionamento del nostro cuore, del nostro cervello e delle nostre difese (1).

Il corpo dei neonati è in un costante processo di crescita e maturazione. Se vogliamo che le loro ossa diventino forti, dobbiamo assicurarci che i nostri figli ricevano tutta la vitamina D di cui hanno bisogno. Attualmente, si raccomanda che i bambini tra 0 e 12 mesi di età ricevano 400 Unità Internazionali (o 10 microgrammi) di vitamina D al giorno (2, 3).

In che modo una carenza di vitamina D può influire sul mio bambino?

Tieni gli occhi aperti! La carenza di vitamina D di solito all’inizio non dà sintomi. Tuttavia, se non rimediata, questa carenza impedirà alle ossa del nostro bambino di mineralizzarsi correttamente. Cioè, i minerali calcio e fosforo non possono essere depositati sullo scheletro, dando origine alla temibile malattia nota come rachitismo.

Nel rachitismo, le ossa dei bambini più piccoli diventano deboli e morbide. È molto più probabile che si rompano e non crescano correttamente. A lungo termine, questo disturbo può causare disagio e dolore alle ossa e alle articolazioni, con conseguenti difficoltà di movimento o una sincera disabilità fisica (4, 5).

Ma non temere! Fortunatamente, oggi i pediatri conoscono perfettamente questa malattia, il che ha permesso loro di implementare numerose strategie per la sua prevenzione, individuazione e trattamento. Se porti il ​​tuo piccolo a tutti i controlli programmati e segui i consigli dei professionisti, tieni a bada il rachitismo senza “accorgertene”.

Somministrazione di gocce.

La carenza di vitamina D può deformare le ossa di un bambino. (Fonte: Gefufna: 127864756/ 123rf.com)

Come posso evitare che il mio bambino soffra di carenza di vitamina D?

Secondo la Società Italiana di Pediatria (SIP) (3), I neonati fino a 12 mesi di età dovrebbero integrare con 400 Unità Internazionali (UI) di vitamina D al giorno per via orale. A partire da un anno di età, il nostro bambino dovrebbe essere in grado di mangiare prodotti ricchi di questa vitamina (pesce, uova, carne e latticini fortificati).

Lo sapevi che la nostra pelle (e quella del nostro piccolo) può “produrre” la propria vitamina D se esposta al sole? Tuttavia, questo modo di ottenere la vitamina D non soddisfa affatto i pediatri. Ed è che la radiazione solare può danneggiare la pelle delicata dei bambini, predisponendoli a soffrire di malattie gravi in ​​età adulta (come il melanoma) (2).

Per questo motivo, non è consigliabile che i bambini di età inferiore a un anno siano esposti direttamente al sole. L’integrazione sarà il modo più efficace per evitare qualsiasi carenza di vitamina D, a condizione che tu usi questi prodotti seguendo rigorosamente le istruzioni del tuo pediatra.

Lucía Galán BertrandSpecialista in Pediatria (Alicante)

“Ricorda che la somministrazione di vitamina D è consigliata durante il primo anno di vita per tutti i bambini dai primi giorni ai 12 mesi, sia che siano allattati al seno o allattati artificialmente, a meno che non assumano più di un litro al giorno di latte arricchito con vitamina D “.

Posso acquistare da solo un integratore di vitamina D da dare al mio bambino?

Assolutamente no! In questa guida, ti consigliamo di lasciare l’integrazione di vitamina D nelle mani del tuo pediatra. Non bisogna dimenticare che la “vitamina del sole” è un composto liposolubile, che si dissolve nel grasso alimentare e si integra nei tessuti del bambino. Un uso incauto potrebbe portare a pericolosi avvelenamenti.

Gli integratori di vitamina D possono causare coliche nei bambini (soprattutto se utilizzati a dosi più elevate di quelle raccomandate). In caso di somministrazione di dosi estremamente elevate (1000 UI o più) possono verificarsi pericolosi aumenti dei livelli di calcio o altri squilibri elettrolitici (2).

Per questo motivo, ti consigliamo di consultare sempre un professionista della salute prima di somministrare qualsiasi integratore a tuo figlio, compresi i prodotti con vitamina D.

Pediatra che pesa un neonato

I pediatri italiani raccomandano l’integrazione con vitamina D per i neonati. (Fonte: Popov: 60368630/ 123rf.com)

Vitamina D neonati: i nostri consigli

Se sei una neomamma o un neopapà, potresti avere dei dubbi quando si tratta di prevenire una carenza di vitamine nel tuo bambino. Non preoccuparti! Nelle righe seguenti troverai una serie di consigli che ti aiuteranno a mantenere il tuo bambino sano e con riserve ottimali di vitamina D.

Prenditi cura del tuo bambino dalla gravidanza

Sapevi che il benessere della futura mamma è fondamentale per il bambino? Infatti, alcuni esperti di salute ritengono che migliorare i livelli di vitamina D delle donne in gravidanza o in allattamento potrebbe rafforzare le riserve dei più piccoli (2). Non trascurare la tua salute (o quella del tuo partner) durante la gravidanza e l’allattamento.

Ti consigliamo di discutere con il tuo medico o ostetrica di fiducia la possibilità di misurare i livelli di vitamina D della futura mamma. Se questi valori sono troppo bassi, parlare della necessità di utilizzare un integratore speciale per le donne incinte o che allattano. La tua salute e quella del tuo piccolo ti ringrazieranno!

Donna con il bambino sul letto

Se il tuo bambino beve latte artificiale, controlla con il tuo pediatra se è necessaria l’integrazione con vitamina D. (Fonte: Ozerova: 46423478/ 123rf.com)

Affidati al tuo pediatra

Un buon rapporto con il tuo pediatra andrà a beneficio di tutta la famiglia. Questo professionista si occuperà di prescrivere un integratore di vitamina D per il tuo piccolo, aggiustandone la dose in base alla sua dieta e alle sue particolari caratteristiche (come malattie o trattamenti farmacologici che possono aumentare le sue esigenze).

L’importanza della protezione solare

Stai pensando di portare il tuo piccolo a fare una passeggiata? In tal caso, ricorda che mentre il sole può aiutare tuo figlio a creare la propria vitamina D, può anche danneggiare la sua pelle delicata:

  • I bambini di età inferiore a sei mesi non dovrebbero essere esposti direttamente al sole (ad esempio, andando in spiaggia). La loro pelle è molto delicata e la protezione solare potrebbe irritarla, quindi il suo utilizzo è sconsigliato. Se li portiamo a fare una passeggiata, devono essere protetti con cappelli e vestiti.
  • I bambini con più di sei mesi possono giocare al sole, purché evitino le ore di massima intensità solare (mezzogiorno), proteggano la pelle con creme solari e siano sorvegliati dai genitori.

Per i più piccoli si consiglia di utilizzare creme solari con filtri fisici (come il biossido di titanio) che “riflettono” i raggi del sole senza utilizzare prodotti chimici che possono causare irritazione. Nella tabella seguente puoi vedere le differenze tra i diversi tipi di crema solare (6):

Filtri fisici Filtri chimici
Contengono minerali (biossido di titanio o ossido di zinco) Utilizzano composti chimici (octocrylene, avobenzone, ossibenzone e altri)
La radiazione solare “rimbalza” e viene respinta Assorbono e neutralizzano le radiazioni solari
Meno resistenti all’acqua, vanno riapplicate spesso Resistenti all’acqua
Lasciano un tono biancastro sulla pelle Più “estetici” (nessun aspetto biancastro) e più facili da applicare
Possono essere utilizzati nei bambini (di età superiore a 6 mesi) Non sono raccomandati per l’uso nei bambini di età inferiore a tre anni

Non trascurare l’alimentazione

Progetta la dieta del tuo bambino con molta attenzione (e preferibilmente con l’aiuto di un esperto di nutrizione pediatrica). Una volta che inizi a includere nella tua dieta cibi ricchi di vitamina D (come più di un litro al giorno di latte, pesce, carne o cereali arricchiti) ti consigliamo di consultare il tuo pediatra prima di continuare ad usare gli integratori.

Pediatra con orecchie da coniglio.

Troppa vitamina D nei bambini potrebbe diventare tossica. (Fonte: Nejron: 122011708/ 123rf.com)

Usa integratori di qualità

Non tutti gli integratori sono uguali! In generale, il medico prescriverà un prodotto speciale per uso pediatrico per il tuo bambino. Non utilizzare articoli di dubbia provenienza e ricorda che gli integratori di vitamina D per neonati devono avere una serie di caratteristiche per essere sicuri ed efficaci (2):

  • Etichettatura e foglietto illustrativo: l’integratore di vitamina D per neonati deve essere etichettato e identificato correttamente e contenere un foglietto leggibile in perfetto italiano.
  • Contenitore: generalmente, gli integratori di vitamina D per i bambini vengono somministrati in forma liquida. Devono contenere un contagocce che non consenta di superare la dose raccomandata di 400 UI di vitamina D, per evitare possibili avvelenamenti.
  • Forma di somministrazione: le gocce di vitamina D verranno somministrate direttamente nella bocca del bambino, assicurandosi che non sputi il supplemento.
  • Data di scadenza: l’integratore di vitamina D per neonati dovrebbe indicare chiaramente la sua data di scadenza. Non utilizzare il prodotto se è scaduto, poiché non è possibile garantirne l’efficacia.
Armando BastidaInfermiere Pediatrico Specialista (Terrassa)

“C’è un numero molto elevato di bambini con carenza di vitamina D in tutto il paese (tra il 40 e il 60% circa)”.

Conclusioni

La vitamina D è uno dei nutrienti più importanti per il tuo bambino. Questo importante nutriente consentirà alle ossa del tuo piccolo di crescere forti e sane, quindi dovresti fare uno sforzo per fornirgli una quantità adeguata di questa vitamina. In caso contrario, la loro salute potrebbe risentirne e la loro crescita arrestarsi, portando a malattie come il rachitismo.

Per prevenire la comparsa di questa pericolosa carenza, gli esperti raccomandano l’uso di integratori di vitamina D nei bambini di età inferiore a un anno. Ricorda che questi prodotti devono essere costantemente prescritti e adeguati da un pediatra. Se segui le loro istruzioni, il tuo bambino crescerà sano, felice e con fantastiche riserve di vitamina D!

Se grazie a questo articolo hai imparato qualcosa di più sulla vitamina D e sulla sua importanza per i neonati, lascia un commento e condividilo attraverso i tuoi social network.

(Fonte dell’immagine in evidenza: Naumenko: 90945109/ 123rf.com)

Riferimenti (6)

1. Senan Sanz MR, Gilaberte Calzada Y, Olona Tabueña N, Magallón Botaya R. Conocimientos acerca de la vitamina D y hábitos de prevención de su déficit en las consultas de atención primaria. Semer – Med Fam [Internet]. 2014 Jan 1;40(1):18–26.
Fonte

2. Martínez Suárez V, Moreno Villares JM, Dalmau Serra J. Recomendaciones de ingesta de calcio y vitamina D: posicionamiento del Comité de Nutrición de la Asociación Española de Pediatría. An Pediatr [Internet]. 2012 Jul 1;77(1):57.e1-57.e8.
Fonte

3. Società Italiana di Pediatria (SIP) e Società Italiana di Pediatria Preventiva e sociale (SIPPS) presentano la prima Consensus sulla vitamina D (10 dicembre 2015):
Fonte

4. de la Calle Cabrera T. Raquitismo carencial. Raquitismos resistentes. Pediatr Integr [Internet]. 2015;19(7):477–87.
Fonte

5. Riancho JA. Osteomalacia y raquitismo. Rev Esp Enfermedades Metab Oseas [Internet]. 2004;13(4):77–9.
Fonte

6. Latha MS, Martis J, Shobha V, Shinde RS, Bangera S, Krishnankutty B, et al. Sunscreening agents: A review [Internet]. Vol. 6, Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology. Matrix Medical Communications; 2013.p. 16–26.
Fonte

Perché puoi fidarti di me?

Articolo scientifico
Senan Sanz MR, Gilaberte Calzada Y, Olona Tabueña N, Magallón Botaya R. Conocimientos acerca de la vitamina D y hábitos de prevención de su déficit en las consultas de atención primaria. Semer – Med Fam [Internet]. 2014 Jan 1;40(1):18–26.
Vai alla fonte
Raccomandazioni ufficiali SIP
Martínez Suárez V, Moreno Villares JM, Dalmau Serra J. Recomendaciones de ingesta de calcio y vitamina D: posicionamiento del Comité de Nutrición de la Asociación Española de Pediatría. An Pediatr [Internet]. 2012 Jul 1;77(1):57.e1-57.e8.
Vai alla fonte
Comunicato ufficiale
Società Italiana di Pediatria (SIP) e Società Italiana di Pediatria Preventiva e sociale (SIPPS) presentano la prima Consensus sulla vitamina D (10 dicembre 2015):
Vai alla fonte
Articolo scientifico
de la Calle Cabrera T. Raquitismo carencial. Raquitismos resistentes. Pediatr Integr [Internet]. 2015;19(7):477–87.
Vai alla fonte
Rivista medica
Riancho JA. Osteomalacia y raquitismo. Rev Esp Enfermedades Metab Oseas [Internet]. 2004;13(4):77–9.
Vai alla fonte
Articolo scientifico
Latha MS, Martis J, Shobha V, Shinde RS, Bangera S, Krishnankutty B, et al. Sunscreening agents: A review [Internet]. Vol. 6, Journal of Clinical and Aesthetic Dermatology. Matrix Medical Communications; 2013.p. 16–26.
Vai alla fonte