vitamina-d3-k2-principale-xcyp1

Se sei capitato su questa guida, probabilmente stai cercando informazioni sulla combinazione vitamina D3 e K2, sempre più discussa tra chi si occupa di integrazione alimentare. Sebbene la vitamina D3 sia di grande beneficio per la salute di ossa e tessuti, un suo continuo consumo può indebolire la salute dei vasi sanguigni a medio e lungo termine.

Una vitamina fino ad ora sottovalutata, il menachinone o K2, sembra essere in grado di aumentare gli effetti benefici della vitamina D3 proteggendo dai suoi effetti più dannosi. Pensi che sia troppo bello per essere vero? Continua a leggere per saperne di più su questa potente combinazione di vitamine!

Contenuto

Le cose più importanti in breve

  • La vitamina D3 o colecalciferolo è una forma di vitamina D presente negli alimenti di origine animale. È anche sintetizzata dall’esposizione alla luce solare.
  • Alcuni studi hanno collegato il consumo eccessivo di integratori di vitamina D con un deposito di calcio nei vasi sanguigni che può essere dannoso per la salute.
  • La vitamina K2, finora riconosciuta solo come un elemento essenziale per la coagulazione, può prevenire la calcificazione arteriosa e aumentare la sicurezza degli integratori di vitamina D3.

I migliori integratori di vitamina D3 e K2 sul mercato: la nostra selezione

Ultimamente si trovano sempre più integratori di vitamina D3 e K2, il che può rendere difficile trovare il prodotto perfetto. In questa guida abbiamo cercato di selezionare i migliori articoli di vitamina D3 e K2 di quest’anno. La classifica che trovi qui di seguito contiene cinque ottimi integratori in termini di efficacia, sicurezza e rapporto qualità-prezzo.

Now Foods (120 capsule)

120 pastiglie di vitamina D3/K2 da 1.000 IU e 45 mcg l’una, oltre a 3 mg di vitamina C. Il produttore consiglia di assumere 1 o 2 compresse al giorno ai pasti, quindi questa è una scorta di 2/4 mesi. Non realizzato con grano, glutine, soia, latte, uova, pesce o crostacei, ma prodotto in uno stabilimento che elabora altri ingredienti che contengono questi allergeni.

Indubbiamente il rapporto qualità-prezzo è ottimo. il dosaggio è più che consigliato dagli utilizzatori e alcuni testimoniano un aumento dei livelli di vitamina D riscontrabile tramite le analisi del sangue. Altri invece riportano di aver provato maggiore energia. Buono l’imballaggio e la durata della confezione.

NUTRI & CO Multivitaminico (90 capsule)

NUTRI & CO offre un mix di 27 composti bioattivi di cui 5 brevettati: questo mix include diverse vitamine, tra cui la vitamina D3 vegetale (1000 IU) e K2 (80 μg). Non contiene eccipienti, glutine, stearato di magnesio e OGM. Prodotto adatto a vegetariani e vegani, certificato ISO 22000, HACCP e BPF.

Il prodotto è ampiamente apprezzato per il suo rapporto qualità-prezzo e per la mancanza di elementi dannosi, allergizzanti o pro-ossidanti, come rame e ferro. Gli utenti affermano che l’articolo è efficace durante i cambi di stagione, dove sono frequenti mancanze nutritive. Molto elogiato è anche il servizio clienti, giudicato come disponibile e tempestivo.

SBR Nutrition (gocce sublinguali, 30ml)

SBR Nutrition offre delle gocce che combinano tra loro vitamine D3 (1400 IU) e K2 (25mcg) con una base liquida contenente olio MCT, che migliora il metabolismo e i livelli di energia. Al sapore di menta piperita, non contiene glutine, zucchero, lattosio, sale, lieviti, grano né riempitivi inutili. Il produttore offre la garanzia di rimborso per 90 giorni.

Gli utenti apprezzano l’efficacia del prodotto nel migliorare i parametri vitaminici rilevati in seguito ad analisi mediche, esaltano il rapporto qualità-prezzo e giudicano il gusto menta come leggero e piacevole. La via d’assunzione sublinguale è considerata molto pratica e poco invasiva. Alcuni recensori lo consigliano anche per combattere l’osteoporosi.

TUDIMO (200 capsule)

Confezione di 200 capsule contenenti vitamina D3 (400 IU) e K2 (80 mcg). La particolarità del prodotto risiede nella sua velocità di disgregazione: impiega solo 10 minuti, riducendo l’irritazione del tratto gastro-intestinale. Inoltre, per chi ha difficoltà ad ingerire pillole è prevista la possibilità di aprirle ed inserire il contenuto in polvere in una bevanda.

Gli utenti apprezzano il rapporto qualità-prezzo e la facilità di assunzione del prodotto, sia in capsule che in polvere. Alcuni recensori lo consigliano come aiuto nel trattamento di patologie come la psoriasi. Apprezzate sono le etichette che riportano i valori apportati dal consumo delle pillole.

Vegavero (formato spray, 25 ml)

Vegavero offre un integratore alimentare di vitamine D3 (800 UI) e K2 (75 mcg) di origine naturale in formato spray. Ad assorbimento immediato, consente di evitare il processo di deglutizione delle compresse. Progettato per durare 4 mesi, è consigliato uno spruzzo al giorno. Il prodotto è al gusto di mela verde ed è composto da ingredienti vegani e non artificiali certificati.

Alcuni utenti riferiscono di usare questo prodotto con successo con i loro bambini, che generalmente non accettano pastiglie. Apprezzata è la capacità di assorbimento, più immediata rispetto alle capsule. Viene elogiata la qualità dei componenti e l’efficacia nel trattare sintomi come la spossatezza. Il sapore di mela verde è giudicato come gradevole.

Guida all’acquisto: Tutto quello che devi sapere sulla combinazione di vitamina D3 e K2

La vitamina D è essenziale per il mantenimento della salute delle ossa, del cuore e del cervello. La sua forma più potente, la vitamina D3, stimola l’assorbimento del calcio dalla dieta. Allo stesso tempo, la vitamina K2 assicura che il minerale di calcio sia depositato nei posti giusti (ossa e denti).

vitamina-d3-k2-prima-xcyp1

La protezione solare è essenziale per proteggere la pelle dal foto-invecchiamento. Tuttavia, questa barriera impedirà la sintesi di vitamina D3 nella pelle. (Fonte: Maridav:19808581/ 123rf.com)

Cos’è la vitamina D3?

Una vitamina è una molecola essenziale per il benessere dell’organismo, che è necessaria in piccole quantità e non può essere sintetizzata dal corpo o da altri composti, quindi deve essere ingerita attraverso una dieta sana. Il suo nome deriva dalla combinazione della parola latina vita (vita) e ammina (composto organico).

La vitamina D è una molecola liposolubile (quindi solubile nei grassi). Sebbene ci siano fino a cinque tipi di questa vitamina, il corpo umano è in grado di riconoscerne solo due: vitamina D2 o ergocalciferolo e vitamina D3 o colecalciferolo. Quest’ultimo è più potente rispetto all’ergocalciferolo.

La vitamina D2 si trova nei cibi vegetali e in alcuni funghi, mentre l’assunzione di prodotti di origine animale aumenterà le riserve di vitamina D3. Anche l’esposizione solare, sorprendentemente, è in grado di promuovere la produzione di colecalciferolo, motivo per cui la D3 è nota come “vitamina del sole”.

Perché la vitamina D3 è considerata superiore alla vitamina D2?

Sia il colecalciferolo che l’ergocalciferolo sono forme inattive di vitamina D. Prima di poter esercitare le loro funzioni benefiche, entrambe le sostanze devono essere metabolizzate dal fegato e dai reni per dare origine alla forma attiva di questa vitamina: il calcitriolo. Pertanto, ciò che differenzia D3 e D2 è la loro origine:

  • La vitamina D2 o ergocalciferolo si trova in alcuni alimenti di origine vegetale, come in certi funghi in grado di produrla dopo l’esposizione alle radiazioni ultraviolette del sole.
  • La vitamina D3 o colecalciferolo abbonda in numerosi prodotti di origine animale, come il pesce azzurro, le uova e i latticini. È anche sintetizzata dalla pelle, dopo l’esposizione ai raggi solari UVB.

Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che la vitamina D3 produce una maggiore conversione al calcitriolo rispetto al suo analogo, la vitamina D2, essendo al 60% al momento di mantenere livelli di vitamina D stabili. Per questo motivo, il colecalciferolo è la forma preferita di vitamina D della maggior parte degli esperti nutrizionisti.

Sfortunatamente, gli integratori di vitamina D3 avranno nella maggior parte dei casi un qualche tipo di ingrediente animale (solitamente olio di pesce), quindi diventa molto importante per le persone vegane e vegetariane esporsi al sole mezz’ora al giorno se vogliono aumentare le loro riserve vitaminiche D3.

foco

Sapevi che il corpo è in grado di sintetizzare vitamina D3 dopo l’esposizione al sole? Ecco perché alcuni esperti preferiscono considerare questa sostanza un ormone anziché una vitamina.

Qual è la funzione della vitamina D3?

La vitamina D3 ottenuta attraverso l’assunzione di alimenti o grazie all’esposizione al sole entrerà nel flusso sanguigno. Lì, sarà metabolizzata dal fegato e dai reni nella sua forma attiva (calcitriolo), pronta per essere usata dal corpo quando necessario. Le sue funzioni più importanti sono riassunte nel seguente elenco:

  • Aumento dell’assorbimento intestinale del calcio
  • Controllo dei livelli di fosforo e calcio nei reni
  • Creazione di nuovo osso
  • Rinforzo dentale
  • Sostituzione del tessuto osseo deteriorato
  • Sviluppo della contrazione muscolare
  • Riduzione della pressione sanguigna
  • Controllo dell’infiammazione
  • Rafforzare l’immunità
  • Protezione del tessuto neuronale dall’invecchiamento
  • Regolazione dell’umore
  • Regolazione della produzione di ormoni (estrogeni e testosterone)
  • Controllo dell’appetito

Il 99% della vitamina D immagazzinata nel corpo sarà utilizzata per regolare i livelli di calcio nei tessuti. Il restante 1% fungerà da cofattore essenziale per la produzione di diversi processi essenziali per il benessere dell’organismo, come la regolazione del peso o lo sviluppo di muscoli forti.

vitamina-d3-k2-patè-xcyp1

Il paté d’oca è un alimento ricco di vitamina K2. (Fonte: Budarin: 76332780/ 123rf.com)

Cos’è la vitamina K2?

La vitamina K, come la vitamina D, è una sostanza liposolubile il cui assorbimento migliorerà se viene ingerito in presenza di grassi. Nel 1935, il dottore danese Henrik Dam determinò che questa molecola è indispensabile per la coagulazione e la battezzò “vitamina K” secondo questa funzione (da ‘coagulazione’ in tedesco).

Attualmente, ci sono cinque varianti di questa vitamina. I suoi due derivati naturali sono la vitamina K1 o fillochinone (abbondante nelle verdure a foglia verde) e la vitamina K2 o menachinone (presente in alimenti di origine animale e in prodotti fermentati come formaggio o natto, un derivato della soia).

foco

Sapevi che la mancanza di vitamina K può causare emorragia nei neonati, quindi è consigliabile somministrare un’iniezione preventiva di questa vitamina ai bambini subito dopo la nascita?

Cosa differenzia la vitamina K2 dalla vitamina K1?

Fino a qualche anno fa, si riteneva che l’unica differenza tra vitamina K1 e vitamina K2 fosse la loro provenienza, con la capacità del corpo di trasformare facilmente il fillochinone in menachinone. Tuttavia, alcuni esperti hanno iniziato a suggerire che queste sostanze siano considerate due nutrienti ben differenziati.

Sebbene entrambe le vitamine siano fattori essenziali per l’attivazione delle proteine che regolano la coagulazione e altri processi metabolici corporei altrettanto importanti, la vitamina K2 è associata a una diminuzione della deposizione di calcio nei vasi sanguigni, migliorando la salute vascolare. La vitamina K1 non ha questa proprietà.

Diversi studi hanno osservato che le persone anziane (specialmente le donne) che mantengono alti livelli di vitamina K2 beneficiano di una minore incidenza di osteoporosi e calcificazione delle arterie, cosa che non accade tra gli utilizzatori di K1. Questa è la principale differenza tra entrambe le molecole.

Che funzioni ha la vitamina K2?

La vitamina K, in qualsiasi sua forma, agisce come un cofattore o una molecola che partecipa ai processi di coagulazione del sangue. Agisce anche come regolatore del metabolismo e antiossidante con un effetto protettivo contro vari tipi di cancro (in particolare il cancro del colon e del seno) e la demenza.

D’altra parte, la vitamina K2 ha una serie di proprietà che sembrano essere esclusive di questa sostanza. Qui di seguito puoi consultare una tabella comparativa che include le funzioni proprie di tutte le forme di vitamina K da un lato e le particolari caratteristiche del menachinone, dall’altro.

Funzioni della vitamina K Funzioni esclusive della la vitamina K2
Attivazione della coagulazione Mineralizzazione ossea
Formazione ossea Prevenzione della calcificazione arteriosa
Protezione neuronale Prevenzione della calcificazione cardiaca
Antiossidante cellulare Rinforzo dello smalto dentale
Potenziatore della risposta immunitaria Antiossidante cellulare cutaneo
Regolatore del metabolismo energetico Regolazione della produzione ormonale (incremento del testosterone negli uomini e diminuzione nella donne)

La vitamina K2 è stata una sostanza nutritiva poco studiata fino a tempi relativamente recenti. Sono necessarie ulteriori prove prima di poter confermare ufficialmente i suoi effetti benefici. Comunque sia, gli esperimenti più recenti forniscono dati molto promettenti che rafforzano l’idea che la vitamina K2 sia un nutriente essenziale per la salute.

Come sono relazionate la vitamina D3 e la vitamina K2?

La vitamina D3 promuoverà l’assorbimento del calcio e la mineralizzazione delle ossa e dei denti. Tuttavia, alcuni esperti temono che livelli molto elevati di vitamina D e calcio possano portare al deposito di questo minerale in luoghi inappropriati, come le pareti dei vasi sanguigni e dei reni.

La vitamina K2 contribuirà anche alla mineralizzazione delle ossa. Allo stesso tempo, attiverà una serie di proteine strettamente correlate al calcio presente nel tessuto osseo e dentale. Ciò aumenterà la quantità di minerale che si deposita nell’osso e diminuirà la concentrazione di calcio in grado di compromettere il funzionamento di altri organi.

È per questo motivo che molti esperti in nutrizione considerano queste vitamine sinergiche, cioè in grado di lavorare insieme per migliorare le loro azioni benefiche. La vitamina K2 consentirà alla vitamina D3 di esercitare i suoi effetti prevenendo quelli avversi associati a un’eccessiva integrazione con questa sostanza.

Quali sono i dosaggi consigliati di vitamina D3 e di vitamina K2?

L’assunzione raccomandata di ciascun nutriente viene decisa secondo criteri scientifici e ratificata da diverse organizzazioni internazionali. Nel caso delle vitamine D3 e K2, l’importo giornaliero raccomandato (RDA) si basa su variabili diverse, come l’età, il sesso e le particolari condizioni di salute di ciascun individuo.

Nel caso della vitamina D3, la RDA può essere quantificata sotto forma di Unità Internazionali (UI), un parametro che misura il grado di attività biologica, in nanogrammi (ng) o in microgrammi (μg). La RDA per la vitamina K2 sarà misurata in microgrammi. Nella seguente tabella è possibile consultare la RDA per ciascuna di queste sostanze:

Gruppo di appartenenza RDA vitamina D3 RDA vitamina K2
Bebè 0-6 mesi 400 UI o 10 μg 2 μg
Bebè 6-12 mesi 400 UI o 10 μg 2,5 μg
Bambini 1-3 anni 600 UI o 15 μg 30 μg
Bambini 4-8 anni 600 UI o 15 μg 55 μg
Adolescenti 9-18 anni 600 UI o 15 μg 60 μg
Adulti fino a 70 anni 800 UI o 15 μg 75 μg
Donne sopra i 70 anni 800 UI o 20 μg 90 μg
Uomini sopra i 70 anni 800 UI o 20 μg 120 μg

Chi danneggia la carenza di vitamina D3 e K2?

Gli alimenti ricchi di vitamina K2 sono molto rari nella dieta occidentale. Il corpo utilizzerà principalmente la vitamina K1, molto più abbondante nella nostra dieta. Questa vitamina sarà in grado di preservare la funzione di coagulazione del sangue, ma non fornirà la stessa quantità di benefici della vitamina K2.

Anche la carenza di vitamina D3 è molto frequente. Si stima che tra il 30 e l’80% della popolazione mondiale soffra di qualche tipo di carenza di questa vitamina, causata principalmente da una ridotta esposizione alla luce solare, dall’abuso di creme solari e dalla promozione di uno stile di vita sedentario.

vitamina-d3-k2-salmone-xcyp1

Il salmone è delizioso e ricco di vitamina D3. (Fonte: Baibakova: 34039849/ 123rf.com)

Alcune persone sono molto più vulnerabili quando soffrono di una ipovitaminosi D3 o K2 rispetto alla popolazione generale. I soggetti che compaiono nell’elenco di seguito dovrebbero pianificare attentamente la loro dieta, se vogliono evitare la comparsa di qualche tipo di squilibrio correlato all’assorbimento o all’accumulo di queste vitamine:

  • Maggiori di 60 anni: La capacità di assorbire, immagazzinare e sintetizzare queste vitamine diminuisce con l’età.
  • Persone con turni di lavoro notturni, impiegati e studenti: La loro esposizione al sole è inferiore a quella raccomandata per mantenere i livelli di vitamina D3 entro limiti sani.
  • Persone di carnagione scura: Una pelle con più melanina assorbirà i raggi del sole e ostacolerà la creazione di vitamina D3.
  • Vegani e vegetariani: Il colecalciferolo e il menachinone sono prodotti difficili da trovare in una dieta a base vegetale, che aumenta la probabilità di soffrire di carenze di questi nutrienti.
  • Persone che usano la protezione solare frequentemente: Bloccando i raggi ultravioletti, la formazione di vitamina D3 sarà ostacolata.
  • Persone con malattie intestinali croniche: L’assorbimento di tutte le vitamine (comprese D3 e K2) sarà influenzato nei casi di malassorbimento (come nella colite ulcerosa o nella malattia di Crohn).
  • Le persone che assumono spesso trattamenti antibiotici: I batteri benefici dell’intestino contribuiscono all’assorbimento della vitamina K2. La loro distruzione influenzerà i livelli di questa vitamina.
  • Persone che bevono alcol in eccesso: Questa sostanza ossidante si oppone all’assorbimento della vitamina K2 e ne ostacola le funzioni.

Quali problemi può provocare uno squilibrio di vitamina D3 e K2?

Gli effetti della carenza di vitamina D3 appariranno insidiosi, causando una sensazione non specifica di affaticamento e disagio. Se questa situazione non viene corretta, appariranno problemi nel metabolismo del calcio e di altri minerali, che provocheranno la comparsa di osteoporosi, dolori articolari e lesioni ossee e muscolari.

I problemi derivati dalla carenza di vitamina K2 influenzeranno in misura maggiore la capacità del corpo di coagulare. Al minimo contatto compaiono lividi, ferite o emorragie (ad esempio, sanguinamento delle gengive dopo lo spazzolamento dei denti). Nel caso delle donne, le mestruazioni diventeranno molto abbondanti e ci vorrà del tempo perché scompaiano.

vitamina-d3-k2-donne-xcyp1

Un integratore di vitamina D3 e K2 sarà molto utile per le donne mature per prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi. (Fonte: Shironosov: 31375574/ 123rf.com)

D’altra parte, se i livelli di vitamina D3 rimangono elevati, ma i livelli di vitamina K2 diminuiscono, aumenterà la probabilità che il calcio proveniente da fonti dietetiche o d’integrazione si depositi nelle arterie, causando ipertensione e danneggiando lentamente ma insidiosamente cuore e reni.

Dr. Villegas (@DrJAVillegas)Medico ricercatore/specialista in integrazione sportiva

“Più vitamina K2 e D3 ed esercizio e meno calcio in pillole per gli adulti con osteoporosi”.

Come posso aumentare i miei livelli di vitamina D3 e K2?

Tutti gli esperti concordano sul fatto che l’esposizione al sole è il modo più efficace per ottenere un aumento dei livelli di vitamina D3. Prendere il sole per circa 15-30 minuti al giorno fornirà una quantità sufficiente di colecalciferolo, sebbene l’uso della crema solare possa rendere difficile l’ottenimento della vitamina D3 in questo modo.

Per le persone che non vogliono essere esposte alle radiazioni solari, c’è un’opzione per ottenere questa vitamina attraverso la dieta. Gli alimenti di origine animale come i fegatini di pollo, il salmone e il tuorlo d’uovo sono particolarmente ricchi di vitamina D3. Sfortunatamente, non ci sono fonti alimentari vegane di questa vitamina.

vitamina-d3-k2-spray-xcyp1

Uno “spray” o spruzzatore orale è un modo semplice e conveniente per integrare la vitamina D3 e la K2.
(Fonte: Guillem: 89097091/ 123rf.com)

La vitamina K2 è molto più difficile da ottenere, soprattutto se si segue una dieta “occidentale” (come la dieta mediterranea). Questo nutriente è presente in piccole quantità in prodotti di origine animale, come il fegato d’oca o le uova di polli ruspanti. Sarà più abbondante nei cibi fermentati come il natto e alcuni formaggi.

Quali alimenti sono ricchi di vitamina D3?

È possibile trovare grandi quantità di vitamina D3 negli alimenti di origine animale, come pesce, uova o latticini. Qui d seguito puoi consultare una tabella che include le principali fonti di vitamina D3 e la loro concentrazione di colecalciferolo in relazione alla quantità giornaliera raccomandata o alla RDA per un adulto:

Alimento Concentrazione approssimata (UI) % RDA (per un adulto)
Olio di fegato di merluzzo (1 cucchiaio) 500 80
Salmone (75 g) 350 60
Sgombro (75 g) 200 30
Tonno (75 g) 150 25
Sardine ( 75g) 150 25
Latte arricchito (250 ml) 100 15
Tuorlo d’uovo (per unità) 45 8
Fegato di vitello (75 g) 35 6
Margarina arricchita (1 cucchiaino) 30 5

Sebbene l’assorbimento della vitamina D3 attraverso la dieta sia meno efficiente della produzione di questa sostanza attraverso l’esposizione al sole, una dieta varia e ricca di questi prodotti può fornire una quantità di colecalciferolo sufficiente per godere della salute delle ossa, mentale e cardiaco.

Quali alimenti sono ricchi di vitamina K2?

La quantità di vitamina K2 presente nei prodotti di origine animale dipende molto dall’alimentazione che è stata fornita agli animali durante tutta la loro educazione. Le uova di polli ruspanti, ad esempio, hanno un contenuto superiore di vitamina K2 rispetto alle uova ottenute da galline allevate in gabbia.

Gli alimenti fermentati, ricchi di fenochinone, devono essere refrigerati e conservati convenientemente per evitare il deterioramento della vitamina K2 presente in essi. La tabella seguente contiene un elenco di alimenti ricchi di vitamina K2, sia animali che fermentati:

Alimento Concentrazione approssimata (ɥg) % RDA (per un adulto)
Nattō (100g) 1000 1300
Patè d”oca (100g) 369 500
Formaggi stagionati: Parmigiano, Grana Padano (100g) 75 100
Formaggi Brie (100g) 50 65
Tuorlo d”uovo di gallina ruspante 32 45
Tuorlo d’uovo di gallina allevata in gabbie 15 20
Burro (100g) 15 20
Petto di pollo (100g) 9 12
Fegato di vitello (100g) 5 7
Latte interno (100 ml) 1 1

Chi deve assumere un integratore di vitamina D3 e K2?

Poiché una grande percentuale della popolazione ha livelli insufficienti di vitamina D3 o vitamina K2, alcuni nutrizionisti consigliano di integrarla a tutte le persone. Altri esperti sono più sobri e raccomandano di dare un contributo extra di queste vitamine solo alle persone che appartengono a uno dei seguenti gruppi:

  • Maggiori di 60 anni
  • Vegani o vegetariani
  • Individui con un’esposizione limitata alla luce solare
  • Donne in postmenopausa, specialmente se soffrono di perdita di densità ossea
  • Persone obese
  • Persone che hanno avuto una chirurgia bariatrica o qualche tipo di resezione intestinale
  • Persone con problemi cardiovascolari (ipertensione, insufficienza cardiaca)
  • Le persone che seguono diete molto restrittive o sbilanciate
  • Persone con insufficienza renale

La combinazione di vitamina D3 e K2 sarà particolarmente vantaggiosa per chi ha una storia familiare o personale di eventi cardiaci associati alla deposizione di calcio arterioso. In questo caso, la vitamina K2 agirà come un elemento protettivo che impedirà il deposito di calcio arterioso che può causare l’integrazione D3.

Che tipo di integratori di vitamina D3 e K2 esistono?

Gli integratori di vitamina D3 e K2 possono essere acquistati in diversi formati, come capsule, gocce o polvere. Il colecalciferolo presente in questi articoli procederà nella stragrande maggioranza dei casi di prodotti di origine animale, sebbene alcuni produttori affermino di avere funghi in grado di produrre D3 vegano.

Nel caso della vitamina K2, esistono diverse isoforme (varianti molecolari) disponibili come integratore alimentare. Le varietà di vitamina K2 più utilizzate per l’integrazione sono conosciute come “vitamina K2 MK-4” e “vitamina K2 MK-7”. Le sue azioni sull’organismo sono riassunte di seguito:

  • Vitamina K2 MK-4: La MK-4 è la forma più attiva di vitamina K2. Questa sostanza viene rapidamente assorbita e immagazzinata nel cervello, nelle arterie, nel pancreas e nelle ghiandole salivari.
  • Vitamina K2 MK-7: Questa forma di vitamina K2 penetra più facilmente all’interno delle ossa e del tessuto epatico. Lì, è metabolizzata in vitamina K2 MK-4 per generare i suoi effetti benefici.

Gli esperti consigliano di utilizzare un integratore di vitamina D3 e K2 che contenga una combinazione bilanciata di entrambe le isoforme del menachinone. In questo modo, la vitamina K2 può raggiungere in egual misura tutte le parti del corpo, proteggendo ossa, arterie, reni e tessuto cerebrale.

Luis M TorresMedico anestesista

“La vitamina D3, la K2, gli Omega 3, il magnesio e i probiotici sono i principali integratori nutrizionali”.

Che range di prezzi hanno gli integratori di vitamina D3 e K2?

Il costo degli integratori di vitamina D3 e K2 è leggermente superiore a quello degli integratori di colecalciferolo da soli, circa 20 euro per contenitore. La maggior parte di questi articoli contiene una quantità sufficiente per un’integrazione per tre o più mesi, il che conferisce a questi articoli un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Gli integratori 100% vegani, articoli contenenti altre vitamine, minerali o estratti vegetali e quei prodotti di marchi noti, avranno un prezzo leggermente più alto. Tuttavia, è possibile trovare offerte e promozioni che renderanno questo integratore un’opzione molto più economica per un periodo limitato.

vitamina-d3-k2-merluzzo-xcyp1

L’olio di fegato di merluzzo è una fonte di acidi grassi essenziali omega-3 e vitamina D3.
(Fonte: Geel: 92630892/ 123rf.com)

Come devo assumere il mio integratore di vitamina D3 e K2?

Gli integratori combinati di vitamina D3 e K2 devono essere assunti secondo le istruzioni del produttore. Il loro uso è semplice e, in generale, sarà necessario assumere solo una dose al giorno. Nei paragrafi seguenti trovi le risposte alle domande più frequenti che possono sorgere durante l’utilizzo di questi prodotti:

  • In che quantità? È consigliabile scegliere un integratore che fornisca la dose giornaliera raccomandata di vitamina D3 e K2. In generale, gli articoli in vendita offrono quantità molto più elevate della RDA di colecalciferolo e menachinone, quindi nella maggior parte dei casi sarà sufficiente una singola dose giornaliera di integratore.
  • In che rapporto? Un’adeguata quantità di vitamina K2 garantirà l’uso corretto della vitamina D3 e preverrà l’indurimento delle arterie causato dal corretto deposito di calcio. A tale scopo, si consiglia che l’integratore scelto contenga almeno 45 gradi di vitamina K2 per 1000 UI di colecalciferolo.
  • Con o senza alimenti? Poiché la vitamina D3 e la vitamina K2 sono molecole liposolubili, il loro assorbimento sarà migliore se vengono consumate durante i pasti, accompagnati da cibi preferibilmente grassi o conditi. Un’insalata condita con olio d’oliva, ad esempio, favorirà l’assimilazione dell’integratore.

Quali benefici posso aspettarmi dal mio integratore D3 e K2?

Il mantenimento delle vitamine D3 e K2 entro i limiti raccomandati è associato ad un miglioramento generale dello stato di salute fisica, mentale e metabolica. Queste molecole agiranno in sinergia, migliorando i loro effetti benefici e fornendo una serie di vantaggi che trovi riassunti nella seguente lista:

  • Aumento delle prestazioni muscolari (forza e resistenza)
  • Diminuzione della pressione sanguigna
  • Aumento della densità ossea con ridotta incidenza di fratture
  • Diminuzione dell’incidenza di malattie cardiache o coronariche
  • Miglioramento dello stato dei vasi sanguigni, diminuzione delle vene varicose
  • Rafforzamento dello smalto dei denti e minore incidenza di carie
  • Aumento dell’energia
  • Protezione contro le infezioni (raffreddore, influenza e catarro)
  • Miglioramento dell’umore
  • Conservazione delle capacità intellettuali (specialmente della memoria)
  • Diminuzione del colesterolo LDL (colesterolo “cattivo”)
  • Miglior controllo del sanguinamento
  • Miglioramento dell’aspetto della pelle
  • Sollievo dei sintomi della psoriasi e di altre malattie infiammatorie croniche
  • Aumento della velocità di guarigione delle contusioni (“lividi”)
  • Regolazione della produzione di testosterone nei maschi
  • Miglioramento dei sintomi della sindrome dell’ovaio policistico nelle donne
  • Aumento della sensibilità all’insulina, con riduzione dei livelli di glucosio nel sangue

Alcuni studi sono giunti a stabilire un rapporto tra i livelli ottimali di queste vitamine e una minore incidenza di cancro. Sono stati pubblicati diversi lavori (sul cancro al seno, sul colon e sul cancro alla prostata, tra gli altri) che offrono risultati promettenti sulla capacità antitumorale di queste sostanze.

È possibile assumere una quantità eccessiva della combinazione di vitamina D3 e K2?

La vitamina D3 è in grado di essere immagazzinata nei tessuti grassi del corpo, eliminandosi con difficoltà. Se viene ingerita una quantità eccessiva di integratori di questa vitamina, compaiono effetti spiacevoli come debolezza e vomito. Fortunatamente, la vitamina K2 agisce riducendo l’intensità di questi sintomi.

Come abbiamo visto, anche la vitamina K2 è una sostanza liposolubile. Paradossalmente, gli effetti tossici secondari al consumo di questa sostanza non sono stati descritti anche a dosi molto elevate (100 o più volte superiori alla RDA), pertanto non è stato concordato un limite massimo giornaliero di assunzione per il menachinone.

foco

Sapevi che l’omologo sintetico della vitamina K, la K3, è tossico a dosi elevate e che quindi è molto importante non confonderlo con la vitamina K2?

Quindi, si consiglia di non superare un limite giornaliero di 5000 UI per la vitamina D3. Inoltre, è essenziale scegliere un integratore contenente 45 μg di fenochinone per 1000 UI di colecalciferolo, evitando così il verificarsi di effetti collaterali. Sebbene non vi sia un limite stabilito per la vitamina K2, la RDA non dovrebbe essere superata.

Quali effetti collaterali può provocare un integratore di D3 e K2?

L’uso di qualsiasi tipo di integratore può causare effetti indesiderati di maggiore o minore gravità. Anche la combinazione di vitamine D3 e K2 può causare la comparsa di effetti avversi, sebbene il più delle volte si tratti di semplici disagi senza gravi ripercussioni cliniche.

Effetti collaterali frequenti: È possibile che alcuni effetti collaterali appaiano fastidiosi, ma senza trascendenza maggiore, come flatulenza, fastidio addominale e sensazione di gonfiore addominale. Questi disagi scompariranno gradualmente quando l’organismo si abituerà alla digestione dell’integratore.

Effetti collaterali poco frequenti: Alcuni sintomi spiacevoli sono stati descritti durante l’integrazione di vitamina D3 e K2, come nausea, vomito e forte dolore addominale. Questi effetti sono molto meno frequenti di quelli descritti nel paragrafo precedente, ma richiedono un aggiustamento della dose o l’abbandono dell’integrazione.

Effetti collaterali rari: Eccezionalmente possono manifestarsi effetti più gravi, come vomito e intensa diarrea, perdita di appetito e debolezza muscolare. In questo caso, si consiglia di interrompere immediatamente l’assunzione dell’integratore e di recarsi in un centro medico il prima possibile.

Che controindicazioni hanno gli integratori di vitamina D3 e K2?

Anche se gli integratori di vitamina D3 e K2 sono generalmente considerati sicuri, non sono esenti da controindicazioni. Le persone che stanno lottando per controllare i livelli di zuccheri nel sangue dovrebbero fare molta attenzione a questo tipo di integratore, che può causare una diminuzione della glicemia inattesa.

I soggetti con problemi al fegato o ai reni hanno un metabolismo delicato e dovrebbero consultare un professionista sanitario di fiducia prima di iniziare l’integrazione con queste vitamine. Né è consigliato assumere vitamine senza supervisione alle donne in gravidanza o in allattamento.

Infine, sarà necessario prendere in considerazione le possibili interazioni farmacologiche tra queste vitamine e i trattamenti medici più noti. Se assumi abitualmente uno qualsiasi dei farmaci presenti nell’elenco seguente, consulta il tuo medico prima di iniziare l’integrazione con queste vitamine:

  • Warfarin (anticoagulante antagonista della vitamina K)
  • Antiretrovirali
  • Trattamento per l’insufficienza renale cronica
  • Antiepilettici
  • Antiacidi
  • Farmaci ipolipemizzanti (farmaci per abbassare il colesterolo) come Orlistat
  • Farmaci per il trattamento della psoriasi
  • Alcuni antibiotici, come le tetracicline
  • Digossina (trattamento antiaritmico)
  • Trattamento antiipertensivo
  • Ormone tiroideo
  • Alcuni diuretici
  • Corticosteroidi
  • Lassativi

Criteri di acquisto

Mettiamo a tua disposizione alcuni criteri di acquisto che ti aiuteranno a scegliere un integratore di vitamina D3 e K2 che si adatti perfettamente alle tue esigenze. Il seguente elenco contiene gli aspetti più importanti di questo tipo di prodotto, quelli che non possono essere trascurati se vuoi acquistare un articolo di buona qualità.

  • Allergeni
  • Alimentazione vegana o vegetariana
  • Minerali
  • Dosaggio
  • Rapporto qualità prezzo
  • Forma di somministrazione

Allergeni

Eccezionalmente, possono verificarsi reazioni allergiche secondarie all’uso di integratori di vitamina D3 e K2. In generale, i sintomi di ipersensibilità saranno dovuti ad alcuni degli eccipienti del prodotto. Controlla molto bene gli ingredienti del tuo articolo se sei intollerante a composti come il glutine o il lattosio.

Alimentazione vegana o vegetariana

È difficile trovare integratori vegani di vitamina D3 e K2. Come abbiamo detto nelle sezioni precedenti, il colecalciferolo è un composto che si trova quasi esclusivamente negli alimenti di origine animale, motivo per cui molti vegani e vegetariani preferiscono usare integratori con vitamina D2, che possono essere ottenuti da fonti di origine vegetale.

Recentemente, alcuni integratori di vitamina D3 e K2 adatti ai vegani hanno iniziato ad emergere. Secondo i produttori, la produzione di colecalciferolo è stata ottenuta da funghi o licheni appositamente coltivati per questo scopo. Questa può essere una buona opzione per coloro che non vogliono rinunciare all’integrazione.

Minerali

Alcuni integratori di vitamina D3 e K2 possono contenere minerali come calcio, fosforo o magnesio. Data questa scelta, la maggior parte degli esperti consiglia di scegliere un integratore contenente magnesio. L’assorbimento di calcio e fosforo sarà aumentato grazie all’assunzione di vitamina D3, quindi non sarà necessario integrarli.

Vitamina D3 : benefici, fonti e carenzeLa vitamina D3 anche conosciuta come "vitamina del sole" svolge un ruolo…

Gepostet von Cerasella Da Ros Jica am Sonntag, 7. April 2019

Dosaggio

È conveniente che presti attenzione alla dose di vitamina D3 del tuo integratore di colecalciferolo con il menachinone. Come abbiamo detto, il dosaggio di D3 non dovrebbe mai superare i 5000 UI, se non diversamente prescritto da un medico (qualcuno può anche consigliare dosaggi inferiori più vicini al RDA di 800-1000 UI).

foco

Non dimenticare che la dose di vitamina K2 deve essere in equilibrio con quella della D3.

Rapporto qualità prezzo

Gli effetti degli integratori di vitamina D3 e K2 cominciano a essere notati poche settimane dopo l’inizio del trattamento. Tuttavia, questi articoli devono essere utilizzati per sei o più mesi al fine di risolvere una vera ipovitaminosi. Investi in imballaggi di tipo “extra large”, che ti permetteranno di risparmiare a lungo termine.

Forma di somministrazione

Nel caso degli integratori di vitamina D3 e K2, la forma di somministrazione non influenzerà indebitamente l’assorbimento o l’efficacia finale del prodotto. Pertanto, ti consigliamo di scegliere la forma di somministrazione del tuo articolo in base alle tue preferenze. Nel mercato, troverai numerosi formati:

  • Compresse: Queste compresse sono ricoperte da un rivestimento che dà loro un sapore piacevole e facilita la loro assunzione.
  • Capsule morbide: Questo tipo di integratore è particolarmente adatto per quegli individui che hanno difficoltà a ingoiare grandi pillole.
  • Spray orale: Questo formato ingegnoso ti permette di dimenticarti di prendere le pillole. Alcuni prodotti sono adatti per essere spruzzati sul cibo, anche come condimento.
  • Gocce: Questo formato contiene un pratico contagocce che consente di regolare la dose dell’integratore.
  • Polvere: Questa preparazione può essere miscelata sotto forma di purea, bevande o frullati, fornendo un “extra” nutrizionale bevibile. Permette anche di regolare le dosi in modo più accurato.

Conclusioni

La combinazione di vitamina D3 e K2 è esplosa nel mondo dell’integrazione. Queste due molecole formano un team incomparabile che fornirà tutti i vantaggi del colecalciferolo limitando i suoi effetti collaterali. La sua attività antiossidante finisce per rendere questo integratore un elemento indispensabile.

Se segui i nostri consigli, puoi ottenere il massimo dal tuo integratore D3 e K2. Un uso intelligente di questo prodotto proteggerà le tue ossa e il tuo sistema cardiovascolare allo stesso tempo, il che ti permetterà di godere di una vita attiva e libera da malattie per molti anni. Tieni d’occhio questo meraviglioso integratore!

Se ti è piaciuta la nostra guida su vitamina D3 e K2, lascia un commento e condividi questo articolo.

(Fonte dell’immagine in evidenza: McAdam: 76443287/ 123rf.com)

Perché puoi fidarti di me?

Anabel Redattrice laureata in medicina
Laureata in Medicina. La mia missione: utilizzare il metodo scientifico per trovare nuovi modi per migliorare le prestazioni sportive e intellettuali delle persone sane. Il mio pubblico: le persone che desiderano informazioni sull'integrazione basata sulle evidenze. I miei integratori preferiti: L-teanina e vitamine del gruppo B.